LOMBARDIA – PIEMONTE 1 a 1

L’Armata Brancaleone incrina la sicurezza dei Tori Seduti
che fino ad ora avevano sempre vinto…e oggi hanno dovuto accontentarsi solo di un pareggio

Nella partita odierna al Palalbani di Varese, l’Armata Brancaleone reduce dalla soddisfacente vittoria della scorsa settimana a Como contro le Aquile del Sud Tirolo, affronta la squadra capolista, quei Tori Seduti che dopo avere vinto entrambe le edizioni precedenti del Campionato Italiano CIP di Sledge-Hockey, si sono candidati a portare a casa anche quest’anno il loro 3° scudetto.
La partita di oggi, ottava sulle 15 totali che compongono la formula del Campionato 2007 CIP, ha acceso nell’animo dei tifosi lombardi la piccola fiammella della speranza che non sia ancora troppo tardi per cambiare le sorti del Campionato.
Forse siamo un po’ troppo ottimisti, ma…. matematicamente tutto è ancora possibile!

Primo Tempo:
Inizio di partita giocato con grande grinta da parte di entrambe le squadre: Armata Brancaleone e Tori Seduti avanzano equamente verso le porte avversarie.

Prima punizione di 2 minuti per la Lombardia a 2’15, assegnata al difensore Bruno Balossetti con il numero 14 per carica scorretta.
L’Armata cerca insistentemente il goal, ma bisogna render merito al Piemonte per l’agguerrita difesa che non lascia passare nulla nella porta di Danilo Bosio (#74).
Anche il Piemonte cerca il tiro in porta e conduce la partita con vari tiri che mettono in difficoltà la Lombardia, che comunque – grazie anche alle numerose parate del primo portiere Fabrizio Cozzi (#66) – si difende a dovere.
Dopo ripetuti tentativi di centrare la porta avversaria messi in atto dal #88 Marco Re Calegari – che ha dimostrato anche oggi come sempre le sue grandi doti di atleta – al 5’10 arriva l’occasione propizia, ed è Ivan Ghironzi (#24) che evidenzia la sua presenza in partita sferrando un tiro dritto in porta che lascia tutti “di ghiaccio” e porta l’Armata Brancaleone in vantaggio!
I Tori Seduti non si danno per vinti, e iniziano a pressare la porta di Cozzi, allarmando i Leoni lombardi che nonostante tutto mostrano le loro grandi capacità difensive, intercettando ogni possibilità di goal.

La partita continua con molta voglia di pareggio da parte degli ospiti, che comunque stanno giocando alla grande.
Il primo tempo finisce con il risultato di 1 a 0 per l’Armata Brancaleone.
L’inizio del secondo tempo è caratterizzato da un tentativo di tiro in porta da parte del Piemonte che sembra riprendere l’incontro con una gran voglia di rimonta, mentre la Lombardia cerca di difendersi e di mantenere il vantaggio.
L’impostazione di gioco dei Tori Seduti mette in difficoltà l’organizzazione difensiva dell’Armata Brancaleone, la quale dopo 10 minuti decisamente difficili deve capitolare a causa di un’azione personale di Andrea Chiarotti che mette il puck dietro le spalle di Cozzi.
Qualche difficoltà nell’assetto dello slittino per Fabrizio Cozzi portano ad un cambio di portiere in casa lombarda: a 25’41 è a Santino Stillitano che l’Armata affida l’estrema difesa della sua porta.

Nel terzo tempo si evidenzia immediatamente la forte personalità del difensore piemontese Orazio Fagone (#45), che con tiri ripetuti fa tremare l’Armata che più volte sembra essere in difficoltà, e viene penalizzata in due occasioni (2 minuti al 38’44 al recidivo Bruno Balossetti per trattenuta e 2 minuti al 42’11 a Ivan Ghironzi per carica scorretta).
Notevoli ma inefficaci alcuni tiri in porta dei Leoni Balossetti e Vinci, che insistentemente cercano la vittoria.
La partita procede fino alla fine con molta voglia da parte di entrambe le squadre di portare a casa il risultato.
Anche il #70 Santino Stillitano, che da soli due mesi difende con Fabrizio Cozzi la porta lombarda, si fa valere con diverse parate che mettono sicurezza al reparto difensivo.
Al suono della tromba che sancisce il fine partita, il tabellone dei punti è fermo sull’1 a 1 del secondo tempo.

Grande partita, tirata ed equilibrata, nella quale nessuna squadra ha prevalso sull’altra, e dove la bravura degli allenatori nel muovere e consigliare i giocatori ha permesso di finire in pareggio senza umiliazioni per nessuna delle compagini.

Nella panchina lombarda si esulta.
Certo, “…poteva andare bene, invece è andata solo benino…”. E’ vero, ma se guardiamo la classifica generale del campionato fino ad oggi, vediamo che per la prima volta i Tori Seduti tornano a casa col solo punto del pareggio anziché coi 2 punti della vittoria. Forse l’Armata ha frenato la corsa solitaria del Piemonte verso l’ambita vetta del titolo italiano?

“Partita equilibrata e ben giocata da entrambe le squadre” – dice l’allenatore Matteo Bianchi – “Il risultato rispecchia il valore espresso in campo ed è di buon auspicio per le partite successive”.

Il portiere Fabrizio Cozzi dice: “Sono dispiaciuto per essermi lasciato trafiggere da quel goal di Chiarotti che ha cambiato le sorti dell’incontro, ma nonostante il pareggio spero che questa partita sia servita ai miei compagni di squadra perché abbiano maggiore fiducia e considerazione di se stessi, e perché siano sempre più convinti che la differenza tra Armata Brancaleone e Tori Seduti NON E’ ABISSALE” !!!

“Grandi ragazzi!” è il commento a caldo di Daniela Colonna-Preti patron dell’Armata Brancaleone. “Personalmente sono molto soddisfatta. Intanto perché abbiamo intercettato la corsa dei Tori Seduti: abbiamo fatto loro uno sgambetto, diciamo così, e forse abbiamo rallentato il loro ritmo, o almeno spero!
La mia grande soddisfazione è anche data da altri risultati che abbiamo ottenuto in questi ultimi mesi di grande lavoro, e perfino in queste ultime ore.
Innanzitutto abbiamo 12 giocatori titolari (contando anche Lorenzo Lucchina che in settimana riprenderà gli allenamenti dopo il grave infortunio dello scorso anno) e altri due che speriamo di poter portare presto in campo. L’anno scorso eravamo solo in 7-8 a partita.
Poi abbiamo il grande piacere di poter contare non solo sull’apporto tecnico di Mister Matteo Bianchi, ma anche dell’aiuto di Karel Dvorak e Michael Mazzacane agli allenamenti del martedì, e di Angelo Bigna che li affiancherà nei prossimi incontri. Tutti e quattro i nostri allenatori oggi erano in panchina a concertare strategie di vittoria…
Oggi poi gli spalti non erano desolatamente vuoti come al solito. Un po’ più di amici e parenti si sono raccolti al Palalbani per fare il tifo per la nostra squadra, e chissà, magari a poco a poco anche qualche varesino si lascerà stanare e si avvicinerà al nostro sport per incoraggiare la nostra squadra.
Ultima, ma non certo in ordine di importanza, la novità della giornata, ovvero la conferma che il ROTARY CLUB VALCERESIO elargirà un contributo per le spese dei giocatori della POLHA che militano nell’Armata Brancaleone: un nuovo gruppo di AMICI che, aggiungendosi ai confermati SKODA CARDUE VARESE, PRIFA, PANATHLON CLUB e LINDT, ci permetteranno di arrivare serenamente alla fine della stagione, e di acquistare del nuovo materiale per noi indispensabile.
Aspettiamo ancora una conferma da parte di uno sponsor della prima ora, la MIC-SHIMANO e poi potremo definire l’aspetto delle nostre nuove maglie di gioco.
Un problema che ancora mi assilla è quello della trasferta ad Amsterdam dal 28 marzo al 2 aprile 2007 per un torneo internazionale a 8 squadre al quale vorremmo partecipare, ma al quale temiamo di dover rinunciare (come lo scorso anno) perché la trasferta comporta un esborso di oltre 4.000 euro. Spero fortemente di riuscire a trovare un aiuto economico nei prossimi giorni, magari anche grazie al tam tam degli amici giornalisti. La POLHA infatti non può affrontare questa ulteriore spesa, poiché oltre al Campionato di Hockey da portare avanti, deve garantire a circa un centinaio di atleti disabili le normali attività di apprendimento e allenamento in varie discipline sportive, e la partecipazione a molte gare in Italia e all’estero. ”

Cronaca di Mari Aversano; rielaborata e integrata da Dacopì.

LE FORMAZIONI:

LOMBARDIA (“Armata Brancaleone”) in maglia bianco-verde:
PORTIERI: Fabrizio Cozzi (#66), Santino Stillitano (#70); DIFENSORI: Bruno Balossetti (#14), Domenico Vinci (#3), Ambrogio Magistrelli (#36); ATTACCANTI: Marco Re Calegari (#88) (Centro), Giuseppe Fantinato (#23), Ivan Ghironzi (#24), Igor Stella (#81), Roberto Radice (#21) ALLENATORE: Matteo Bianchi
AIUTO ALLENATORI: Karel Dvorak (H.C. Mastini Varese), Michael Mazzacane (Vipers Milano), Angelo Bigna.
ATTREZZISTI: Roberto Marchiorato, Daniele Gaspari

PIEMONTE (“Tori seduti”) in maglia gialla e blu: PORTIERI: Ciro Amato (#23) e Danilo Bosio (#74); DIFENSORI: Luigi Grill (#16), Orazio Fagone (#45), Giuseppe Condello (#99), “C”Andrea Chiarotti (#9), Valerio Corvino (#22); ATTACCANTI: Gregory Leperdi (#73), Francesco Mancuso (#8), Luca Piccinino (#77); Claudio Massalin ALLENATORE.