Il Metallurg a forza tre sul MoDo

Di Emanuele Badessi

Secondo match della prima giornata che vede affrontarsi sul ghiaccio gli svedesi del MoDo e i Russi del Metallurg Magnitogorsk. I favoriti d’obbligo sono i russi ma visto il risultato del match precedente tutto può accadere.
Il primo periodo vede una supremazia da parte della compagine russa che concretizza la mole di gioco prodotta già dopo 8’51" con Mirnov che batte Krizan per l’1-0; il metallurg non smette di portare pressione sulla gabbia del MoDo e dopo aver sprecato una superiorità gli uomini di coach Postnikov raddoppiano al 16’49" con Kulemin che, posizionato centralmente all’altezza del punto d’ingaggio, corregge l’assist di Fedorov di quel tanto che basta per rendere vano il tentativo di parata di Krizan.
Nel secondo periodo cambia la musica, almeno inizialmente, complice anche una penalità comminata dagli arbitri alla compagine russa nei secondi finali del drittel precedente; il MoDo preme alla ricerca del gol che accorcerebbe le distanze ma Scott fa buona guardia e permette ai suoi di riorganizzare le idee almeno fino a quando al 38’00" Kudrna non tira fuori dal cilindro una giocata da standing ovation e mette a segno il 3-0 che chiude il periodo centrale.
Il terzo periodo non offre particolari spunti con i russi che controlano il match e gli svedesi che tentano con poca convinzione di battere un sempre attento Scott.
Con la prova di forza messa in mostra oggi il Metallurg si candida a vincere questa edizione della European Champions Cup anche se Coach Postnikov non si mostra soddisfatto e sottolinea come il nervosismo abbia impedito ai suoi di esprimersi al meglio.

Tags: