Finale, gara2… alla sirena!!!

di Alessandro R.

MILANO-CORTINA 4-2 Dopo il successo dell’Olimpico il Cortina scende a Milano con l’intenzione di allungare nella serie; Vipere che invece vogliono riaprire i giochi ed evitare di concedere, dalla prossima partita, il match-point agli ampezzani. Scoiattoli al completo, Milano privo dello squalificato Chitarroni, ma con -a sorpresa- l’acciaccato Lysak.
Nelle prime battute di gioco è il Milano ad essere più pericoloso, ma a passare è il Cortina a metà tempo: al 12.38 Corupe trafigge in situazione di superiorità (fuori Melanson, 2+2)un sempre ottimo Passmore. 32 secondi più tardi una grave svista della difesa cortinese porta il Milano a pareggiare in situazione di inferiorità, proprio con il suo giocatore a mezzo servizio, Brett Lysak.
Nel secondo periodo la partita si incattivisce e diventa sempre più dura: a farne le spese è Souza, che dopo un contrasto non rientra più sul ghiaccio. Che il Milano abbia più fame del Cortina lo si vede al minuto 23.24: gli scoiattoli sbagliano il gol del possibile pareggio e sul ribaltamento di fronte Strazzabosco porta in vantaggio i suoi. Al minuto 28.49, dopo un ingaggio, Lethonen scaglia un tiro di polso dalla blu che coglie incredibilmente impreparato Maund e porta a due le reti di vantaggio dei suoi. La frittata per gli ampezzani è fatta al 38.10, quando arriva il secondo gol subito in situazione di powerplay: prima Passmore compie l’ennesimo miracolo della sua serata su Corupe, poi sul ribaltamento di fronte, Savoia si fa respingere il tiro da Maund, ma è caparbio a tornare sul disco e insaccare il 4-1.

Nel terzo periodo il Cortina ci prova, ma il gol non arriva (palo di Corupe al 50.27). Botte da orbi al 57.32 tra Melanson e Smith, che rimangono svestiti sul ghiaccio e rimediano un’ovvia penalità partita. A pochi secondi dalla fine soddisfazione personale per Enrico Chelodi che supera Passmore, ma per tentare una rimonta è troppo tardi.
Uno pari nella serie e da sabato sarà di nuovo battaglia.

Tags: