All Stars Piemonte-Caldaro 1-3

di Francesco Seren Rosso

Dopo le molte trasferte per le Universiadi, finalmente l’All Stars Piemonte torna fra le mura amiche del Pala Tazzoli, avversario di turno il Caldaro.
Dopo soli trenta secondi il Caldaro è in powerplay per un fallo commesso da Salonen, e gli opsiti si rendono pericolosi con un tiro di Wirth dallo slot parato da Canei. Al sesto minuto gli altoatesini hanno un’alta grande occasione con Andergassen che si presenta solo davanti a Canei che salva in tuffo. L’All Stars si fa vivo dalle parti di Bernard al 6’73" con un tiro dalla blu di Famà
che, sebbene ben indirizzato, non è potentissimo quindi il goalie avversario può bloccare senza troppi patemi. Al 7’59" arriva il primo powerplay per il padroni di casa per una trattenuta di Rainer ed i torinesi vanno vicini al gol con una conclusione ddalla distanza di Marchetti deviata dal gambale destro di Bernard. Al 10’42" arriva la prima di una serie di brutte notizie per l’All Stars: Sangaletti, contrastando un attaccante avversario, scivola e va a sbattere violentemente contro la balaustra infortunandosi alla caviglia destra; deve uscire e non rientrerà più in pista. Quarante secondi dopo arriva il vantaggio ospite: Andergassen da dietro porta passa il disco in mezzo che tocca un pattino di Rigoni e batte Canei Al sedicesimo è angora Andergassen ad impegnare Canei dopo essere andato via a Famà in velocità. Senza altri scossoni si conclude il

primo periodo che vede il Caldaro meritatamente in vantaggio.

In avvio di secondo periodo anche Salonen deve lasciare il ghiaccio per un infortunio ad una spalla causato da una decisa carica di un difensore avversario, mentre al 4’45" Di Fabio è colpito al volto da un puck tirato da un compagno di squadra. Al quinto minuto combinazione Casale-Sacratini la cui conclusione è deviata dal portiere, tre minuti dopo Trinetti serve all’indietro Pomponio ma il suo tiro è parato da Bernard. Siamo giunti al nono quando Wirth gira dietro porta cercando di superare Canei che è attento. La partita è piuttosto noiosa e vive su accelerazioni, rare peraltro, individuali. Al minuto 11’32" Marchetti vede Hadzi e lo serve con un passaggio rasoghiaccio ma il tiro da posizione angolata viene ribattuto. Cinque minuti dopo arriva il gol del pareggio: Casale lancia Sacratini sulla blu, il capitano dell’All Starsa avanza e batte Bernard con un preciso tiro che tocca il palo destro ed entra nella gabbia. Il tempo si conclude con gli ospiti in superiorità numerica per una penalità a Marcheti e proprio al 19’59" Felderer costringe Canei ad una presa plastica.

Dopo solo 1’13" del terzo periodo, Rainer con un tiro potente colpisce il palo destro a Canei battuto. Al 6’28" arriva la svolta della partita, con il gol del vantaggio ospite: bel movimento di Lobis nel terzo offensivo che serve in backhand Wirth che si decentra ed infila Canei tra i gambali. L’All Stars non reagisce ed il Caldaro ha gioco facile a controllare la partita: gli unici pericoli corsi dagli altoatesini sono un tiro di Sacratini dalla lunga distanza parato in due tempi ed una conclusione di Trinetti che però invece di alzare il disco tira rasoghiaccio favorendo la parata di Bernard. Il Caldaro trova poi il terzo gol al 17’12" con Nail, che in tuffo insacca un rimbalzo lasciato da Canei su un tiro di Virtanen. Anche a casusa di un apenalità a Pomponio, l’All Stars non riesce ad attaccare con sufficiente convinzione ed alla sirena finale sono gli ospiti a portare a casa con pieno merito il bottino pieno.