Recupero 1ª giornata… alla sirena

di Alessandro R.

Cortina-Fassa 3-2: I campioni d’Italia del Cortina ospitano il giovanissimo Fassa di coach Mair; assente Savoia tra gli scoiattoli, ladini al gran completo.
Dopo una situazione di power-play infruttuosa per i padroni di casa (fuori Marchetti), il Fassa passa in vantaggio con la rete del neoacquisto olandese Schaafsma ben imbeccato da Barber (13.06). Neanche il tempo di fare festa per la prima marcatura stagionale ed il Cortina pareggia i conti: la terza linea, autentica protagonista nella cavalcata allo scudetto della passata stagione, riacciuffa la fuga del Fassa con la rete di Cristian Menardi (13.59). Gli ospiti sembrano avere qualcosa in più ed al minuto 26.28 la rete di Herrison riporta in vantaggio le aquile fassane. Il Cortina non riesce ad ingranare e gli ospiti si presentano in diverse occasioni pericolosametne dalle parti di Maund. Segnali di risveglio al 48.26, quando Dyment segna con un potente tiro dalla blu. Il Cortina ora ci crede e gioca sulla scia dell’entusiasmo, ed i risultati si vedono: minuto 50.57 e Tragust deve capitolare nuovamente sul tiro di Cote. Il risultato non cambia più e gli uomini di Gosselin portano a casa i due punti dopo lo scivolone di Collalbo.

Milano-Alleghe 0-0: Sul ghiaccio dell’Agorà scendono in campo due delle possibili aspiranti al titolo, il rinnovatissimo Milano del confermatissimo Insam e l’Alleghe di coach Ivany. Nel primo tempo le squadre sono contratte e lo spettacolo ne risente. Dal secondo periodo la partita si anima ed i portieri di entrambe le squadre sono chiamati a difficili interventi: in particolare l’alleghese Askey neutralizza tra il 32.31 ed il 33.03 ben tre pericolose occasioni milanesi, capitate sulla stecca di Stepehnson ed Evans. Ha il suo da fare anche il suo dirimpettaio Szuper, quando al 54.37 salva incredibilmente il risultato su Veggiato. Da segnalare un gol annullato ai meneghini al 27.38 per uomo in area. Nessuna rete all’Agorà: risultato insolito sulle piste ghiacciate che però rispecchia una partita equilibrata tra due squadre sicuramente protagoniste del campionato appena iniziato.

Brunico-Bolzano 1-3: Aria di derby al LungoRienza: di fronte ai lupi di casa arrivano le volpi di Bolzano. Il Brunico recupera Bergstrom, ma deve fare a meno dello squalificato Bona; ritorno anche di Luca Ansoldi per il Bolzano, ma esordio ancora rinviato per Koalska.
Dopo un primo tmepo a reti inviolate, il rumeno Mihaly, autentica sorpresa nel precampionato bolzanino, sblocca i suoi (24.34). Sette minuti più tardi, con Luca Ansoldi in panca puniti, arriva il gol del pareggio per i padroni di casa: Bergstrom fornisce l’assist e Sedlak insacca (31.41). In apertura di terzo periodo arriva il nuovo vantaggio per la squadra di coach McKay e la firma è di un altro degli acqusiti estivi della mirabolante campagna acquisti del presidente Knol: Abel, al 42.49, ben imbeccato da DeMarchi e Ramoser trafigge l’ottimo Gage. Spinti dai 2000 spettatori del pubblico di casa, i "Lupi" ci provano ma le loro speranze si spengono al 58.59, quando ancora Mihaly segna l’empty-net-gol che suggella la vittoria biancorossa!

Tags: