Naumovs e Insam trascinano il Bolzano a gara 5!

di Franca P.

Alleghe – Bolzano 1-3 (0:1; 1:1; 0:1)

Una partita entusiasmante e non adatta ai deboli di cuori quella a cui abbiamo assistito sabato sera all’Alvise De Toni d’Alleghe, che vedeva contrapposte l’omonima squadra di casa e le volpi bianco-rosse del Bolzano. Alla fine a spuntarla sono stati proprio gli altoatesini con un 3 a 1 che ha lasciato molto amaro in bocca alle civette agordine a causa delle tante occasioni da goal perdute. Alleghe che si presenta davanti a quasi 2.000 spettatori (record stagionale interno) al gran completo, mentre il Bolzano deve far fronte alla pesante assenza del terzino Nemecek, infortunato e probabilmente fuori fino a fine stagione.
L’Alleghe inizia subito la propria gara presentandosi davanti a Naumovs con il duo Harder-Jacobsen al 26″, con quest’ultimo che da posizione centrale tenta la staffilata, ma il portiere lettone del Bolzano ha buoni riflessi. Bolzano che non sta certo a guardare, dapprima una buon’occasione sulla stecca di Ramoser lambisce il palo con Groeneveld fuori causa e in seguito con Insam che prova a dare un “morsicotto” velenoso dei suoi, ben controllato dal portiere olandese dell’Alleghe. Al 02’42″ il capo arbitro Colcuc è costretto a mandare in panca puniti Dorigatti per colpo di bastone e, proprio in situazione d’inferiorità numerica il Bolzano si porta in vantaggio al 03’45″, grazie all’autentica prodezza d’Insam che in solitario sulla sinistra fa partire una bordata che s’infila sull’incrocio dei pali. Alleghe in gran difficoltà, la squadra si chiude a riccio e gli attaccanti bianco-rossi tentano di approfittarne con il terribile Drew Omicioli che al 05’ “cicca” il disco e spreca una nitida chance di portare sul 2 a 0 i compagni. E’ verso la metà del periodo iniziale che il nervosismo inizia a farla da padrone, con Roland Ramoser e Nicola Fontanive spediti in panca puniti per reciproche scorrettezze. L’Alleghe vuole a tutti i costi pareggiare e Fabrizio Fontanive coglie al volo l’errore di un terzino bianco-rosso e parte in contropiede ritrovandosi da solo a tu per tu con Naumovs, che ancora una volta compie una magia delle sue. Attaccanti agordini che uniscono le forze, Bilotto di gran carriera filtra per il compagno Chaulk sulla sinistra il quale lascia partire un missile terra aria su cui Naumovs blocca alla grande. Il Bolzano perde l’iniziale aggressività e lascia scatenare l’Alleghe, il quale tenta di agguantare il pareggio con l’uomo assist Mike Harder in chiara serata no, che, infatti, partendo in contropiede grazie ad un passaggio filtrante di un compagno spara il disco alto verso la tribuna. E’ al 12’41″ che il Bolzano esce dalla tana, Jeff Nelson porta a spasso due terzini agordini, fa il giro della porta e in diagonale passa a Rolly Ramoser che da un passo infila verso la rete, ma Groenenveld compie il miracolo salvando sulla linea. In sequenza si susseguono poi le azioni di Carlyle Lewis al 15’45″ con un potente raso ghiaccio centrale bloccato senza problemi da Groenenveld e, con il duo Harder-Fontanive che dalla blu fa a gara per infilare Naumovs senza però trovare il varco giusto. Il primo tempo va terminandosi dapprima con un’ottima occasione da goal per Faggioni, che servito lateralmente da Zisser vede il portiere olandese fuori dei pali e cerca di infilare il puck in gabbia, ma sfiora appena il palo sinistro, poi con una piccola rissa innescata da un fallo di Nicola Fontanive, subito sedata dalla sirena che chiama tutti in spogliatoio.

Periodo centrale che vede pervenire il meritato pareggio da parte delle civette agordine al 21’40″; Harder e Chaulk mettono la prima e arrivano fino alla linea blu avversaria, quest’ultimo tira di potenza, Naumovs respinge, ma il cecchino di turno Fabrizio Fontanive agguanta al volo l’occasione e realizza l’1 a 1. Tutto da rifare per le volpi bianco-rosse, Insam vuole la doppietta personale e da zona centrale prende la mira e scaglia il puck verso il portiere olandese dell’Alleghe, ma quest’ultimo blocca in due tentativi. Al 2’40″ Harder tenta di trascinare i suoi al vantaggio compiendo in solitario una cavalcata sulla sinistra, ma quando lascia partire la rasoiata trova davanti a se un muro inespugnabile come Naumovs, fino ad ora il migliore in campo per il Bolzano. Secondo tempo più equilibrato, il Bolzano si spegne leggermente e gli agordini tentano vari assalti con Chaulk dapprima e, successivamente con Bilotto che prova uno dei suoi pezzi di repertorio, senza impensierire però il portiere lettone. Penalità che piovono a valanga, sintomo del gran nervosismo percettibile sul ghiaccio: fuori Jacobsen per 2 minuti per ritardo di gioco. In superiorità numerica il Bolzano si fa avanti con Nelson, che serve abilmente il compagno smarcato Bahen che bombarda Groeneveld, ma la sua conclusione va fuori di poco. Al 29’ l’Alleghe gioca per qualche secondo in 3 contro 5 e i brividi arrivano dalla stecca di Mike Omicioli che da distanza ravvicinata tenta di beffare Groeneveld, ma quest’ultimo agguanta il puck con il biscotto. Al 30’35″ Ricciardi esce dalla panca puniti, viene servito da un compagno, il Bolzano sbaglia i cambi e Jeff si ritrova a tu per tu con Naumovs, ma incredibilmente sbaglia tutto alzando troppo la spatola della stecca. Purtroppo il detto “gol mangiato gol subito” si dimostra ancora una volta veritiero al 34’52″, quando Walcher si apposta vicino alla balaustra, serve il compagno Lewis il quale vede Insam smarcato in mezzo alla mischia e quest’ultimo fa partire un diagonale potentissimo di prima che gonfia la rete per la seconda volta. Sull’onda dell’entusiasmo il Bolzano tenta di affondare il colpo al 36’15″ con Zisser che scappa ad un difensore agordino, serve Faggioni che però si porta troppo avanti il disco, qui Groeneveld esce anzitempo e blocca il puck prima che avvenga l’irreparabile. Un nervosissimo Mike Omicioli viene spedito in panca puniti insieme al compagno Chris Bahen, uno per sgambetto, l’altro per scarica scorretta, l’Alleghe si ritrova quindi in 5 contro 3. Al 39’00″ molta paura per Jon Coleman, dopo un (dubbioso) scontro con Chaulk rimane a terra privo di sensi per molti minuti, interviene la croce rossa, ma alla fine sotto un caloroso applauso si rialza con le proprie gambe e torna in panchina. Colcuc dopo essersi consultato con i propri colleghi infligge un 5+20 (quindi penalità partita) al 91 dell’Alleghe; la penalità viene però scontata da Alberto Fontanive. La frazione centrale si conclude quindi sul 2 a 1 per il Bolzano.
E’ Niklas Sunblad al 40’47″ a darsi subito da fare all’inizio del terzo drittel, da distanza ravvicinata prova la conclusione a mezza altezza, Naumovs respinge con i gambali, nessuno però è lesto ad approfittarne. Gli attaccanti del Bolzano sono sempre in agguato e, ancora il piccolo americano Mike Omicioli parte in solitario come un fulmine e quando si accentra tenta di sorprendere sul secondo palo Groeneveld, che però non si lascia ingannare. Ancora paura per Groeneveld che dopo aver lanciato il disco verso un compagno si vede intercettare il puck da Bahen che però non è altrettanto bravo a trovare un varco aperto. Al 45’35″ una serie d’occasioni di targa agordina vede Fabrizio Fontanive beffare la retroguardia bianco-rossa e servire uno scatenato Jeff Ricciardi, che manca d’un soffio il bersaglio e, qualche istante dopo Bilotto prova una delle sue bombe, la quale prende in pieno sul ginocchio il malcapitato Faggioni (niente di rotto). Il Bolzano è nell’attesa di colpire al momento giusto e, al 47’53″ sulla stecca di Rolly Ramoser capita un disco d’oro che prende in pieno il palo sinistro. Al 50’06″ un principio di rissa viene scatenata da Drew Omicioli, il quale ha bisogno di un costante contatto fisico con Nicola Fontanive, anch’egli con i bollenti spiriti; Colcuc spedisce entrambi in panca puniti per 2+2 minuti per eccessiva durezza. Entrambi i portieri rimangono costantemente sotto pressione, Jacobsen e Fabrizio Fontanive al 51’48″ provano le conclusioni senza esito positivo, quest’ultimo sbaglia il controllo del disco che finisce fuori della traiettoria e viene recuperato da un difensore del Bolzano. Al 52’06″ Mike Omicioli va a fare compagnia in panca puniti al fratello Drew, il quale viene penalizzato per 2 minuti per proteste. I minuti scorrono senza azioni significanti, ma al 56’50″ Insam sfiora di poco l’hat trick personale, lascia partire una conclusione bellissima sulla quale però Groeneveld fa buona guardia. Al 57’02″ Harder vola in contropiede, adocchia lo smarcato Sunblad, ma invece che passare tenta la sorpresa che immancabilmente si stampa sul lampadario del tetto dell’Alvise De Toni. Un Alleghe sprecone rischia il collasso al 58’25″ quando Zisser ruba un disco al centro, si presenta a tu per tu con Groeneveld, ma non tira, passa indietro a Rolly Ramoser che spara alto e butta alle ortiche un’occasione d’oro. Sul finire del terzo tempo l’Alleghe toglie il portiere e, Roland Ramoser al 59’51″, dopo aver vinto un ingaggio tira dalla distanza il puck che si accomoda in fondo alla rete, che, di fatto, porta i bianco-rossi sul 3 a 1 finale e a gara 5 dei quarti di finale. Gli alto-atesini escono a testa alta e rinfrancati da questo duro confronto e dall’altro canto l’Alleghe deve mangiarsi le mani per le tante occasioni sprecate; una cosa è sicura, senza Colin Chaulk, la punta di diamante delle civette agordine sarà molto dura martedì spuntarla in quel di Bolzano.

Tabellino:
03.45’ Leo Insam (nessun assist) (0-1)
21.40’ Fabrizio Fontanive (Harder – Chaulk) (1-1)
34.52’ Leo Insam (Walcher – Lewis) (1-2)
59.51’ Roland Ramoser (Empty net goal) (1-3)
Capo arbitro: Colcuc
Giudici di linea: Gamper – Loreggia

Tags: