Playoffs: Stagione finita per il Lugano, gara 7 per le altre

di gio

Il fatto saliente della sesta partita dei quarti di finale è l’eliminazione dei campioni svizzeri in carica ad opera del Kloten (e di alcune decisioni molto dubbie del direttore di gara). Sulle altre piste, il Davos ha dominato ed è andato ad imporsi a Zurigo costringendo i Lions a gara 7 mentre la stessa cosa ha fatto lo Zugo che è andato ad imporsi a Rapperswil.

Zurigo Lions-Davos 1-3 (0-2;0-0;1-1)

0-1 13:38 Taticek Petr
0-2 16:08 Burkhalter Loic
1-2 45:17 Zeiter Michel
1-3 47:27 Taticek Petr

Partita molto tattica quella dell’Hallenstadion con il Davos abile a partarsi in doppio vantaggio e a controllare la reazione di uno Zurigo che sembra aver perso la sua verve delle prime partite ma che potrà dire la sua sabato a Davos in occasione di gara7.

Rapperswil/Jona Lakers-Zugo 1-5 (0-1;0-1;1-3)

0-1 16:16 Piros Kamil
0-2 35:45 Hallberg Per
1-2 48:18 Nordgren Niklas
1-3 53:37 Fazio Livio
1-4 57:45 Piros Kamil
1-5 58:31 Kolanos Krys

Partita molto più equilibrata di quanto indichi il punteggio a Rappeswil con i padroni di casa in partita fino alla rete del 3-1 a sei minuti dal termine. Poi le altre reti sono cadute con i sangallesi protesi in avanti cercando di recuperare. Lo Zugo rientra quindi prepotentemente in corsa per le semifinali dopo essere stato sotto per 3-0 nella serie. Sabato a Zugo, gara 7.

Kloten Flyers-Lugano 3-1 (1-0;1-0;1-1)

1-0 12:07 Jenni Marcel
2-0 30:29 Von Gunten Patrick
2-1 43:58 Gardner Ryan
3-1 59:55 Pittis Domenico

L’ennesimo furto stagionale perpetrato ai danni dei bianconeri, è costato l’eliminazione ai ticinesi. Partita tattica, e non poteva essere altrimenti tra due squadre che nei primi dieci minuti si sono studiate. Poi il Lugano ha beneficiato di una doppia superiorità numerica, ma un contropiede di Lindemann ha costretto Züger ad un’uscita sciagurata permettendo a Jenni di insaccare nella gabbia sguarnita la rete del vantaggio per i padroni di casa. Il Lugano non si è perso d’animo e ha continuato a giocare faticando comunque a crearsi occasioni da rete. Nel secondo periodo sono ancora gli aviatori a passare con Von Gunten che carica Hentunen da dietro e gli soffia il puck, poi, dal proprio terzo, arriva indisturbato a battere in due tempi Züger. A questo punto pare finita per i giocatori ospiti che accusano il colpo. Inizia il terzo periodo con gli ospiti in inferiorità numerica, ma il Kloten non riesce a chiudere l’incontro. In seguito è il Lugano a beneficiare dell’uomo in più e con Gardner, i bianconeri trovano il punto della speranza. Da questo momento, sul ghiaccio, c’è una sola squadra, il Lugano che preme costantemente mettendo in grave imbarazzo Rüeger ma che non riesce a passare. Il fattaccio accade a soli venti secondi dal termine con il Lugano in 6c4. Il puck vaga davanti a Rüeger e giunge a Jeannin che insacca il pareggio, ma l’insufficiente arbitro Prugger, inspiegabilmente, annulla la rete del pareggio bianconero condannando il Lugano alla sconfitta. Un Lugano che ha dimostrato di non essere inferiore all’avversario ma che ha pagato a caro prezzo gli scandali che ruotano attorno alla società a partire dalla scorsa estate. E’ comunque scandaloso che un arbitro del genere possa decidere una serie di playoffs senza nulla togliere comunque ai meriti di un Kloten che potrebbe arrivare molto distante in questi playoffs.

Tags: