Maurizio Mansi è il nuovo allenatore del Kaufbeuren (Oberliga tedesca)

di Fiorenza Zanchin

E’ ormai ufficiale: era da tempo nell’aria ma da oggi Maurizio Mansi è il nuovo allenatore del ESV Kaufbeuren per la prossima stagione. Ieri durante la conferenza stampa di prensentazione il presidente Kurt Dollhofer ha così motivato la sua scelta: "Abbiamo voluto Mansi per la sua competenza in materia" certo avevamo altre alternative ma abbiamo preferito scegliere Maurizio anche perché ha precedentemente giocato qui. Avevamo pensato anche a Mike Bullard"
Intervistato, Mansi ha già le idee chiare. Alla domanda "Mansi ha già delle richieste di giocatori da inserire nel roster?" la risposta è stata molto chiara: "Certo, Wayne Gretzky! Scherzi a parte conosco già tanti giocatori ed ho già parlato con alcuni di loro. Stiamo costruendo la squadra.. ci vorrà del tempo.. Ovvio che utilizzerò anche i ragazzi delle giovanili perché qui a Kaufbeuren ci sono degli ottimi giocatori da poter far crescere"

Una carriera hockeyistica durata venti anni ed ora Moe si butta a capofitto nella sua avventura da allenatore. "Il primo mese da allenatore a Torino è stato veramente difficile", spiega Mansi, "Stavo in panchina e vedevo gli errori. Certo avrei voluto scendere sul ghiaccio e migliorare le cose, ma con il tempo sono riuscito a far capire ai miei giocatori gli sbagli che si commettevano in pista. Amo troppo questo lavoro ed il mio compito sarà di impartire alla squadra le mie idee e la mia tattica di gioco"
Negli ultimi sei anni Mansi ha giocato in Italia. Facendo un’analisi dell’ultimo anno passato alla guida del All Star Piemonte, Moe fa un’analisi della sua prima esperienza da allenatore: "A Torino avevamo costruito una squadra dal nulla con tanti ragazzi molto giovani. Avendo la possibilità di giocare nella serie A2 abbiamo buttato nella mischia anche i giocatori con meno esperienza e con l’aiuto di Sacratini siamo riusciti a raggiungere il secondo posto. Nonostante tutto abbiamo avuto un calo tra dicembre e gennaio e abbiamo perso tre stranieri e quindi i giovani dovevano stare sul giaccio per oltre 40 minuti e sinceramente era troppo per dei giocatori di scarsa esperienza e quindi siamo scivolati al sesto posto. Abbiamo avuto anche delle grosse opportunità per piazzarci nella parte alta della classifica ma a causa anche degli infortuni abbiamo chiuso il campionato al sesto posto."
Tanti auguri al mitico Maurizio Mansi per la prossima stagione!

Fonte www.esvk.de