Milano – Alleghe: il commento

di Fabrizio Prina

Milano-Alleghe 1-2 all’Overtime (1:1; 0:0; 0:0; 0:1)

Nella prima partita di semifinale del campionato italiano di hockey su ghiaccio 2006/2007 l’Alleghe espugna l’Agorà annullando il vantaggio del fattore campo.
Gli agordini, dopo il meritato passaggio alle semifinali a spese del Bolzano, si presentano a Milano per la partita senza alcun timore reverenziale e iniziano subito creando dopo pochi secondi qualche apprensione al portiere milanese.
La posta è alta con le formazioni attente a non scoprirsi troppo nelle retrovie ma pronte ad affondare appena si presenta l’occasione.
Fino al 4 e 21 la partita è comunque fondamentalmente di studio quando in doppia superiorità numerica Sunblad porta in vantaggio i bellunesi.
Milano reagisce ma appare meno convinto e concentrato della squadra veneta che pare davvero crederci di più e soprattutto pattina il doppio dei milanesi e non pare affatto sia reduce dalle cinque tirate partite dei quarti di finale.

Dopo un palo di Savoia è stavolta Milano, in doppia superiorità a gonfiare la rete con un tiro di Borgatello (poi ufficialmente segnato a referto a Ryan Christie).
Il primo drittel si conclude in sostanziale complessivo equilibrio segnalando però un palo preso dai bellunesi su tiro di Bilotto probabilmente deviato sotto porta.
Il secondo periodo è più contratto del primo con le compagini ancora più attente ad evitare passi falsi che potrebbero complicare il proseguo dell’incontro.
Poco più dell’ordinaria amministrazione per i due portieri per tutto il drittel che si chiude senza grosse emozioni e senza alcuna rete.
L’avvio del terzo tempo vede le squadre affrontarsi in modo più aperto con l’Alleghe che per poco non insacca il 2 a 1 ancora con Sunblad che non riesce clamorosamente a insaccare con Passmore a terra e la gabbia sguarnita.
Il Milano prova a insistere di più ma Groeneveld si oppone sempre.
I tempi regolamentari si concludono con una ubriacante azione personale di Helfer che sbilanciato al momento del tiro manda il puck troppo alto.
Si va pertanto ai supplementari da giocarsi quattro contro quattro.
L’Alleghe appare fin da subito con più birra in corpo ma i primi minuti, fatti di continui rovesciamenti di campo, resta in sostanziale equilibrio.
Da segnalare due grosse occasioni da ambo le parti specialmente con Scandella che si presenta solo davanti al goalie bellunese per sprecare malamente e una grossa parata di Passmore su tiro velenosissimo di Ricciardi.
Ma è l’Alleghe a gioire al 7 e 57 quando Chaulk mette la parola fine alla partita.
Sostanzialmente meritata ai punti la vittoria degli agordini che hanno dimostrato di averci creduto di più dei milanesi e di avere un passo in più in quanto a pattinata e vigore fisico.
Milano che si complica la vita ma nulla è ancora perduto e i tifosi aspettano ora il pronto riscatto meneghino già sabato prossimo in gara 2 sul ghiaccio veneto.

HC Junior Milano Vipers – HC Alleghe 1-2 d.t.s. (1-1; 0-0; 0-0; 0-1)
Marcatori: 4.21 Sundblad in doppia sup.num. (Harder-Chaulk), 11.29 Borgatello in doppia sup.num. (Helfer-Evans), 67.57 Chaulk (N.Fontanive-Ryman)
Formazione Milano: Passmore (Della Bella); Lehtonen-Borgatello, Melanson-Helfer, Strazzabosco-Savoia; Lysak-Christie-Evans, Felicetti-Scandella-Chitarroni, Iannone-Sisca-Rigoni, Mantovani, Lorini
All. Insam
Formazione Alleghe: Groeneveld (Moretti); Bilotto-Jacobsen, Ricciardi-Ryman, Lorenzi; Fontanive N.-Harder-Sundblad; De Toni L.-Veggiato-Chaulk, Fontanive F.-De Toni M.-Fontanive A.
All. Lusth
PENALITA’: Milano 16’ (8’-8’-0’), Alleghe 18’ (10’-4’-4‘)
Tiri Milano : 40 (7, 10, 11)
Tiri Alleghe : 34 (8, 10, 6)
ARBITRI: Lottaroli; Gastaldelli e Marri

Tags: