4 chiacchiere con il “Dorlo”

di Andrea V.

HT:Ciao Enrico un tuo commento sul big match Renon-Milano vinto dalla tua squadra per 6-3
Enrico Dorigatti:Penso sia stata una bella partita, sia per chi era in campo, sia per chi l’ha vista sugli spalti, e con tutti i punteggi molto bassi che si stanno verificando nel campionato, è stato secondo me un bene che ci siano stati cosi tanti gol, poi sono ancora più felice col fatto che il Renon abbia vinto. Venendo alla partita nel dettaglio devo dire che è stato un match molto equilibrato con momenti favorevoli a noi e momenti favorevoli al Milano; la chiave del match è stata sicuramente la nostra quarta rete segnata a metà del terzo periodo, da li abbiamo saputo costruire il nostro successo

HT: Ottima prova la tua ieri sera 3 gol e 2 assist, immagino sia felice per il tuo primo hat trick in carriera

ED: Sono veramente felice, in primo luogo per aver contributo a far conquistare alla mia prima squadra la vittoria contro il Milano secondo in classifica che veniva da un buon momento, poi ovvio non posso che essere contento per aver segnato la mia prima tripletta, però in fatto di punti non è il mio record in quanto quando giocavo con la Valpe in una partita ho realizzato 1 gol e 6 assist, ma va piu che bene così sono in buon momento di forma e spero di andare avanti su questa strada.

HT: ma dove vuole arrivare questo Renon che riesce a vincere anche senza pedine molto importanti come Scelfo, Tuzzolino e Astashenko
ED: Guarda al momento non ci poniamo assolutamente obiettivi, giochiamo giornata per giornata, forse il fatto che ci mancano dei giocatori cosi importanti responsabilizza di più tutti noi a dare quel 10% in più in fatto di impegno e concentrazione che ci sta facendo fare molto bene.

HT: Guardando la classifica e i risultati al momento sembrate essere la miglior squadra del torneo
ED: Adesso che abbiamo incontrato tutte le squadre, ti posso dire che secondo me non c’è tutto questo divario tra noi e le altre squadre, probabilmente stiamo attraversando un buon momento di forma, stiamo giocando molto ma molto concentrati, cosa che magari non sta riuscendo alle altre squadre e al momento stiamo sfruttando ogni errore degli avversari e capitalizzarlo al meglio, questo penso sia il segreto del nostro primato in classifica

HT: Visto il tuo momento di forma e come stai giocando, ci fai un pensierino alla nazionale?
ED: Io devo pensare ad impegnarmi e a giocare bene, vestire la maglia della Nazionale è per me sempre un onore e questo mister Goulet lo sa benissimo, ma il selezionatore è lui e se mi riterrà meritevole di qualche convocazione sarò senza dubbio felice di accettare la sua chiamata.

HT:Se pensiamo alla situazione di Dorigatti qualche mese fa e la situazione di Dorigatti attuale, ne sono cambiate di cose
ED: Oh si certamente ho passato brutti momenti questa estate, ci sono rimasto parecchio male perche proprio non me lo aspettavo dopo aver dato tanto per la maglia della squadra della mia città. Ora però sono un giocatore del Renon e qui mi trovo molto bene, sono stato accolto molto bene sia nello spogliatoio, dove i ragazzi mi hanno facilitato tantissimo nell’inserimento, sia con i tifosi con cui ho legato subito, e sono contento mi abbiano accolto con molta simpatia

HT: Enrico, veniamo al capitolo tifosi, visto che ne hai parlato, sei un giocatore che riscuoti molte apprezzamenti oltre che tra i tifosi della tua squadra, anche tra i tifosi delle altre squadre. Qual’è il segreto per cui riscuoti numerose simpatie anche tra i tifosi avversari?
ED:Sono molto felice di questo che mi stai dicendo, sai io penso che il mondo dell’hockey è universo molto piccolo, che mi sembra ridicolo creare divisioni e inimicizie, fondamentalmente è un mondo molto bello fatto da persone simpatiche tutte con la stessa passione, così penso che sia umano fermarmi a fare quattro chiacchere e bere una birretta con i tifosi anche delle squadre avversarie, si rende tutto più piacevole e se questo mio modo di essere viene poi anche apprezzato dai tifosi, la cosa mi fa molto piacere

Si ringrazia Enrico Dorigatti e la società Ritten Sport per la gentile disponibilità