All Stars Game: definito i quintetti di partenza

di Marco Nicoletti

Mancano ormai solo un paio di settimane all’inizio dell’All Stars Game di Atlanta, notte di stelle e di talento. I fans hanno deciso chi prenderà parte all’evento e sono stati pubblicati i quintetti di partenza: ogni nome in questa lista di 10 persone fa venire i brividi e provoca nell’immaginario degli appassionati giocate spettacolari, per non parlare dei numeri, intesi come statistica, che questi talenti portano nel loro bagaglio.
Andando per ordine presentiamo i due roster:

Eastern Conference:

Sidney Crosby: molto probabilmente il talento più cristallino del panorama hockeystico mondiale, capace di giocate spettacolari e sempre al servizio della squadra;

Vincent Lecavalier: leader indiscusso di Tampa Bay, già vincitore di una Stanley proprio con i Lightning sforna ogni anno cifre record e anche quest’anno è in testa allo scoring table;

Daniel Alfredsson: cecchino insaziabile, è uno dei miglior realizzatori della lega, membro insostituibile nella prima linea di Ottawa;

Andrei Markov: primo all-stars per lui nella stagione in cui, mantenendo il ritmo attuale si avvia a migliorare il suo record di punti;

Zdeno Chara: il difensore slovacco è conosciuto da tutti per la sua mole immane (è il giocatore più alto della lega) e per il suo potentissimo slap, infatti nella scorsa edizione ha vinto la gara per il tiro più veloce, 104 miglia/h

Martin Brodeur: certamente non ha bisogno di presentazioni, per lui parla il foglio carriera, il vincitore dell’ultimo Vezina Trophy resta ancora uno dei migliori portieri in circolazione.

Western Conference:

Henrik Zetterberg: un inizio di stagione strabiliante con una striscia di marcature impressionante lo aveva proiettato in vetta allo scoring leader, un piccolo infortunio e un calo fisico gli hanno fatto perdere qualche colpo, ma resta sempre molto pericoloso;

Pavel Datsyuk: incredibile talento di scuola russa, scivola sul ghiaccio con la grazia di un ballerino e usa la stecca come prolungamento del suo braccio, da ammirare a bocca aperta;

Jarome Iginla: il capitano dei Flames sta concorrendo per la lotta come miglior realizzatore, sa presentarsi puntuale all’appuntamento col gol ed è un vero trascinatore;

Nicklas Lidstrom: da molti ritenuto il giocatore perfetto, il terzo membro di Detroit in questo roster di partenza è uno dei giocatori più completi del panorama hockeystico, in cui l’intelligenza tattica è forse la sua miglior dote;

Dion Phaneuf: salito alla ribalta come rookie spavaldo, ha saputo conquistarsi i favori dei tifosi con un gioco molto fisico e marcature dalla blu, in pochi anni è divenuto un simbolo per Calgary;

Roberto Luongo: un altro goalie che non necessita di molte presentazioni, ha concorso fino all’ultimo per il Vezina contro Brodeur, il che è tutto dire, e la sua solidità tra i pali è disarmante per gli avversari, molto probabilmente però non sarà della partita poichè sua moglie partorirà a giorni e ha fatto una scelta coraggiosa che merita un fragoroso applauso.

A tutti gli appassionati di hockey NHL buon divertimento.