NHL Corner: il Febbraio dei Rangers

Di: Emanuele Badessi

I risultati del primo e dell’ultimo match di febbraio rispecchiano quello che è stato l’andamento delle Blueshirts in questo mese cioè la solita altalena di risultati che sembrano un po’ il marchio di fabbrica della franchigia della Big Apple.Difatti il mese di gare ha visto New York imporsi per 5 volte (di cui 3 in casa) con 2 shutout per il goalie svedese Lundqvist e soccombere per ben 7 match di cui 2 agli shootout (con 3 sconfitte nei primi 3 match del mese) mettendo in forte dubbio il raggiungimento dei Playoff da parte della franchigia di Coach Renney.Un po’ di ossigeno in quest’ottica è comunque arrivato dallo scontro diretto ,in chiave accesso alla Post-Season, che Jagr e compagni si sono aggiudicati davanti al pubblico del Garden, a spese degli Habs con un sonante 4-0;con questo risultato New York si è portata a solo 6 punti proprio dagli Habs che al momento occupano l’ultimo posto disponibile ad Est per l’accesso ai Play Off (ma hanno disputato 3 match in più).

Sul fronte infortuni il mese di Febbraio ha visto la perdita del Goalie Weekes a causa di un’affaticamento del quadricipite femorale rimediato in allenamento ed il conseguente ritorno da Hartford del goalie Valiquette.Altra perdita molto importante è stata quella di Brendan Shanahan che ha rimediato una commozione cerebrale in uno scontro di gioco con l’attaccante di Philly Mike Knuble (il quale ha subito una frattura dell’orbita e dello zigomo per le quali è stato sottoposto ad un intervento).A fronte di questo infortunio, che terrà lontano dal ghiaccio il veterano ex Red Wings a tempo indeterminato, è stato richiamato, sempre da Hartford, Brad Isbister.
Passando al capitolo mercato sono da segnalare gli arrivi al Garden dei Sean Avery e del Prospect John Seymour acquistati da Los Angeles in cambio di Jason Ward, Marc-Andre Cliche and Jan Marek. Altro arrivo a New York è quello di Pascal Dupuis, sbarcato in riva all’ Hudson da
Minnesota in cambio di Adam Hall. Dupuis è stato poi girato ad Atlanta in cambio del Alex Bourret e di una terza scelta al draft 2007.
Vero colpo di mercato però per i Rangers è stato l’acquisto, nelle ultime ore di mercato, del difensore di Boston Paul Mara in cambio di Aaron Ward;Mara ha disputto quest’anno 59 match con la maglia della franchigia di Boston mettendo a segno 18 punti (3 gol e 15 assist) con 95 minuti di penalità: “È un giocatore forte e dal fisico imponente (195 cm – 99 Kg n.d.r. ), attributi che pensiamo potranno essere utili al nostro team nel corso delle partite, e poi ci potrà essere molto utile nelle situazioni di Power Play visto che possiede un gran tiro” dice di lui Coach Renney.