40ª giornata… alla sirena

di Alessandro R.

GIRONE A

RENON-MILANO 2-3 Il Milano, tornato dominatore del campionato, sale sull’altopiano del Renon per confermare quanto di buono fatto finora nel girone A; Renon reduce dalla sconfitta di Cortina, ma decisa a lottare fino all’ultimo per la conquista delle prime due posizioni.
La partita si sblocca presto, con la disattenzione difensiva dei padroni di casa e l’agevole gol di Evans su assistenza di Borgatello, al minuto 2.46. I Rittner Buam premono per acciuffare il pari subito, ma sprecano anche una situazione di doppia superiorità numerica. Chi non spreca nulla sono le Vipere che raddoppiano al 14.12 con la rete di Scandella assegnata però a Dino Felicetti.
Comincia il secondo periodo ed il Milano mette la firma sull’incontro con la terza rete, realizzata da Brett Lysak al 23.38: sotto lo sguardo di uno sconsolato Paul Adey, i padroni di casa non riescono ad entrare in partita. Serve un’altra doppia superiorità numerica per sbloccare i padroni di casa, che segnano in rapida successione con Tuzzolino (doppio pp) e con Trevor Johnson (pp). Match riaperto in meno di trenta secondi, dal 26.44 al 27.11!! Il Renon appare trasformato, ci prova in diverse occasioni impegnando anche severamente il portiere Passmore, ma il Milano amministra e tiene fino alla sirena finale, che sancisce la terza vittoria consecutiva dei cmapioni d’Italia e la loro conferma ai vertici del gruppo A.

CORTINA-BOLZANO 5-2 All’Olimpico di Cortina scendono sul ghiaccio le formazioni più blasonate del nostro campionato. Cortina reduce dalla vittoria casalinga sul Renon, ma ancora alla ricerca della miglior condizione sotto la guida del nuovo coach Gosselin; Bolzano che ha imboccato un tunnel dal quale deve tentare di uscire al più presto se vuole continuare a puntare in alto. Gioca meglio il Cortina, ma a segnare è il Bolzano con Nelson. Si sente sul ghiaccio l’assenza di Mike Omicioli (squalificato), e gli scoiattoli impongono il proprio gioco fino a raggiungere il pareggio al 10.51 con il capitano Giorgio DeBettin. Il Cortina continua a macinare gioco e raddoppia tre minuti più tardi con l’azzurro Narcisi: doppia doccia fredda per il Bolzano a poco dalla sirena, con Ansoldi che ha superato i postumi dell’ignobile pestaggio di Chamonix.
Il Bolzano parte con un piglio diverso nel secondo tempo, ma non riesce a segnare. Chi va a segno è ancora il meranese Luca Ansoldi, che nel suo derby personale trafigge Naumovs per la seconda volta e porta a 4 le reti dei padroni di casa. Nel terzo ed ultimo drittel gli uomini di Samuelsson provano a riaprire i giochi al 47.09 con un nervoso ed incostante Drew Omicioli, ma il gol -di poco successivo, 49.13- segnato da Corupe chiude la partita. L’incontro sancisce la crisi di un Bolzano che, sulla carta grande squadra, non riesce a rendere secondo il suo enorme potenziale. D’altro canto rilancia un Cortina che, uscito con le ossa rotte solo una settimana fa dall’Agorà, ora è in piena corsa all’inseguimento delle Vipere.

GIRONE B

PONTEBBA-ALLEGHE 3-5 Ancora prive di Nicola Fontanive le civette fanno visita ad un Pontebba in crisi nera ed ancora alla ricerca della prima vittoria addirittura dal 6 gennaio! Partono meglio le aquile di casa e segnano con Carlson al 4.11: ma cinque minuti più tardi arriva la replica degli agordini con la rete dello svedese Sundblad. Gli ospiti si portano in vantaggio con Chaulk, ben imbeccato da Manuel DaTos al 32.58. Una doppietta di Romano fa chiudere ai padroni di casa in vantaggio il secondo drittel. Nel periodo conclusivo bastano 2 minuti all’Alleghe, tra il 47.46 ed il 49.51, per ribaltare, grazie alle reti di Chaulk e Harder (2) il risultato. Con questa vittoria l’Alleghe si consolida al comando del girone ed ipoteca il passaggio del turno; nulla ancora compromesso, nonostante la brutta serie inanellata, per le aquile friulane, ansiose di riprendere il bel cammino interrotto ormai da due mesi. Da segnalare il rientro tra i pali, dopo l’infortunio patito in nazionale, di Andrea Carpano, che potrebbe rivelarsi un’arma in più in questa fase finale del girone B.

VALPUSTERIA-ASIAGO 5-1 Un Asiago intraprendente resiste un tempo contro una delle squadre più in forma del momento: poi è solo Brunico. Partono bene gli stellati, che trovano il vantaggio al quarto minuto con Ciresa. La replica dei Lupi è targata Erikson, con la rete del pareggio all’11.32. Con il passare dei minuti i padroni di casa aumentano il ritmo e chiudono sempre di più i ragazzi di Tucker nel proprio quarto. Il vantaggio pusterese arriva al 28.29 con Bona, che si conferma uno dei migliori realizzatori di scuola italiana del campionato. Nel terzo tempo il sigillo sull’incontro arriva con la rete del giovane Thomas Trenker (classe 87) e con la doppietta dell’esperto ex nhl Moger. L’inseguimento all’Alleghe è una missione difficile, ma il gioco ed i risultati raccolti finora dalla squadra di Nilson possono far ben sperare i tifosi pusteresi in ottica quarti di finale. Per l’Asiago ancora cinque partite per dimostrare che la voglia di fare bene e crescere ci sono.

Tags: