Anche Lindros appende i pattini

Era nell’aria da un pò di tempo ma ora ha assunto i crismi dell’ufficialità: Eric Lindros, il 34enne Centro nativo di London (Ontario), a margine di una cena di beneficenza in cui ha donato 5 milioni di dollari al London Health Sciences Foundation, ha annunciato il suo ritiro dalla carriera hockeystica "Mi sarebbe piaciuto continuare a giocare ancora per un pò con la mia testa" ha detto Lindros commentando la sua decisione. Il centro canadese che ha difeso i colori di Flyers, Rangers, Leafs e Stars ha chiuso la sua carriera giocata lo scorso anno con la maglia di Dallas e in 13 anni di NHL ha disputato 760 match mettendo a referto 865 punti frutto di 372 gol e 493 assist con 1398 minuti di penalità.
Quello che ha sempre accompagnato Lindros tuttavia sono state gli svariati infortuni di cui è stato vittima, tra cui svariate commozioni cerebrali. A causa di questi stop forzati la media di partite giocate a stagione è statadi circa 58 e questo da ancora più la misura di quanto forte fosse il suo impatto sulle partite.

Con la maglia della foglia d’acero ha vinto 2 campionati del mondo giovanili e una medaglia d’argento (1992 ad Albertville) e un d’oro (2002 a Salt Lake City) ma ha anche consegnato la possibilità di giocarsi l’oro nel 1998 a Nagano alla Repubblica Ceca di Hasek e Jagr sbagliando il rigore decisivo (in quella squadra era il capitano).
Di lui Bob Clarke (GM dei Flyers ai tempi in cui Lindros vi giocava) ha detto: "Credo dovrebbe entrare nella ’Hall of Fame’, era un’attaccante grande, potente e dominante, a livello non di Gretzky o Lemieux ma quasi".

Per le dichiarazioni fonte "www.tsn.ca"

Tags: