Le Aquile spiccano il volo contro l’Alleghe

di Monica.

PONTEBBA – ALLEGHE 4-2 (1-1;0-0;3-1).

Dopo le due sconfitte subite da parte di Milano e Bolzano le Aquile sono chiamate al riscatto e anche gli avversari, dopo il pareggio con il Pusteria cercano i preziosi due punti.
Si parte subito con una penalità al 4:32 di Lutz (quest’ultimo non particolarmente brillante questa sera) per sgambetto che costringe gli uomini di Vasiliev a difendersi, ma nulla possono al 5:43 perché Bilotto assistito da Harder e Jacobsen segna per la squadra avversaria.
Il Pontebba si trova quindi costretto ad inseguire sin dall’inizio partita ma basta poco tempo per permettere ai ragazzi friulani di pareggiare i conti: al 7:30 il capitano Lefebvre segna e rimette tutto in discussione.
Nella seconda metà del primo periodo la squadra friulana si trova più volte a giocare con l’uomo in più ma nonostante le occasioni la concretizzazione stenta ad arrivare.

Si chiude così la prima frazione di gioco in situazione di perfetta parità.
Il secondo periodo inizia in modo vivace, con occasioni per tutte e due le squadre ma quelle più pungenti sono targate Alleghe, tuttavia il goal non arriva grazie alla grande abilità di Carpano che arriva laddove i difensori friulani si distraggono (da ricordare all’ottavo minuto la parata su Chitarroni che lesto aveva rubato il puck precedentemente perso da Lutz).
Nella prima parte di questo secondo periodo si osservano dei problemi della squadra friulana, in particolare il controllo del puck e la capacità ad impostare il gioco risulta essere piuttosto deficitaria.
Dalla seconda metà del periodo però qualcosa si smuove dato che più volte i friulani arrivano nei paraggi di Askey. Da ricordare all’11:19 il tiro fermato di Margoni su passaggio da dietro la rete di Romano o quello di Cooper a due minuti dalla fine.
L’ultimo sussulto si ha proprio in chiusura di periodo, al 19:40 con un tiro di Lorenzi che prende il palo ed impedisce agli ospiti di riportarsi in vantaggio.
La legge del “goal sbagliato, goal subito” trova conferma appena rientrati per il terzo periodo quando dopo soli 45 secondi David Cooper, assistito da Lefebvre e Cavanaugh porta le Aquile in vantaggio.
Il goal a freddo non demoralizza l’Alleghe che si fa pericoloso più volte guidato da un Chitarroni in grande forma (da notare all’undicesimo minuto il tiro parato da Carpano).
Ma ancora una volta è la squadra di casa ad aggiornare il tabellino dei marcatori: al 13:07 ancora una volta il capitano delle Aquile, Lefebvre assistito da Cooper e ancora una volta Cavanaugh spiazza il goalie avversario con un gioco di stecca e manda in rete.
La squadra friulana è ora trasportata sulle ali dell’entusiasmo e pochi secondi più tardi viene sfiorato il raddoppio. Lo stesso Lefebvre al quattordicesimo minuto fa tutto bene e piazza un assist d’oro a Cavanaugh che però non trova il tempo giusto e perde il puck rimandando solo di poco il goal friulano che giunge al 15:14 quando su assist di Lutz e Burgess, Romano scarta il difensore e segna con un favoloso backhand.
Successivamente al 16:36 Chitarroni cerca di segnare ma ancora una volta un grandissimo Carpano salva con una bellissima parata.
Al 17:03 Margoni e Bilotto si scontrano: per l’attaccante dei friulani un 2+2 mentre per il giocatore della squadra avversaria c’è anche quella per cattiva condotta (10’).
La partita in questi ultimi minuti assume contorni di nervosismo con penalità per tutte e due le squadre, l’Alleghe accorcia le distanze al 17:56 con Jacobsen (assist di Harder e Lang) che precede l’assalto finale degli ospiti il quale però non frutta i risultati sperati. Per le Aquile arrivano i primi due punti stagionali sul ghiaccio amico.