Cortina – Bolzano: la cronaca

di Alberto Manaigo

Cortina – Bolzano 3-3 (0-2/1-1/2-0)

L’Olimpico di Cortina propone un altro classico dopo la sfida cha ha visto i padroni di casa sconfiggere il Milano il giorno di S.Stefano: questa volta a far visita agli ampezzani è il Bolzano dei tanti ex. A McKay ed Ansoldi si è aggiunto recentemente Kenny Corupe: la vera novità dell’incontro è, però, Ryan Jardine. Inizia bene la formazione di casa con una bella combinazione Savoia-Souza: l’italo americano non tira e serve un disco all’accorrente Russel che, però, manca il disco di poco.
E’, però, il Bolzano a sbloccare il risultato: una fucilata dalla blu di Florian Ramoser sorprende Maund e si infila nel sette. Meno di un giro di lancette e il Bolzano raddoppia: Con Jardine in panca puniti, Borgatello ruba un disco e si porta in zona di tiro. Il terzino meranese decide di tirare dalla riga di fondo ed il disco passa tra il gambale di Maund e il palo.

Il Cortina non molla nonostante il doppio passivo: al 5:45 Dyment tira dalla blu ed il rimbalzo lasciato da Groeneveld carambola pericolosamente davanti alla porta: nemmeno il tuffo di Cote, però, servirà a spingere il puck in rete. All’8:51 veloce discesa di De Bettin sulla destra: il capitano biancoazzurro vede arrivare Cote a rimorchio e lo serve. La conclusione del canadese trova, però, l’ottima opposizione di Groeneveld.

Nella seconda frazione nonostante la penalità inflitta a Leo Insam dal capoarbitro Metelka è ancora il Bolzano a farsi pericoloso: Ansoldi si inserisce bene ed impegna Maund in backhand. Al 28:43 è la volta del Cortina: Wedderburn lancia bene Souza, ma la sua conclusione viene pinzata con sicurezza da Groeneveld. All’31:56 terza marcatura altoatesina: dopo un’azione insisitita di Abel, l’ex asiaghese Jardine conquista il rebound ed insacca con precisione a porta sostanzialmente vuota. Il Cortina subisce gli attacchi biancorossi ed al 35:12 è Maund che si trova a dover sventare una possibile azione pericolosa della terza linea bolzanina. Il goalie ampezzano esce dai pali per anticipare all’accorrente Pittis che lo colpisce con una bastonata: tra i due scatta una rissa alla quale partecipano diversi giocatori. Ad essere penalizzati saranno Mulick e Maund per il Cortina, Pittis e Hajt per il Bolzano. Bisogna attendere il 37:38 per assistere alla prima marcatura ampezzana. In doppia superiorità numerica i padroni di casa fanno girare bene il disco e Souza realizza con un tiro al volo su assist di Smith.

Il momento positivo del Cortina prosegue anche nella terza frazione: al 42:17 bella azione in velocità della prima linea con una buona circolazione del disco tra Russell e Savoia. Il puck arriva sulla stecca di Souza che non ci pensa due volte a battere nuovamente Groeneveld con uno slap al volo. Ancora Cortina al 44:51 ed ancora Souza veloce in contropiede: il rebound lasciato dal goalie altoatesino non viene, però, ribadito in rete dagli avanti ampezzani. Si supera Maund al 48:14 sulla doppia conclusione di Max Ansoldi, mentre Goeneveld rischia di combinarla grossa pochi istanti più tardi con la complicità di Hajt. Il Cortina spinge fino a raggiungere il pareggio al 55:20: gran tiro di Smith dalla blu e parata in extremis di Groeneveld. Il disco respinto dal gambale termina sulla stecca di Russell che può festeggiare il suo primo gol ampezzano. Gli uomini di Frycer ci credono e non sembrano appagati dalla rimonta, ma a causa di due penalità fischiate a De Bettin e Smith ed ai 10 minuti per proteste comminati a Dyment non riescono nell’impresa di portare a casa i due punti.

Buona la reazione degli ampezzani dopo un primo drittel messo al sicuro dal Bolzano con due marcature: dopo un buon secondo tempo ed un’ottima terza frazione i padroni di casa riescono nella rimonta dopo essere stati in sotto di tre gol. Il prossimo incontro vedrà i biancoazzurri ospitare l’Alleghe per il sentitissimo derby del bellunese.