25a giornata: derby al Lugano, torna alla vittoria il Davos

di Matteo P.

Ambrì-Lugano 1-2 dr (0-0,0-0,1-1,0-0,0-1)

Il Lugano fa suo il quarto derby stagionale e lo fa al termine di un incontro non bellissimo e che ha visto le maggiori emozioni concentrate nei 5 minuti finali. L’Ambrì, eccezion fatta per il terzo periodo, si è dimostrato più propositivo (senza trovare peraltro la via della rete), mentre i sottocenerini a tratti sono sembrati fin troppo remissivi. Buono l’esordio nella gabbia luganese di Aebischer.
La partita: a sparigliare le carte ci ha pensato Paterlini che, ben imbeccato da J. Vauclair, al 56:39 superava Bäumle. Quando ormai le speranze leventinesi erano ridotte al lumicino Domenichelli, in un remake di quanto successo nel secondo derby stagionale, trovava la zampata che mandava tutti all’overtime (mancavano 9 secondi al 60’). Dopo 5 minuti trascorsi senza reti, Murray regalava ai rigori i due punti ai bianconeri.

Langnau-Berna 2-3 (0-3,1-0,1-0)

Il Berna concede il bis e come una settimana fa vince il derby in casa dei cugini. Partita sostanzialmente ipotecata già nel primo terzo, con le reti di Abid, Bordeleau e Furrer. Determinata, ma senza successo, la successiva rincorsa dei "Tigers" al pareggio.

Basilea-Servette 1-4 (0-0,0-2,1-2)

Tutto facile per il Servette che, sulla pista del fanalino di coda Basilea, passa con un tranquillo 1-4. I renani incassano così l’ennesima sconfitta di una stagione travagliata, mentre per i ginevrini tre nuovi punti per la rincorsa alla capolista Berna.

Davos-Rapperswil 8-1 (2-0,3-1,3-0)

Torna alla vittoria il Davos che alla Vaillant Arena "straccia" 8-1 il Rapperswil. Partita dominata in lungo e in largo dai padroni di casa, con una compagine sangallese che sembra in netta difficoltà nelle ultime partite.

Zugo-Friborgo ds 4-3 (1-1,1-1,1-1,1-0)

Lo Zugo soffre in casa contro un coriaceo Friborgo e vince ai supplementari grazie ad un punto di McTavish. In casa friborghese ottimo punto in ottica playoff, mentre per gli svizzero centrali altri due punti a confermare l’ambiziosa classifica.

Tags: