Mondiali di I divisione gruppo A: promossa la Francia

La quinta ed ultima giornata si è aperta con il primo verdetto: la nazionale ospitante cinese è stata retrocessa nel mondiale di seconda divisione a seguito della sconfitta subìta contro i "diretti rivali" olandesi. Quest’ultimi hanno concesso la parità solamente per i primi 5 minuti di gioco: a fine primo periodo vincevano già per 5-0, di cui una trasformazione da un rigore e 2 gol in superiorità numerica. Nel secondo periodo i cinesi cercano per quanto è possibile di diminuire le distanze ottenendo un parziale di 2-1, grazie anche agli 11’ di penalità comminati agli olandesi (5 dei quali a seguito di un colpo proibito di Van Schagen, che raggiunge gli spogliatoi in anticipo). Da segnalare il cambio tra i pali olandesi: a seguito del 6-0 olandese l’ "italiano" Groeneveld partito titolare è stato sostituito al 25’ dal backup Swart. Il terzo periodo rivede affermarsi gli olandesi fin dall’inizio segnando già al 1’33" con Smulders (per lui tripletta personale), seguito dall’olandese Teunissen e da Wang. Il gol conclusivo del 9-3 è segnato al 51’10".

La seconda gara del girone A è giocata alle 17.00 ore locali e vede affrontarsi la Polonia contro l’Estonia, in un match che ormai non può dare alcun verdetto definitivo. Partita fin dall’inizio sempre molto combattuta con continui capovolgimenti di fronte: al gol estone di Kaljuste (7’39") segue il pareggio di Laszkiewicz 3 minuti dopo. Il primo periodo si conclude con il gol di Makrov per il vantaggio estone. Dopo la prima pausa i polacchi scendono in pista con la voglia di trovare il pareggio e lo trovano al 27’ grazie al gol in superiorità numerica di Labryga. Tante penalità minori rallentano la partita fino al gol del vantaggio polacco di Pasiut al 36’. Nel terzo periodo poche occasioni da parte dei polacchi mentre gli estoni tentano in tutti i modi di invertire il risultato, riuscendo solamente, però, ad agguantare il pareggio al 45’ grazie a Petrov. La partita così si prolunga all’overtime ma non per molto: grazie alla superiorità numerica conquistata a fine terzo periodo la Polonia segna il gol della vittoria dopo un minuto e mezzo dal fischio d’inizio. La partita si chiude dunque sul 4-3, dando all’Estonia il quarto posto mentre la Polonia ha dovuto attendere la partita tra Francia e Kazakhstan per sapere la sua posizione definitiva in classifica.
Il terzo ed ultimo match è giocato davanti a più di 3000 persone, i giochi sono aperti dai francesi al 13’ da Bellemare su assist di Besch, a seguito di una delle loro poche azioni. Nel secondo periodo il Kazakhstan non riesce a sfruttare un 5 contro 3 a proprio favore ma, una volta rientrato il francese Coquex, si porta in pareggio al 25’ in superiorità numerica grazie a Krutokhvostov. Il pareggio nei tempi regolamentari assicurerebbe già il primo posto matematico nel girone con relativa promozione ma i francesi non si accontentano e nel terzo periodo chiudono i giochi al 44’ con Quessandier e al 59’ con Meunier. Unica macchia dei francesi è la penalità partita rimediata da Besch al 48’31". Comunque il risultato finale di 3-1 premia la Francia con il primo posto nel girone A, seguita da Polonia e Kazakhstan, permettendo ai transalpini di salire di categoria.