EIHC Le interviste di Croazia-Francia

di Francesco Seren Rosso

Vanja Belic, Croazia

HockeyTime: Dicci le tue impressioni sulla partita.
Vanja Belic: Sapevamo che sarebbe stata molto dura perchè la Francia è una buona squadra. Loro sono tutti professionisti, mentre noi siamo semi professionisti, e poi loro sono ottimi pattinatori.

HT: Pensi che la partecipazione all’EIHC possa far crescere la tua nazionale?
VB: Penso di si, è buono per noi partecipare a questi tornei perchè possiamo giocare con formazioni più forti e migliorarci.

HT: Parlaci un po’ dell’hockey croato.
VB: In Croazia abbiamo solo tre squadre (Mladost, Zagabria e Medveseak, n.d.r.), due di queste giocano in Serbia nella Panonian League (Zagabria e Medveseak), una in Slovenia (Mladost). Abbiamo anche un campionato nazionale, ma è un po’ noioso perchè ci si affronta troppe volte.

HT: Nel torneo, sei stato il migliore della tua squadra. Pensi che queste prestazioni ti aiutino a metterti in mostra?

VB: Spero di si, anche se sono nel giro della nazionale da un po’ di anni, comunque ovviamente spero di andare in una squadra importante.

Damien Raux, Francia

HockeyTime: Dicci le tue impressioni sulla partita.
Damien Raux: E’ stata una una discreta partita anche se abbiamo avuto un po’ di problemi. Sono contento del riconoscimento di miglior giocatore della Francia, anche se di sicuro non è stata la nostra miglior partita.

HT: Nel primo tempo avete giocato non al meglio, mentre nel secondo periodo vi siete sbloccati. Cosa è successo?
DR: Abbiamo iniziato a giocare un po’ troppo rilassati, forse perchè abbiamo un po’ sottovalutato gli avversari, ma nel secondo periodo abbiamo iniziato a giocare meglio.

HT: Qual è stata la migliore squadra che avete affrontato?
DR: L’Italia, dato che la Slovenia non aveva i migliori giocatori.

Si ringraziano Damien Raux, Vanja Belic e le federazioni di Francia e Croazia per la disponibilità.