Asiago Bellissimo: Bolzano al tappeto

di Davide Trevisan

ASIAGO – BOLZANO 4-3 (1:1; 1:1; 2:1)

Al termine di un match vibrante ed in equilibrio fino alla fine è la squadra di coach Camazzola ad alzare le braccia al cielo al 60’ ottenendo una vittoria importantissima contro l’autentica corazzata dell’Interspar Bolzano guidato in panchina da coach McKay.
Asiago che scende in pista senza l’apporto di John Parco mentre ospiti privi di Luca Ansoldi che sconta la prima delle cinque giornate di squalifica inflittagli dal giudice sportivo. Nei primi minuti di gioco si assiste ad una fase di studio con il Bolzano che prova timidamente a farsi pericoloso ma senza creare pericoli alla gabbia giallorossa. La prima occasione della partita è sulla stecca di Surma che di rovescio non riesce a superare Groeneveld. All’8’ primo powerplay della partita, con Basso in panca puniti, è il Bolzano a giocare in superiorità numerica ma l’unica minaccia che arriva dalle parti del portiere di casa è una conclusione dalla blu di Ramoser sventata con prontezza dal portiere. Sul finire della penalità occasionissima per i padroni di casa con un break della coppia Surma-Stanley ma la conclusione di quest’ultimo esalta il portiere olandese. Gol fallito e gol subito e cosi è il Bolzano a passare in vantaggio: con De Frenza in panca puniti è Rolly Ramoser che infila il puck in rete da distanza ravvicinata. L’Asiago ha subito la chance per reagire avendo a disposizione, complice l’irregolarità sanzionata a Petruic, 2 minuti di superiorità numerica; il primo minuto è giocato male dalla squadra di coach Camazzola che non riesce a portarsi nel terzo avversario. Nel secondo minuto invece si fa costante la pressione giallorossa ed arriva il meritato pareggio che porta la firma del terzino Loya che con un tocco morbido dal basso verso l’alto beffa il portiere avversario. Da qui in poi è solo Asiago con Plastino che angola troppo il tiro su brillante assist di Surma; poi tocca a MacIsaac saggiare i riflessi di Groeneveld, abile ad anticipare di un soffio la deviazione volante di Surma. Nel finale Plastino, dalla blu coglie il palo esterno.

Si torna in pista e questa volta è il Bolzano a dominare i primi minuti di gioco. Al 21’ c’è penalità per Loya. Nei successivi secondi prima gli ospiti vanno vicinissimi al gol con Abel che da distanza ravvicinata si fa sbarrare la strada per due volte da Bellissimo, poi Borgatello conclude al meglio una triangolazione molto bella degli ospiti siglando la rete del 2 a 1. Poco dopo è ancora Bolzano; Abel dalla distanza impegna il portiere poi Mihaly fa ottima posizione spedisce il disco fuori di poco. A metà partita dubbia penalità inflitta proprio al rumeno e Asiago che si riversa nel terzo avversario alla ricerca del pareggio: lo trova, dopo essersi reso pericoloso in un paio di conclusioni dalla blu, sul finire della penalità con Surma. Nei successivi minuti di gioco partita viva con continue penalità forse anche troppo fiscali e continui capovolgimenti di fronte; latitano tuttavia le occasioni da rete con i portieri che non corrono grossi rischi, con il tempo che si conclude, come il primo, sul punteggio di parità.
Inizio di terzo tempo che sorride ai giallorossi con Capitan Rodeghiero che, dopo un minuto, da posizione defilata sorprende l’estremo ospite sul primo palo portando in vantaggio i suoi. Bolzano che reagisce in maniera veemente con Pittis che si destreggia e tira, respinta di Bellissimo; poco dopo è Ramoser a rimanere di sasso quando l’estremo giallorosso gli nega un gol già fatto. Al 44’ Borrelli ci prova ma la sua conclusione non va a buon fine; due minuti dopo Zisser protagonista: prima sfiora la rete con il puck che si perde a lato di poco poi atterra Surma lanciato in contropiede. La successiva superiorità numerica è tuttavia sterile complice l’ottima opposizione della difesa ospite. Al 51’ ci prova Basso ma il suo diagonale trova pronto il guantone di Groeneveld. Il suo collega è superlativo un minuto dopo quando nega a Faggioni la gioia del gol in due occasioni; al 53’ è l’Asiago che allunga con una rete (la terza su quattro) ancora una volta giunta in superiorità numerica: Stanley dalla sua “mattonella” all’altezza dell’ingaggio si conferma un cecchino e supera Groeneveld sul palo lontano. Gran gol e grande gioia per il capocannoniere (in termine di gol) del campionato. L’euforia del doppio vantaggio gioca però un brutto scherzo ai giallorossi che si fanno sorprendere da Insam che riporta in partita il Bolzano dopo nemmeno 30 secondi. Il Bolzano a questo punto prova ad alzare il baricentro per arrivare al pareggio ma la retroguardia asiaghese regge alla grande con Bellissimo che si erge a baluardo insormontabile. Al 59’ ospiti che si giocano la carta del sesto uomo di movimento in più ma il fortino giallorosso è inespugnabile nonostante il disco resti sempre nel terzo difensivo asiaghese. Il suono della sirena è un autentica liberazione con il pubblico che applaude la bella prestazione dei ragazzi di coach Camazzola che agguantano a quota 5 i cugini del Cortina.

MARCATORI: 11.39 Ramoser R in PP(Pittis, De Marchi); 13.56 Loya in PP (Rodeghiero, Borrelli); 21.42 Borgatello in PP(Abel); 32.36 Surma in PP(De Frenza, Stanley); 41.19 Rodeghiero (Loya); 53.07 Stanley in PP (MacIsaac, Plastino); 53.35 Insam (Walcher).

EMISFERO IPERMERCATI ASIAGO: Bellissimo, Pavone; Basso, Loya (A1), Mac Isaac, Plastino, Rossi, Testa; Benetti, Borrelli, Busa, Defrenza, Rodeghiero (C), Roffo, Stanley, Strazzabosco, Surma, Tessari M, Tessari N.

BOLZANO: Groeneveld, Russo; Borgatello, De Marchi, Hajt (A1), Insam(A2), Petruic, Ramoser; Abel, Ansoldi M, Faggioni, Mihaly, Pittis, Ramoser R (C), Stockcer, Walcher, Zisser.

ARBITRI: Soraperra (Gastaldelli, Benvegnù)