Sharks-Coyotes: interviste dopopartita

Abbiamo intervistato Wayne Gretzky, Derek Morris e Curtis Joseph dei Phoenix Coyotes e coach Wilson degli Sharks dopo la partita vinta da questi ultimi 5-2 a San Jose.

WAYNE GRETZKY
HT: Wayne, qual’e’ la tua opinione sulla partita di stasera?
GRETZKY: E’ stata una partita eccitante, l’atmosfera del palazzo sembrava quella che si respira nelle partite di playoff, i loro tifosi sono stati parecchio rumorosi. La partita e’ stata piuttosto fisica. I ragazzi hanno giocato da par loro, ma gli Sharks sono una squadra molto forte, con ottimi giocatori, ma con la determinazione che abbiamo dimostrato stasera sono convinto che potremo fare ancora tanta strada e sono ottimista per la partita di Sabato. In generale, sono contento di come i ragazzi abbiano giocato stasera.
HT: In ogni caso, a parte il punteggio finale, voi siete stati in partita e vicini a pareggiare nel terzo periodo…

GRETZKY: Si, ma loro sono una squadra forte, ed hanno avuto la grossa fortuna di trovare il quarto goal con un tiro deviato sotto porta. In ogni caso, noi abbiamo avuto le nostre occasioni, abbiamo resistito fisicamente, ed e’ stata una prova positiva.
HT: Quanto e’ difficile contrastare gli Sharks sul piano fisico?
GRETZKY: Molto. Se facciamo un paragone uno ad uno, i loro giocatori sono in media piu’ alti dei nostri e pesano 50 libbre (22 chili circa) piu’ dei nostri. Penso comunque che questo sia stato un buon viatico per la gara di Sabato, che sara’ molto importante per noi. Ieri sera abbiamo subito una sconfitta in Colorado che ci ha lasciato l’amaro in bocca, abbiamo commesso molti errori e perso dischi importanti, ma stasera abbiamo giocato meglio, fatto passaggi giusti, buone parate del nostro portiere, come d’altronde ieri sera, e sono fiducioso per la gara di Sabato.

DEREK MORRIS
HT: Sei soddisfatto della partita di stasera?
MORRIS: Penso che la squadra abbia fatto una buona partita ma, ovviamente, non abbastanza per vincere. Loro sono forti, ed hanno segnato quando gli serviva. Questa e’ stata la differenza stasera.
HT: Gli Sharks hanno il Power Play migliore della lega, ma nonostante voi siate riusciti a neutralizzarlo stasera, loro sono riusciti lo stesso a segnare goals…
MORRIS: Beh, il loro potenziale offensivo e’ difficile da fermare, anche in 5 contro 5. Thornton e Marleau sono giocatori incredibili, ma anche gli altri non scherzano.
HT: Avete ancora una partita prima della pausa per l’All-star game…
MORRIS:…e dobbiamo assolutamente vincerla!
HT: Come giudichi questa momento per Phoenix? Dopo un’incredibile striscia vincente avete perso 4 delle ultime 5 partite…
MORRIS: Stasera ce l’abbiamo messa tutta. Alla fine di queste trasferte siamo stanchi, sia mentalmente che psicologimente, e se non sei al massimo… questa e’ una lega che non permette errori. Ma ora pensiamo alla prossima gara, ci sara’ tempo per rifiatare con la sosta per l’All-star game.
HT: E’ sembrato che sia nella partita di ieri contro gli Avs che in quella di stasera voi abbiate subito goals molto simili, ed abbiate avuto problemi a difendere nello slot. Cosa ne pensi?
MORRIS: Non lo so. Penso che stasera abbiamo giocato una buona partita difensivamente. Una paio di goals sono arrivati da strani rimbalzi del disco davanti alla porta, e quando succede e’ dura.

CURTIS JOSEPH
HT: C’e’ qualcosa di vero nella voce che ti voleva giocare in Italia durante il lock-out?
CUJO: In Italia? No, guarda, ho 4 figli…. Ma adoro l’Italia.
HT: Non hai ricevuto nemmeno un offerta per questo tipo di esperienza?
CUJO: No, ma l’Italia e’ in cima alla mia lista di paesi da visitare. Vorrei andare a Roma, in particolare. Spero di farlo presto.

RON WILSON
HT: E’ stata dimenticata l’onta della sconfitta per 8-0 di Dicembre contro i Coyotes? Stasera c’e’ stata qualche provocazione, da una parte e dall’altra..
E’ stato immportante perdere per 8 a 0, perche’ ci ha dato l’occasione per analizzare alcuni problemi e rimetterci in carreggiata. Stasera non capisco perche’ loro abbiano voluto iniziare una rissa con Davison quando erano avanti 1 a 0. Ci ha dato l’opportunita’ di condurre una partita piu’ fisica. Ad esempio, nel cambio successivo alla rissa, Murray e’ riuscito ad assestare un paio di cariche importanti. Probabilmente, il loro comportamento ci ha aiutati a rientrare in partita e siamo riusciti a continuare il gioco fisico per tutta la gara. Loro non si sono tirati indietro, ed e’ importante che non ci siano stati colpi proibiti, ma soltanto un buon hockey fatto di cariche dure ma corrette.
HT: Stranamente stasera tutti i vostri goals sono arrivati in parita’ numerica…
WILSON: Incredibile, vero? Sembra una vita da quando non segnavamo 4 goals, 5 con quello a porta vuota, senza power plays! Penso che fosse nei piani di Phoenix non prendere troppe penalita’, e poi venivano dalla delusione della partita di ieri. Stasera abbiamo finalmente trovato la maniera di segnare costantemente in 5 contro 5.
HT: E dopo la sconfitta di stasera, i Ducks vi vedono davvero negli specchietti retrovisori…
WILSON: Sai, nei specchietti gli oggetti appaiono piu’ vicini di quanto in realta’ siano… Abbiamo due gare meno e siamo a 4 punti da loro. I Ducks avranno un po’ di riposo dopo la gara di domani a Calgary: non giocheranno per 9 giorni. Tecnicamente, se continuiamo a giocare bene , potremmo essere in testa tra 2 settimane.
HT: Clowe si sta dimostrando un giocatore migliore di quanto ti aspettassi?
WILSON: Sapevo anche prima che era un buon giocatore, non so se lui fosse consapevole delle proprie capacita’. Ora sta approfittando dell’opportunita’ che gli stiamo dando, pattinando forte, con voglia e “fame” ad ogni cambio, e sara’ determinante per lui rimanere cosi’ e non sedersi sugli allori. Bernier l’ha fatto ed e’ stato mandato nelle minors per questo. Clowe deve mantenere alta la guardia, e ricordare che gli Sharks sono pieni di giovani che possono giocare in quella linea e probabilmente fare altrettando bene se verra’ data loro la possibilita’ di giocare. Penso che lui l’abbia capito, e sta quindi giocando come aspetto che lui faccia ad ogni cambio.