Stanley Cup Play Offs 2007: Le gare del 27 Aprile

New York Rangers – Buffalo Sabres 2:3 ( 1-1; 1-0; 0-2 )

New York deve cercare di dimenticare in fretta la brutta serata di gara 1 e Buffalo al contrario deve confermare quanto di buono fatto vedere nel match di mercoledì.Pronti via e Miller fa subito capire agli avanti delle Blueshirts che non avranno vita facile per superarlo quando al …..si oppone con il guanto da presa allo shoot di Avery deviato davanti allo slot da Straka.Passano pochi minuti e al ….ancora Miller protagonista con un altro gran salvataggio questa volta su Cullen che risulterà uno dei più attivi per New York in questo primo periodo.Poco dopo si respira aria di play off per la gran carica di Callahan su Afinogenovche vola via.Ancora Culen cerca di bucare senza foruytna un Miller attento e questo è il preludio al vantaggio meritato delle Blueshirts al 10’08” con Straka (Rozsival – Jagr) che con uno slap dalla blu, grazie allo screening di Nylander davanti a Miller, regala a New York l-0.Passano 50” e, sempre in power play (fuori Prucha), Buffalo pareggia con Campbell (Connoly – Drury);nell’occasione Lundqvist non è esente da colpe riguardo la copertura della porta.Da segnalare anche un 2Vs.1 con tiro di polso finale dell’attivissimo Cullen che viene bloccato non senza difficoltà da Miller.Il secondo periodo sembra scorrere via senza particolari sussulti nonostante la grande pressione esercitata dai Rangers : da segnalare lo spreco da parte di Buffalo di un Power Play di 4 minuti grazie alla penalità per bastone alto comminata a Tyutin in cui anzi Shanahan per due volte rischia di punire Buffalo (in una delle due occasioni è la traversa a slavare Miller) e un tiro di Hecht al quale Lundqvist si oppone da par suo;dicevamo che il periodo sembra scorrer via, perché la svolta arriva al 17’48” quando una delle discese di Jagr viene interrotta con le cattive da Kalinin al quale vengono comminati 2 minuti per sgambetto.Durante il successivo Power Play i Rangers passano a condurre l’incontro al 18’40” con Mara (Shanahan – Rachunek) e la complicità di un Miller non esente da colpe nella circostanza.Con la segnatura ospite si va alla seconda intermission.

Nel terzo periodo come è normale pensare la franchigia di casa entra sul ghiaccio decisa a rimettere il match sui binari dell’ equilibrio e ci riesce immediatamente allo 0’24” quando Lydman sfruttando un’errore in uscita di zona da parte di Malik scaglia uno slap dalla blu verso Lundqvist, davanti allo slot Drury (Lydman), lasciato colpevolmente solo dalla difesa
, non ha difficoltà a deviare il puck quel tanto che basta per mettere fuori causa il goalie di New York per il 2-2.La partita sale di ritmo rispetto ai secondi 20 minuti e anche se i Rangers tirano di più le azioni più pericolose partono dalle stecche dei Sabres come al 47.05 quando Pominville conclude un contropiede 3vs con un tiro che solo i gamballi dell’estremo newyorkese rallentano quel tanto che basta il disco, prima che si infili in rete.Ed infatti a lungo andare i Sabres passano condurre il match al 10’11” con Vanek (Stafford – Campbell) allorché un’azione insistita di Ca