Valpellice – Caldaro: il commento

Con una prestazione finalmente di nuovo convincente la Valpe batte seccamente per 4 a 0 il Caldaro e va sul 2 a 1 nella Serie.
Atmosfera da playoff sugli spalti (quasi 2.000 tifosi!) ed in campo con 2 espulsioni e la panchina dei Lucci assai nervosa.
Ospiti senza l’infortunato svedese Wagstrom (assenza che risulterà assai pesante) per un problema al ginocchio.
In attesa dell’arrivo di Santino Pellegrino, Da Rin rivoluziona l’assetto dei biancorossi schierando subito la "superlinea" Petrov- Grossi – Di Stefano e lasciando in secondo Silva – Pozzi – Meneghetti. In terza gira Mosele assistito da Covolo e Migliore con Traversa a "girare". In difesa si formano le coppie Lyness – Tremolaterra, Laine – Babic e Moro – Olivo.
La Valpe ha la mentalità giustamentente agrressiva ed in tre minuti il Caldaro è annichilito: inizia Lyness con bomba dalla blu dopo 49 secondi, replica Silva dopo splendido disco recuperato da Meneghetti e Pozzi.

Il primo tempo è tutto dei valligiani; Bernard è bombardato da tutte le parti e se la cava con bravura e fortuna, specie quando Grossi colpisce l’ennesima traversa!
Andergassen si fa notare solo per una brutta scorrettezza ai danni di Tremolone (ferita all’occhio) e ci ricava una penalità partita (salterà 2 turni?).
Finisce con 17 tiri a 5 ed il pubblico finalmente convinto nell’applaudire i ragazzi.
Il secondo tempo è di nuovo tutto di marca biancorossa; si scatena la seconda linea dove un rinato Meneghetti combatte ed ispira le trame offensive.
Dopo 1 minuto il "Menego" ispira un "tarantolato" Marco Pozzi che batte con freddezza Bernard.
Tutti pazzi per Pozzi diceva uno striscione ed il Marco meneghino raddoppia 5 minuti dopo sfruttando un’indecisione della difesa del Caldaro.
La partita sul 4 a 0 di fatto finisce; la Valpe amministra saggiamente il risultato e le energie, il Caldaro è stordito e privo delle forze fisiche e mentali per recuperare.
Il terzo tempo vivacchia su qualche bella azione, questa volta da ambo le parti, e con l’arbitro Bagozza, sin lì perfetto, a comminare un pò di penalità fiscali specie ai biancorossi.
Al minuto 53 è Mike Di Stefano a subire un inutile quanto pesante fallo da Wirth (brutta botta alla spalla); Olivo ricorda al mister De Bruyn l’inutilità dell’atteggiamento dei Lucci dato il risultato e ne nasce un piccolo parapiglia che costa l’espulsione del difensore valligiano.
Poi più nulla sino alla fine che Demetz che difende con attenzione il suo secondo shoot out stagionale ed il pubblico festante che assiste ad un diverbio tra le panchine provocato da uno scatenato De Bruyn.
Ciò sarà il preludio ad una caldissima GARA 4 che si dipuetrà mercoledì a Caldaro, ore 20.30, con diretta su RBE ed in streaming sul sito con il commento della coppia Arghittu – Ermacora.
Gara 5 venerdì 2 marzo a Torre Pellice.
Le altre sfide del primo turno sono tutte sul 3 – 0 per le favorite Merano, Vipiteno ed Appiano.