Italia sconfitta di misura dalla Svizzera nella seconda giornata di Russia 2007

di Alessandro R.

Svizzera – Italia 2-1 (1-0, 0-0, 1-1)

MOSCA – All’Arena Khodynka va in scena il derby tra Italia e Svizzera nella quarta giornata dei Mondiali di Mosca. Elvetici alla ricerca di punti importanti per sfidare la Svezia dopo il faticoso inizio, azzurri a caccia di un’impresa per evitare il relegation round.
Le squadre si studiano e si aspettano nelle prime fasi di gioco, ma un fallo di Ambhul al 1.25 da la possibilità all’Italia del primo powerplay; superiorità, però, che scorre senza grandi rischi per il giovane portiere del Davos Hiller. Svizzera pericolosa per la prima volta dalle parti di Hell al 3.59, con il portiere azzurro che blocca un buon tiro di Sprunger. Al minuto 4.43 paura per Sannitz: il giocatore del Lugano subisce un brutto contrasto in balaustra e riporta una commozione cerebrale con sospetta frattura della mascella. Prima penalità per l’Italia al 7.07: fuori Roland Ramoser per ostruzione, ma la difesa azzurra tiene bene e concede un solo tiro agli elvetici. La Svizzera cresce e aumenta il ritmo di gioco, ed Hell è chiamato ad un doppio intervento su Wichser al 11.02. La seconda superiorità a favore degli azzurri (fuori Forster per ostruzione) si consuma sulla falsariga della prima: qualche disco buttato verso la porta avversaria, ma nessun patema per Hiller. Al 14.20, con Trevisani fuori per ostruzione) Hell blocca bene, nonostante il gran traffico, un tiro potente di Blindenbacher. Ma è il preludio del gol, che arriva al 15.44: Bezina sotto porta è ben imbeccato da Dipietro e insacca l’1-0. Al 16.45 altra brutta gestione del powerplay dell’Italia, ma in un contrasto il disco carambola sulla stecca di Ramoser che per poco non realizza. Emozioni nel finale del periodo: prima un clamoroso palo di Gerber fa sussultare i tifosi svizzeri, poi è DeBettin a saggiare, sul ribaltamento di fronte, i gambali di Hiller.

L’inizio del secondo periodo è tutto per i rossocrociati ed Hell sugli scudi prima al 23.28 sulle conclusioni di Lemm e Bezina, poi al 24.44 su Blindenbacher e ancora Bezina. L’Italia non riesce a pungere, ed al 28.31 arriva un clamoroso palo colpito da Ambhul. Se il powerplay fa acqua, la gestione del penalty killing a 29.54 è ottima e l’Italia rimane in partita. L’occasione del pareggio arriva su una doppia conclusione di Roland Ramoser, ma ancora più ghiotta quella che capita sul bastone di Parco: l’oriundo azzurro si lancia da solo verso la gabbia, ma Hiller sfodera una presa miracolosa.
Nel terzo periodo sul ghiaccio scende un’altra Italia ed al 44.18 arriva il pareggio: Ansoldi riceve da Ramoser un bel passaggio da dietro porta e insacca. La rete carica ancora di più gli azzurri che sfiorano addirittura il vantaggio con Debettin al 45.15, che tira a lato, e con Lefebvre che tira centrale su Hiller. Trenta secondi ed è Scandella che in back tira fuori di poco da buona posizione. La carica dell’Italia va esaurendosi, e la Svizzera, sopravvissuta alla sfuriata azzurra, può riorganizzarsi; al 49.50 doppio miracolo di Hell in situazione di penalty killing (fuori Strazzabosco). Piove sul bagnato per gli azzurri, con Chitarroni che raggiunge il compagno di squadra in panca puniti. L’Italia supera la doppia inferiorità senza troppi patemi ma, quando manca un solo secondo al rientro del capitano azzurro, arriva la rete degli elvetici: Hell respinge di gambale un potente tiro di Blindenbacher e per Ruthemann, colpevolmente dimenticato al limite dell’area del portiere, è un gioco da ragazzi insaccare.
Di qui all’ultima sirena l’Italia ci prova, ma tutti i tentativi mancano di concretezza; la Svizzera amministra senza premere e bada solamente a difendere l’esiguo vantaggio. La partita di fatto si chiude al 58.42, quando Parco reagisce e rifila, a gioco fermo, una gomitata ad un avversario e si prende due legittimi minuti. Fuori Hell al 59.40, ma non c’è più nulla da fare e la vittoria va agli svizzeri.
Grande rammarico a fine partita per una partita giocata alla pari e che l’Italia, ad un certo punto, ha pure sperato di vincere. Appuntamento con la salvezza rimandato alla decisiva sfida con la Lettonia, sperando che il piglio, la grinta e le idee siano le stesse del terzo periodo della sfida odierna, quando davvero non sembravano esserci nove posizioni di ranking tra le due squadre.

