41.giornata: Derby al Lugano, Ambrì nei playout

di gio

Quarantunesima giornata con gli occhi puntati sul derby ticinese con i bianconeri ad imporsi nettamente alla Valascia e condannare così l’Ambri ai playout grazie alla contemporanea vittoria dello Zurigo a Basilea. A Kloten, gli aviatori riaprono il discorso per il primo posto battendo nettamente il Davos mentre il Berna vince di misura con il Servette. Il Rapperswil batte lo Zugo e il Friborgo si impone a Langnau.

Ambri Piotta-Lugano 2-6 (1-1;1-3;0-2)

1-0 03:09 Somervuori Eero
1-1 11:46 Wallin Rickard
2-1 23:36 Domenichelli Hnat
2-2 31:03 Näser Andy
2-3 35:36 Reuille Sebastien
2-4 36:01 Hentunen Jukka
2-5 47:34 Romy Kevin
2-6 59:16 Hänni Andreas

Solo 5455 spettatori per il derby ticinese, una partita che contava parecchio soprattutto per i padroni di casa che avevano bisogno del grande sostegno del loro pubblico per continuare a mantenere viva la speranza dei biancoblù di raggiungere in extremis le otto elette. I bianconeri si presentano alla Valascia con soli tre stranieri e qualche giocatore febbricitante, mentre i padroni di casa hanno qualche giocatore influenzato, mentre Gianini è infortunato.
Partita che inizia ottimamente per i biancoblù che si proiettano in avanti sorprendendo uno statico Lugano. Alla prima occasione in superiorità numerica, l’Ambrì passa in vantaggio con Somervuori che approfitta di un pasticcio di Züger per infilare la rete bianconera. Pare che l’Ambrì possa avvicinarsi al raddoppio ma il Lugano regge l’urto. Attorno all’ottavo minuto, finalmente, il Lugano cambia marcia e mette in difficoltà l’Ambrì. I bianconeri, dopo alcune ghiotte occasioni fallite, pervengono al pareggio con un tiro da posizione impossibile di Wallin che si infila tra palo e portiere. Tutto da rifare per i padroni di casa che però subiscono il Lugano. Il primo periodo termina in parità ma con il Lugano che pare in crescendo.
Il secondo periodo inizia con il Lugano in avanti, ma al terzo minuto, contro l’andamento del gioco, è Domenichelli in contropiede che approfitta di un errore di piazzamento della difesa ospite per riportare in vantaggio l’Ambrì. La rete ravviva la partita e nello spazio di trenta secondi entrambe le squadre hanno la possibilità di realizzare ma l’imprecisione degli attaccanti premia i portieri. Il Lugano tenta di reagire ma subisce i numerosi e pericolosi contropiede dei padroni di casa. Si giunge così all’ottavo minuto con l’Ambrì in vantaggio e che beneficia anche di una superiorità numerica nella quale però il Lugano fa buona guardia. All’undicesimo, il Lugano vince un ingaggio offensivo con Conne che serve Näser che con un tiro molto preciso dalla linea blu batte l’incolpevole Bäumle per la rete del pareggio bianconero. Subito dopo la rete, il Lugano subisce una nuova penalità e l’Ambrì ne approfitta per cercare la rete del nuovo vantaggio ma il Lugano fa buona guardia. La partita continua molto equilibrata, poi al quindicesimo, è il Lugano che con una veloce azione offensiva di Reuille si porta per la prima volta in vantaggio. Ora si attende la reazione dell’Ambrì che però subisce venticinque secondi dopo la rete del 4-2 da parte di Hentunen abile ad infilare Bäumle. In cinque minuti, tanti ne suono bastati ai bianconeri per realizzare tre reti, il Lugano potrebbe aver affossato la speranza di playoffs dell’Ambrì. Il secondo periodo si conclude quindi con il Lugano in doppio vantaggio e con l’Ambrì che si vedrà costretto ad attaccare nel terzo periodo per rientrare aprendo gli spazi agli attaccanti bianconeri. Il terzo periodo inizia con dei timidi attacchi dell’Ambrì che non pare però convinto delle sue possibilità. Il Lugano rischia solo quando sono gli stessi bianconeri a commettere degli errori in difesa. L’Ambri ci prova ma alcuni giocatori, debilitati dall’influenza, non riescono a dare tutto quello che vorrebbero. Il Lugano dal canto suo si limita a controllare la partita non disdegnando qualche puntata offensiva di tanto in tanto. In una di queste offensive, il Lugano ottiene una superiorità numerica e si istalla nel terzo offensivo. Il power play bianconero è molto macchinoso e un errore sulla linea blu permette ai padroni di casa di partire in contropiede. Solo un grande intervento di Vauclair permette al Lugano di evitare il peggio. Il pubblico vede un fallo inesistende del giocatore bianconero e inizia con il solito, stupido, lancio di oggetti sul ghiaccio e la partita viene interrotta per qualche minuto per permettere agli inservienti di pulire la superficie ghiacciata. Alla ripresa, i bianconeri realizzano la rete del 5-2 che probabilmente affossa le residue speranze di rimonta dell’Ambri. Per cercare una reazione, allora Huras sostituisce il portiere Bäumle con la riserva Lüdke ma le coordinate dell’incontro non cambiano anche perché il Lugano controlla abilmente l’incontro e l’Ambrì pare in debito di ossigeno. A dimostrazione di questo, vi è una superiorità numerica dell’Ambrì con il Lugano istallato nel terzo avversario a far girare il puck. Il crescendo del Lugano ha messo in difficoltà evidenti i padroni di casa, incapaci di cambiare il loro ritmo. Negli ultimi minuti l’Ambrì prova almeno ad addolcire la pillola ma nemmeno la disperata mossa di togliere il portiere a due minuti dal termine permette ai padroni di casa di scardinare la difesa bianconera. Sono invece i bianconeri, con Hänni, a realizzare la rete del definitivo 6-2. Questa sconfitta decreta la fine dei sogni di gloria dei biancoblù e sono proprio i cugini bianconeri a condannarli ai playout.

Basilea-Zurigo Lions 1-3 (1-2;0-1;0-0)

0-1 10:17 Zeiter Michel
1-1 15:32 Walker Julian
1-2 16:21 McTavish Dale
1-3 36:08 Pavlikovsky Rastislav

Nella trasferta di Basilea allo Zurigo si chiedeva esclusivamente la vittoria per mettere un’altra pietra nella qualifica ai playoffs. Così è stato con lo Zurigo che ha badato soprattutto al risultato e non allo spettacolo con un Basilea che a questo punto ha poco da chiedere alla stagione regolare.

Berna-Ginevra Servette 3-2 (2-1;1-1;0-0)

0-1 16:04 Cadieux Jan
1-1 17:06 Berglund Christian
2-1 19:34 Berglund Christian
2-2 21:32 Mercier Jonathan
3-2 34:02 Dubé Christian

Partita parecchio equilibrata e molto nervosa tra il Berna e il Servette che parevano già in clima playoffs. Le due squadre si sono equivalse ma i padroni di casa sono stati più abili a sfruttare le situazioni speciali.

Kloten Flyers-Davos 4-1 (2-0;1-0;1-1)

1-0 03:15 Lindemann Sven
2-0 19:17 Rintanen Kimmo
3-0 32:24 Lemm Romano
4-0 43:48 Ehrensperger Gianni
4-1 56:45 Riesen Michel

Il Kloten aggredisce il Davos fin dall’inizio e trova subito la rete del vantaggio sulla quale ha poi costruito l’intera partita. Con un ottima prova difensiva ha impedito ai grigionesi di entrare in partita vincendo meritatamente un confronto che praticamente riapre anche la lotta per il primo posto.

Rapperswil/Jona Lakers-Zugo 4-1 (1-0;2-1;1-0)

1-0 08:30 Schrepfer Rolf
2-0 21:49 Friedli Samuel
2-1 32:21 Hallberg Per
3-1 34:38 Czerkawski Marius
4-1 59:23 Nordgren Niklas

Ottima prova offerta dal Rapperswil che imbriglia lo Zugo dimostrando una volta ancora che non sarà un avversario facile nei playoffs. La partita è stata comunque parecchio equilibrata con gli ospiti a cozzare sul portiere sangallese autore di un’ottima prestazione.

Langnau Tigers-Friborgo Gottéron 4-5 (2-1;0-3;2-0)

0-1 03:29 Tuominen Pasi
1-1 14:51 Toms Jeff
2-1 16:30 Toms Jeff
2-2 26:18 Monnet Thibaut
2-3 28:34 Monnet Thibaut
2-4 36:04 Monnet Thibaut
2-5 36:35 Bastl Mark
3-5 44:36 Tuomainen Marko
4-5 46:01 Liniger Michael

Partita di poco conto per la stagione regolare tra il Langnau e il Friborgo che però potrebbe avere risvolti psicologici importanti nei playout. Il primo periodo è molto equilibrato con i tigrotti che lo concludono in vantaggio. Nel secondo periodo però il Langnau crolla sotto le tre reti di Monnet che "girano" la partita Il Langnau non ci sta e nei primi minuti del terzo periodo approfitta di alcune penalità fischiate contro gli ospiti per rientrare in partita. Poi il Friborgo serra le fila e riesce a portare a termine vittoriosamente la partita.

Tags: