Bolzano indomito, Cortina domato

di Fabio Demattè

BOLZANO-CORTINA 6-1 (1-0; 4-0; 1-1)

Presentazione all’americana per la formazione biancorossa nella partita giocata ieri sera al Palaonda contro i campioni in carica del Cortina del grande ex Kiki Timpone, ma privi dello squalificato Enrico Chelodi, un altro dei tanti ex. Bolzano al gran completo invece, mentre non era delle migliori la cornice di pubblico presente. Le due squadre sembrano studiarsi a vicenda nelle fasi iniziali dell’incontro, ma è poi il Bolzano a prendere decisamente in mano iniziativa e partita. Al 10’20” tiro di polso appena superata la line blu da parte di Leo Insam che si infila tra una fitta rete di pattini e bastoni e trova infine quello meglio piazzato di Jon Pittis per l’1 a 0. Nemmeno un minuto più tardi è il rumeno Arpad Mihaly a mancare di poco il raddoppio con una deviazione che finisce di poco sopra la porta difesa da Maund. Sul finire di tempo doppia penalità per Luca Ansoldi non concretizzata però dall’attacco ampezzano.

Partenza razzo per i biancorossi nel secondo tempo con una doppia bellissima occasione per Mihaly prima della doppia realizzazione con Flavio Faggioni al 5’31” su assist ancora di Leo Insam e di Arpad Mihaly al 7’05” che devia in rete un forte tiro di Borgatello. Il Cortina sembra accusare il doppio colpo e coach Gosselin pensa bene di sfruttare il suo unico time out a disposizione nel tentativo di scuotere i suoi. Ma la serata e proprio di quelle no per i campioni in carica.. Minuto 11’23” stupenda azione di Max Ansoldi che porta il disco nel terzo avversario scambia con De Marchi che serve poi il compagno di linea Chris Hajt che supera ancora Maund con un potente slap shot al volo. Al 34’11” il 5 a 0 porta ancora una volta la firma di Arpad Mihaly che insacca il puck sotto l’incrocio dopo una bella giocata con Luca Ansoldi. Nel finale della seconda frazione di gioco gol annullato al Cortina per uomo in aria, ma rete della bandiera solamente ritardata perché al 1’27” del terzo tempo arriva il gol di Matt Smith su passaggio di Souza. Il match torna ad essere una partita ordinaria e quasi noiosa. Da segnalare un’ azione del solito Mihaly che a tu per tu con Maund colpisce il palo e l’azione magistrale di J.B. Abel che lascia un disco d’oro per Max Ansoldi che fulmina Maund con un diagonale basso per il 6 a 1 finale. Il Bolzano mantiene così il secondo posto in classifica che cercherà di difendere sabato sera ad Alba di Canazei contro il sorprendente Fassa di coach Stefan Mair.