Killer Bees Varese: Intervista a Odino

E’ sembrata un’altra squadra dalle ultime due uscite casalinghe (sconfitte contro Chiavenna e Verona)che avevano lasciato molte preoccupazioni all’interno dello spogliatoio minando così la tranquillità dei giocatori.

“Abbiamo giocato bene – spiega F. Odino – alternando inizialmente due linee e quindi giocando gli ultimi due periodi con le tre linee a disposizione. Ci sono evidenti miglioramenti segno che il programma di “rigenerazione” che stiamo seguendo è la strada giusta”.

Poche penalità , molta disciplina, discreto ritmo nelle gambe ecco i punti chiave che hanno permesso alla squadra varesina di ritornare a giocare ad hockey su ghiaccio.

“ E’ stata una buona partita anche se , a parte il risultato giusto ma non importante per noi, non abbiamo imposto il nostro ritmo. – dice Cesarini – Dobbiamo ancora lavorare molto su questo punto perché è una nostra brutta abitudine abituarci al gioco degli avversari e non

imporre il nostro.”

Nella panchina i giocatori venivano esortati ad aumentare le frequenze ed a cambiare con maggiore incisività segno di un gap di miglioramento ancora da colmare.
Cauto ottimismo da parte della Presidentessa Marta Bianchi che dichiara “ è un buon risultato che paga i sacrifici che questi ragazzi stanno facendo durante la settimana. Andiamo avanti anche a costo di prendere decisioni dolorose che sono sempre a tutela del gruppo.”

Chiaro riferimento alla uscita dal gruppo del forte difensore Luca Galeone, che durante l’incontro di Milano ha lasciato la panchina del Varese.

“ A riguardo della uscita di Luca Galeone – dichiara D. Coppa ds delle Api – credo che sia stata la decisione più corretta verso il giocatore e la società intesa come dirigenti, sponsor e giocatori. Stimo Luca come persona e giocatore ma l’incompatibilità con il tipo di gioco
dettato da F.Odino stava ledendo a lui ed alla squadra. Mi dispiace non averlo con noi nella parte finale del campionato ma deve sapere che è ancora parte del gruppo.”

La scelta di sostenere il capo allenatore F. Odino nel momento di crisi è stata naturale e dovuta verso una persona che si è assunta l’onere e l’onore pochi mesi fa di gestire un gruppo nuovo e eterogeneo come quello delle Api Assassine in una piazza difficile come quella di Varese.

Altre indicazioni positive vengono dalla conferma di alcuni giocatori che stanno dimostrando miglioramenti importanti e decisivi per la ricerca di un equilibrio tra le linee di gioco.

Marian Nikon sta giocando un ottima stagione come difensore guadagnandosi nel giro di pochi mesi la fiducia dello staff tecnico e conquistando la seconda linea come giocatore di ruolo.
Vischi sta assumendo un ruolo primario nella prima linea, garantendo tranquillità e copertura, Milani , dato in prestito dai mastini, è alla sua prima esperienza in un campionato diverso e difficile e nel corso della stagione sta assumendosi sempre maggiori responsabilità.

Ufficio Stampa HC Killer Bees Varese