Due parole con Alex Silva, protagonista della Valpe

All’indomani della vittoriosa partita che ha permesso al Valpellice di eliminare dopo un intenso match il Valpusteria abbiamo intervistato il protagonista della partita: Alex Silva autore di 1 gol e 1 assist oltre ad aver realizzato l’unico rigore della serie, con cui i piemontesi (unica formazione di serie A2) accedono ai quarti di finale.

HT: Ciao Alex , ci puo dare un tuo commento sulla partita e sulla tua prestazione?

SILVA: E’ stata una partita un po’ strana, soprattutto all’inizio, siamo partiti un po’ contratti e il gol subìto a freddo, ci ha paralizzati ancora di più, solo dopo la loro seconda rete ci siamo sbloccati con la mia rete.
Nel secondo periodo abbiamo cercato di pervenire al pareggio, ma nel momento di nostra massima pressione grazie ai 5 minuti di superiorità numerica, abbiamo subìto il gol dei pusteresi in inferiorità e questo ci ha tagliato un po’ le gambe e il morale.

Fortunatamente nel terzo periodo è uscito il "cuore Valpe" grazie anche al caloroso supporto del pubblico ed abbiamo acciuffato il pareggio.
Poi nella lotteria dei rigori, ci ho provato, ho segnato ed è andato tutto bene.
Così oltre ad essere ovviamente felice per la vittoria della squadra posso ritenermi soddisfatto anche della mia prestazione.

HT: Parlaci un po’ degli obiettivi della Valpe 2007/08 e com’è stato vissuto il "dopo Ferrando"

SILVA: Beh sai questa estate qualche dubbio ovviamente c’è stato, ma fortunatamente la dirigenza è riuscita a lavorare bene proseguendo il progetto iniziato da Ferrando, allestendo una squadra di assoluto valore per la A2.
L’obiettivo (anche se non apertamente dichiarato) è quello di vincere la serie cadetta, le potenzialità ci sono, ora tocca a noi giocatori finalizzare il progetto della società.

Si ringrazia la societa Hockey Club Valpellice e Alex Silva per la disponibilità.