____________________

Italia-Svizzera 0-1 (0-1; 0-0; 1-1)
Marcatori: 1° tempo: 0-1 15.44 Bezina (S – Di Pietro-Lemm, PP1); 2° tempo: nessuna rete; 3° tempo: 1-1 04.18 Ansoldi (I – Ramoser), 1-2 11.57 Ruthemann (S – Blinderbacher-Lemm, PP1).
Formazione Italia
73 Hell, (55 Carpano); 50 Borgatello, 26 Helfer, 22 Margoni, 34 Cirone, 9 De Bettin; 14 Lorenzi, 6 Strazzabosco, 8 Parco, 24 Chitarroni, 7 Lefebvre; 12 Signoretti, 3 Trevisani, 19 Scandella, 71 Ansoldi, 11 R. Ramoser; 87 F. Ramoser, 13 Rigoni, 18 Bustreo, 28 De Toni, 27 Faggioni. Coach: M.Goulet.
Formazione Svizzera
1 Hiller, (40 Aebischer); 7 Streit, 3 Vauclair, 5 Blindenbacher, 29 Forster, 2 Gerber, 11 Steinegger, 57 Bezina; 32 Ruthemann, 10 Ambuhl, 27 Wirz, 97 Wichser, 35 Jeannin, 67 Lemm, 86 Sprunger, 25 Monnet, 24 Camichel, 36 Reichert, 15 Di Pietro, 39 Sannitz, 12 Della Rossa. Coach: R. Krueger.
Arbitri: Schutz (Ger); Dedioulia (Blr) e Oskirko (Rus).
Penalità: Italia 16; Svizzera 8.

(Comunicato Stampa Ufficio Stampa FISG) – Una rete in power play a otto minuti dal termine della gara ha permesso alla Svizzera di avere ragione dell’Italia nella seconda giornata dei Campionato del Mondo di Russia 2007. Gli Azzurri di coach Michel Goulet devono fare i conti quindi con la seconda sconfitta nel torneo, puntando tutto sul match di mercoledì prossimo con la Lettonia per conquistare il terzo posto nel Girone A. Gunther Hell, scelto oggi da Goulet a difesa della gabbia italiana, commenta così la prestazione degli Azzurri: “Dopo la rete del pareggio abbiamo preso fiducia e meritavamo certamente il pari alla fine della partita. Abbiamo sofferto nel secondo periodo, ma il primo e soprattutto il terzo li abbiamo giocati bene. Anzi, dopo il pareggio abbiamo costruito almeno un paio di nette occasioni da rete e credevamo nella vittoria. Ora dobbiamo ripetere la stessa prestazione con la Lettonia, evitare le penalità e i conseguenti power play. Entrambe le reti della Svizzera sono infatti arrivate proprio con l’Italia penalizzata”.

I risultati del Girone A (Preliminary Round):
Svizzera-Lettonia 2-1; Italia-Svezia 1-7; Italia-Svizzera 1-2.

La classifica del Girone A:
1 Svizzera 6 2 2 0
2 Svezia 3 1 1 0
3 Lettonia 0 1 0 1
4 Italia 0 2 0 2

Calendario Girone A:
30/04 20:15 Lettonia vs. Svezia
02/05 16:15 Italia vs. Lettonia
02/05 20:15 Svezia vs. Svizzera

Gli altri risultati (Preliminary Round):
Girone B: USA-Austria 6-2; Bielorussia-Rep. Ceca 2-8; Rep. Ceca-Austria 6-1; USA-Bielorussia 5-1.
Girone C: Germania-Canada 3-2; Slovacchia-Norvegia 3-0; Slovacchia-Germania 5-1.
Girone D: Ucraina-Finlandia 0-5; Russia-Danimarca 9-1; Finlandia-Danimarca 6-2; Russia-Ucraina 8-1.