Anaheim Ducks – Detroit Red Wings : 0-5

di Matteo Bertoni

Ducks-Red Wings: 0-5 (0-2; 0-2; 0-1)

11:09 Johan Franzen
Assists: Mikael Samuelsson, Henrik Zetterberg
19:17 Tomas Holmstrom (Power Play)
Assists: Henrik Zetterberg, Nicklas Lidstrom
23:17 Todd Bertuzzi
Assists: Daniel Cleary, Robert Lang
23:34 Tomas Holmstrom
Assists: Valtteri Filppula, Pavel Datsyuk
50:58 Valtteri Filppula
Assists: Tomas Holmstrom, Nicklas Lidstrom

Dopo gara 2, dominata dai Ducks piu’ di quanto dica il punteggio finale, la compagine californiana era considerata favorita per questa gara 3. Ma, sin dall’inizio, si poteva intuire come la difesa di Detroit non si facesse impressionare dal gioco fisico delle ali e dei difensori in maglia nera, e come i tagli e gli aiuti nell’angolo in fase offensive dei difensori dei Ducks, Niedermayer e Bouchemin in particolare, potessero costare caro, con situazioni di potenziali 2 contro 1 sempre all’orizzonte. Dopo una prima fase in cui Anaheim pressava senza trovare grandi occasioni da goal, e’ Detroit a passare. Samulesson passava un disco perfetto al centro, e Niedermayer seguiva Zetterberg, che era gia’ coperto da Selanne sul primo palo, lasciando scoperto Franzen che tagliava dietro di lui. Anaheim accusa il colpo e quando mancavano 43 secondi alla fine del drittel, con Detroit in superiorita’ numerica, e’ un’altra disattenzione difensiva che lasciava Holmstrom tagliare indisturbato verso Giguere e freddare il goalie con un preciso tiro che si insaccava alla destra del portiere. Se il primo periodo finiva male per le papere, il secondo iniziava ancora peggio. Giguere concedeva un rimbalzo su un tiro non irresistibile di Cleary dall’angolo, e la sfortuna voleva che il disco caranbolasse sul pattino di Bertuzzi e finisse in rete per il 3-0. L’azione costava il posto a Giguere, sostituito da Brizgalov. La mossa si rivelava poco azzeccata, dato che alla prima azione Filippula faceva il giro della porta e il portiere russo, anche se riesciva a muoversi e coprire il palo alla sua sinistra, perdeva l’equilibrio dopo la parata, lasciando il disco a Holmstrom che non poteva fare altro che insaccare. Anaheim a questo punto perdeva la testa, giocando 13 dei 16 minuti rimanenti nel secondo periodo in inferiorita’ numerica. All’11.40, in particolare, sia Pronger che Rob Niedermayer caricavano contemporaneamente Holmstom contro la balautra, colpendolo all’altezza del casco, che saltava dalla testa dell’ala di Detroit. Il giocatore svedese se la cavava senza commozioni cerebrali ma con due tagli sulla fronte suturati da 13 punti, e Niedermayer veniva sanzionato con 5 minuti piu’ penalita’ partite, anche se probabilmente il colpo dato da Pronger avrebbe meritato la sanzione. Fortunatamente, non si assiste ad una caccia all’uomo nel terzo periodo. Da segnalare solamente la sicurezza in porta di Hasek, che dopo i soli 2 tiri fronteggiati nel secdondo periodo, verra’ chiamato in causa 13 volte.

I Ducks collezionano cosi’ la sconfitta peggiore della loro breve storia nella post season, e saranno chiamati ad una prova d’orgoglio in gara 4 per non regalare a Detroit la possibilita’ di chiudere i conti alla Joe Louis arena in gara 5.