36a giornata: bene l’Ambrì, timidi segnali di risveglio per il Lugano

di Matteo P.

Davos-Lugano 1-2 ds (0-0,1-1,0-0,0-1)

Alla Vaillant Arena di Davos si affrontavano due formazioni che stanno attraversando un momento di forma opaco. Ne è scaturita una partita contratta, con i padroni di casa comunque più intraprendenti sul fronte offensivo. Alla fine a vincere è stato il Lugano, abile nell’overtime a sfruttare una penalità contro il grigionese Ambühl.

Ambrì-Friborgo 5-1 (1-0,3-0,1-1)

Un Ambrì determinato non lascia scampo al Friborgo e continua così la propria rincorsa all’ottavo posto. Partita decisa dai padroni di casa nel secondo drittel, con i leventinesi che hanno bucato Caron per ben 3 volte (Stirnimann, Westrum, Schena). Rete della bandiera burgunda di Laaksonen.

Basilea-Rapperswil 2-3 (1-2,1-1,0-0)

Con il minimo scarto il Rapperswil espugna Basilea e porta a casa così tre punti fondamentali in ottica playoff. La rete decisiva è stata messa a segno dall’uomo di maggior classe dei sangallesi, il polacco ex-NHL Mariusz Czerkawski.

Zurigo-Zugo 3-1 (0-0,1-1,2-0)

Con 2 goals nei minuti finali lo Zurigo supera lo Zugo e si issa così al 6o posto. Gli svizzero centrali hanno pagato a caro prezzo la penalità contro Di Pietro, costata il punto del 2-1.

Tags: