La settimana di gare

di Emanuele Badessi

La settimana di gare NHL si è aperta con un Lunedì in cui l’unico match vedeva di fronte gli Oilers, vice-campioni NHL, opposti ai Los Angeles Kings: il match ha visto la vittoria di Edmonton che si è imposta all’overtime grazie a Jan Hejda alla prima segnatura stagionale; nel match dello Staples Center da segnalare la buona prova del goalie Roloson che con 34 salvataggi ha dato una grossa mano alla sua squadra per raggiungere la vittoria.
La franchigia di Coach Mac Tavish si è poi ripetuta Mercoledì in quel di San Josè dove si è imposta sugli Sharks con il risultato di 3-2 (di Bergeron, Roy e Stoll le reti di Edmonton, mentre per gli Sharks sono andati a referto Goc e Cheechoo); chiave della partita è stata la capacità da parte di Edmonton di concedere due sole occasioni agli Sharks di giocare con l’uomo in più nell’arco dei primi 2 periodi (alla fine saranno 5 i power play per San Jose, uno dei quali finalizzato da Cheechoo), punto di forza della franchigia Californiana.

Rimanendo alle franchigie canadesi, la settimana di Toronto ha vissuto un’alternarsi di risultati: i Leafs infatti hanno subito una secca sconfitta da parte degli Hurricanes all’Air Canada Centre per 4-1 (di Walker, Belanger, Staal e Williams le reti per i ‘Canes, mentre la segnatura del momentaneo 1-0 per i Leafs è stata di McCabe); da segnalare l’infortunio alla spalla durante il secondo periodo occorso a Ian White (per lui previste 3-4 settimane di stop). Nel match del Giovedì poi, che li vedeva opposti ai Sabres, la franchigia di Toronto si è imposta con il risultato di 4-2 grazie alle segnature di O’Neill (per lui una doppietta), Kubina e Steen (a referto anche con un assist).
Passando a Montreal, doppia vittoria per la franchigia del Quebec che si è imposta al Bell Centre sui Thrashers per 4-2 dopo essere andata sotto 2-0 (a segno per Atlanta De Vries e Larsen con la prima segnatura assistita dall’ex Lugano Glen Metropolit) grazie alle reti di Latendresse, Plekanec e alla doppietta di Ryder; con il medesimo punteggio gli Habs hanno sconfitto nel match “on the road” del Wachovia Center i Flyers (di Johnson, Kovalev, Higgins e Ryder le segnature per i canadesi mentre per Philly a referto Carter e Pitkanen).
Anche per i Senators settimana con doppia vittoria (5-2 in casa con Boston e 6-4 sui Rangers al Madison Square Garden),per il match di martedì da segnalare nelle file di Boston il rientro di Phil Kessel, fuori dall’ 11 Dicembre dello scorso anno a seguito di una operazione per la rimozione di un cancro. Nella gara del Garden da segnalare la doppietta di Eaves (per lui anche un assist), e la buona prova di Jason Ward (un gol e un assist per lui) e di Ortmeyer (due assist).
Per quanto riguarda Vancouver, nell’unico match che la vedeva impegnata in settimana la franchigia della British Columbia ha subito una secca sconfitta per 5-2 in casa da parte di Minnesota: nel match in evidenza Gaborik con 2 reti.
Da ultima Calgary che ha incamerato due vittorie contro Minnesota (3-0 il risultato finale con 100a vittoria in carriera per il goalie di Calgary Kiprusoff e 5’ shutout stagionale) e 7-4 con Colorado di cui due reti per Langkow e Huselius (di Amonte, Moss e Hamrlik le altre segnature).
Passando alle franchigie americane i Rangers registrano una doppia battuta d’arresto interna perdendo entrambi gli incontri che li hanno visti protagonisti in settimana: 5-3 contro gli ‘Isles nell’ennesimo derby stagionale (per la prima volta la franchigia di Long Island ha battuto per 3 volte nella stessa stagione le Blueshirts a domicilio) e 6-4 nel già citato match contro Ottawa. Con questa doppia battuta d’arresto i Rangers vedono avvicinarsi gli ‘Isles nella classifica della Atlantic Division.
Islanders che dal canto loro hanno registrato, oltre la vittoria con le Blueshirts, un altro risultato positivo con i Bruins, sconfitti per 5-4 agli shootout (di Jason Blake il penalty decisivo).
Rimanendo a Est una vittoria e una sconfitta per i Capitals di Ovechkin (vittoria 6-2 in casa con i
Flyers e sconfitta 5-4 “on the road” a Tampa); nella vittoria con Philly sugli scudi proprio Alexander “The Great” galvanizzato dalla notizia di essere nella “starting line” dell’est all’ All Star Game e autore di 2 reti e un assist. Altro giocatore in evidenza in settimana Semin autore di 3 reti in 2 gare.
Passando ai campioni in carica di Carolina, la franchigia di Raleigh ha registrato, oltre alla già citata affermazione in terra canadese un’altra vittoria, questa volta all’ RBC Center, con Florida, sconfitta con il punteggio di 6-4 (da segnalare la rete messa a referto dall’ex Vipers Craig Adams per Carolina e la buona prova dell’ex Lugano Olli Jokinen autore di una doppietta per i Panthers con una delle segnature assistita dall’altro ex “svizzero” Peltonen). Florida che dal canto suo, arrivava al match con Carolina dalla vittoria per 5-2 sui Penguins del “Dinamic Duo” Crosby-Malkin: nella gara di Sunrise sugli scudi sempre Jokinen autore di un Hat Trick (secondo della stagione e terzo in carriera).
I Pens invece hanno subito due sconfitte nei match della settimana andando a perdere, oltre che con Atlanta, anche con Tampa che si è imposta in casa con il punteggio di 3-2.
I Devils nel match che li ha visti impegnati Mercoledì contro St. Louis hanno subito una sconfitta casalinga per 3-2 .
Passando alle franchigie dell’ ovest da segnalare la striscia positiva di St. Louis che oltre alla vittoria di Mercoledì con i Devils incamerano anche una vittoria per 4-3 agli shootout con Columbus (di Stempniak il penalty decisivo).
Parlando di Anaheim, la franchigia della California finisce la settimana di gare con una vittoria ed una sconfitta entrambe esterne (sconfitta 5-4 all’overtime con Nashville e vittoria 5-1 con Dallas).
Venendo a Detroit, i Red Wings hanno incamerato una doppia affermazione: 4-3 agli shootout con Colorado (rigore decisivo di Zetterberg) e 5-1 a Phoenix con sugli scudi Holmstrom e Datsyuk autore di un Hat Trick il primo e di due reti e un assist il secondo.