H.C. Valpellice in fuga: battuti Egna e Merano!

di Paolo Vola

Erano 32 anni, dice la Voce storica della Valpe Daniele Arghittu, che i valligiani non erano primi da soli in testa alla classifica: e dato che quello fu l’anno della promozione…. speriamo nei corsi e ricorsi storici!
L’evento si è concretizzato ieri sera, nel solito Cotta Morandini ribollente d’amore dei suoi quasi 2.000 sostenitori, dopo l’autorevole vittoria contro l’Egna e grazie alla contemporanea sconfitta dell’Appiano a Merano, prossima tappa dei biancorossi.
E’ stata la serata della ritrovata vena della prima linea valligiana Tomasello – Grossi – K. Senoner con quest’ultimo che, davanti a tutta la numerosa famiglia scesa dalla Val Gardena, ha aperto le marcature dopo 4 minuti.
Poi è stato lo scatenato Lizotte (1 + 4 per lui!) a scagliare uno slap potente e preciso sotto la traversa di Rizzi. 2 a 0 e tutti al riposo con un Egna, privo del suo uomo migliore, l’infortunato difensore canadese Jolette, mai in grado di impensierire seriamente Demetz.

Il secondo tempo è più equilibrato grazie anche alle numerose penalità sanzionate dal sempre ottimo arbitro Scanacapra; da una di queste nasce la terza rete biancorossa di Biz Senoner.
Poi un attimo di black out, doppio penalty killing della Valpe e l’Egna trova per ben due volte (Stimpfl e Manfred Zanotti) la via della rete.. 3 a 2 e tutto da rifare.
Altre due penalità Egna ed è la coppia terribile Donati – Silva a piazzare l’allungo sfruttando titi dalla blu di Siren (in grande spolvero) ed Harikkala. Prima della fine del tempo si assiste ancora alla rete di Harjula per il definitivo 5 a 3.
Il terzo tempo regala un brivido (rete di Lala) prima del Valpe show.. I ragazzi di Darin cambiano marcia e si vedono azioni veloci e spumeggianti di livello decisamente superiore allaa categoria.
Grande assist di Capitan Grossi (3 per lui stasera) e Siren entra di prepotenza a bucare Rizzi.
Due minuti dopo azione fotocopia ed è il più bel goal della serata costruito alla grande da Grossi e finalizzato con maestria da Tommygoal (che finirà a tabellino con ben 5 punti 1 + 4).
C’è ancora spazio per l’ennesima giocata fantasiosa di Simone Donati in powerplay per chiudere il match sull’ 8 a 4.
Esce Rizzi frastornato, entra il giovane Bernard che si esibisce in una bella pinzata su Stricker lanciato a rete, poi più nulla fino alla festa finale.
In sintesi: buon Egna ma Valpe troppo più forte quando decide di giocare come sa; straripante la prima linea con il ritorno ad alto livello della coppia Tomasello – Grossi ben supportati da dinamismo di Kevin Senorer, grande sempre l’asse Donati – Siva e ottima prova propulsiva di Lizotte e Siren.
Domani ore 18.30 grande diretta su RBE dalla Meranarena dove la Valpe troverà un Merano assai cresciuto e rafforzato dagli innesti di Carllson (ex Pontebba) e soprattutto del finlandese Jari Suorsa già in goal nel match che ha segnato la fine dell’imbattibilità stagionale dei Pirati di Appiano.
Le Aquile del Passirio hanno ripreso a volare e saranno sicuramente in lotta per i 4 posti playoff… quindi attenzione e grande rispetto dei vincitori dell’anno scorso per poter continuare laa cavalcata solitaria in testa alla classifica!!

Merano – Valpe 1 a 5

Che brividi ieri sera tornare alla Maranarena dopo quella maledetta sera; Mauro era ovunque, al bar, sugli spalti, alla radio con Arghittu… e c’erano la Valpe ed il Merano questa volta impegnate in un testa – coda che ha visto, finalmente, i valligiani espugnare l’ostica pista atesina.
Valpe in giallonero al completo (tranne Coco che tuttavia è pronto al rientro dopo la sosta) e Merano con il solo neo acquisto Suorsa (Carllson in attesa del transfer card).
L’inizio è di puro dominio degli uomini di Darin che schiacciano i padroni di casa nel loro terzo ma Adam Russo tra i pali fa buona guardia; gli sforzi son premiati a 7.15 con la rete di Stricker assistito da Meneghetti e Siren.
Poi il match cambia grazie alle prodezze del capo arbitro Pichler che inizia a falcidiare i biancorossi e soprattutto Biz Senoner a cui affibbia un 2 + 10 che rischia di costare al forte difensore un turno di squalifica.
I meranesi cercano il pari ma un attento Demetz e una difesa super chiudono tutti i varchi.
Il secondo tempo è per buoni dieci minuti un assedio meranese con la Valpe sempre in 4 se non in 3; Harikkala e Tremolaterra spazzano lo slot e la Valpe resiste. Poi, appena tornati in 5, è puro show time: 5 minuti da vera capolista e 4 pappine alle spalle di Russo per chiudere il match.
Inizia Kevin Senoner su assit di Grossi e Tomasello (ma gli arbitri assegnano la rete al n. 34!); poi le solite meravigliose reti della terza linea con Silva sull’asse Siren – Donati e poi con Donati su assist di Silva e Tremolone.
Chiude il conto Sasha Petrov lesto a deviare sotto porta un tiro di Siren (assist anche a Meneghetti).
In mezzo uno sfortunato rimbalzo in balaustra che taglia fuori l’incolpevole Demetz e permette a Soursa la rete della bandiera.
Poi più nulla fino al termine con la Valpe che, assai concentrata (e questa è nota assai positiva), controlla con autorevolezza da vera capolista il match.
Ora due giorni di riposo per i giocatori e settimana di stop a causa degli impegni della Nazionale nell’Euro Challange di Torre Pellice e Pinerolo.
Si riprenderà domenica 11 a Caldaro con la Valpe accompagnata dai suoi fedelissimi Ultras!