Milano conquista l’accesso alla finale

di Fabrizio Prina

Milano – Alleghe 7-2 (0-1; 2-0; 5-1)

E’ finale e Milano c’è, per la settima volta. Settima finale consecutiva per la compagine milanese, sette, come il numero dei morsi, devastanti e letali che nella propria tana, l’Agorà, le Vipere hanno assestato ad un malcapitato Alleghe che nulla ha potuto contro la prepotente dimostrazione di forza, vitalità, cuore e coraggio milanese.Il palazzo è una bolgia, circa 3.000 spettatori si presentano a sostenere i rossoblu per una partita da "dentro o fuori", senza appelli. Discreta la presenza della tifoseria ospite. Dopo un minuto di raccoglimento per la scomparsa del presidente della Valpe Mauro Ferrando, i milanesi si buttano subito in attacco a testa bassa, schierando in prima linea al posto dell’infortunato Lysak l’italo Savoia. Le civette sono immediatamente schiacciate nel loro terzo tanto da costringere il loro coach a chiamare il time-out dopo circa 7 minuti. Ma gli avanti milanesi vuoi per imprecisione, vuoi per la difesa agordina e vuoi per un pizzico di sfortuna non riescono a sbloccare e vengono puniti al 12’ e 52" da Lino De Toni che conclude una veloce ripartenza biancorossa. Milano non si scompone e si ributta in avanti con testardaggine anche se è Fabrizio Fontanive a far tremare la tifoseria quando costringe un febbricitante e acciaccato Passmore a sventare il possibile zero a due. Il drittel finisce senza che il risultato cambi.
Ad apertura di secondo periodo esplode la gioia rossoblu che finalmente concretizza la spinta offensiva in superiorità numerica con Ryan Christie che devia sotto porta un tiro di Sisca. Due minuti ed ecco il raddoppio milanese in inferiorità numerica grazie ed Helfer che esce dal terzo e lancia Savoia che con un gran diagonale di batte Groeneveld per andare a festeggiare sotto la curva.
Sale la tensione e inizia qualche scaramuccia tra i giocatori sedate prontamente a suon di penalità dal capo arbitro Metelka. Passmore salva il risultato su Alberto Fontanive e successivamente è Strazzabosco a sventare un rabbioso tiro di Harder.
Terzo drittel da spettacolo ed emozionante. Milano vuole vincere, insiste e viene premiato quando un inesauribile e scatenato SuperMario Chitarroni ruba l’ennesimo disco, vola verso Groeneveld e lo batte di precisione. L’Agorà esplode di gioia ma si gela dopo circa venti secondi quando è Fabrizio Fontanive a riaprire l’incontro.
Ma Milano vola sulle ali dell’entusiasmo con una determinazione fortissima e dopo una clamorosa traversa di Evans, su un tiro non trattenuto dal goalie agordino è Scandella a regalare il 4-2. Alleghe prova a reagire ma la difesa e Passmore sono attentissimi a non sbagliare nulla e gli attacchi bellunesi non sortiscono effetto. E’ al 54’ e 06" che i conti vengono chiusi con il goal del 5-2 di Strazzabosco che definitivamente toglie ogni speranza ai biancorossi. Evans al 56’ e 32" e Sisca al 58’ e 35" fissano il risultato finale. Da segnalare tra il sesto e il settimo goal l’inutile rissa scatenata da un nervosissimo Ricciardi che gli costa una penalità di partita. Grande e maiuscola prestazione milanese che ha meritatamente vinto una partita difficilissima contro un avversario che in questa stagione, specie nella parte finale, ha dimostrato di essere una ottima squadra messa veramente bene sul ghiaccio da Lusth.
Giro di campo finale e ola di Passmore, Christie, Rigoni, Chitarroni e rispettivi bebè a raccogliere il tributo del popolo rossoblu.
Appuntamento per la prima gara di finale martèdì prossimo a Cortina.

H.C.JUNIOR MILANO VIPERS – ALLEGHE HOCKEY 7-2 (0-1; 2-0; 5-1)

Marcatori: 12.52 L.De Toni (Harder-Jacobsen), 23.11 Christie in sup.num. (Sisca), 25.25 Savoia in inf.num. (Helfer), 41.37 Chitarroni (Borgatello), 42.01 F.Fontanive (Bilotto-Harder), 46.15 Scandella in sup.num. (Felicetti-Savoia), 54.06 Strazzabosco in sup.num. (Felicetti-Evans), 56.32 Evans in sup.num. (Borgatello), 58.35 Sisca (Borgatello-Iannone)
Milano: Passmore (Della Bella); Melanson-Strazzabosco, Lehtonen-Borgatello, Helfer; Savoia-Christie-Evans, Felicetti-Scandella-Chitarroni, Iannone-Sisca-Rigoni, Mantovani
All. Insam
Alleghe: Groeneveld (Moretti); Bilotto-Jacobsen, Ricciardi-Ryman, Lorenzi; Fontanive N.-Harder-Sundblad; De Toni L.-Veggiato-Chaulk, Fontanive F.-De Toni M.-Fontanive A.
All. Lusth
PENALITA’: Milano 26’ (10’-12’-4’), Alleghe 53’ (12’-6’-35’)
TIRI: Milano 30, Alleghe 28
ARBITRI: Metelka con Gamper e Gastaldelli

Tags: