Vittoria sofferta del Pontebba ma è terzo posto

di Cristian Pascottini

Pontebba – Renon Hockey 1-0 (0-0,0-0,1-0)

Archiviato un 2006 forse irripetibile, le Aquile si trovano di fronte un Renon diretto avversario anche in classifica visto che gli alto atesini precedono al terzo posto i friulani di un solo punto. Il Pontebba dopo la vittoria ad Alba di Canazei ritrova l’influenzato Periard ma deve fare i conti con i forfait di Margoni per problemi muscolari. Il Renon invece arriva dal pesante 6 a 2 di Bolzano ed è ancora privo dell’infortunato Gruber, mentre torna a disposizione dopo aver scontato la giornata di squalifica Rasom.
Arbitra Glauco Colcuc con Danilo Tamiazzo e Michele Gastaldelli giudici di linea.

Inizio di gara scoppiettante anche a causa delle penalità che arrivano sin dal primo minuto quando è Armani a lasciare in compagni in inferiorità ma Lutz intercetta un disco, fugge in contropiede e conclude sul palo a Robinson battuto. Da questa azione nasce una nuova penalità a danni del difensore del Renon Spinel e successivamente anche il compagno Hafner viene punito permettendo al Pontebba di giocare un 5 contro 3 non fruttato però.

L’intenso ritmo sul ghiaccio apre degli spazi invitanti per gli attaccanti ma i due migliori portieri del campionato, Carpano e Robinson, si fanno sempre trovare pronti. Il ritmo di gioco diminuisce ma la saga delle penalità continua per l’intero primo periodo che alla fine conterà quattro puniti per parte con le reti che rimangono però inviolate.

La prima parte del secondo tempo vede le due squadre studiarsi ed attente a non concedere facili occasioni rendendo così il gioco prevedibile e con sole due conclusioni di Jankovych e DeFrenza. I minuti passano in fretta e si deve oltrepassare la boa di metà gara per assistere alla prima vera azione pericolosa col giovane Peruzzo che scende in velocità sull’ala, serve in mezzo il compagno Carlsson che devia il disco troppo alto sopra la traversa di Robinson. La risposta del Renon non si fa attendere e con un’azione pressoché identica Daccordo serve Scelfo la cui conclusione è neutralizzata da Carpano.
Pontebba che spinge insistentemente e passa molti minuti nella zona avversaria ma al diciottesimo arriva una penalità forse troppo fiscale fischiata a Gorman che chiude il secondo periodo con le Aquile in inferiorità ma senza particolari pericoli per Carpano.

Renon parte alla grande nel periodo conclusivo e va vicino al gol in due occasioni con addirittura un gol annullato a Rasom per aver spinto il puck in gabbia col pattino. Usciti dal momento di diffioltà, i padroni di casa cominciano a rifarsi vivi dalle parti di Robinson con due conclusioni pericolose di Busa prima e Lutz poi: su questa azione personale del giovane difensore, Egger commette un fallo e finisce in panca puniti.
Sul successivo power play confusione di fronte a Robinson e dopo un batti e ribatti Romano trova lo spiraglio giusto per infilare l’1 a 0 e far esplodere gli oltre 2000 spettatori del Vuerich.
Va in confusione il Renon che regala una doppia superiorità alle Aquile incapaci però di chiudere l’incontro ed anzi la successiva infrazione di Jankovych crea un finale mozzafiato. Al quattordicesimo doppio salvataggio di Carpano e sulla successiva azione scivolata provvidenziale di Carlsson che allontana col corpo un disco altrimenti in rete.
Coach Vasiliev chiama un time out per riorganizzare i suoi e alla ripresa del gioco il Renon si presenta con sei uomini di movimento avendo tolto dai pali Robinson. Sul forcing finale degli ospiti Carpano compie alcune parate decisive soprattutto nell’ultimo minuto quando il Pontebba gioca in doppia inferiorità. Arriva però la sirena finale nel tripudio generale del Vuerich che saluta il nuovo anno con un successo fondamentale che porta le Aquile al terzo posto in classifica.
Con il terzo shout out stagionale Andrea Carpano vince anche la sfida nella sfida con in collega del Renon Robinson.

Tabellino marcatori:
1-0 49:03 Romano (Gorman) [PP]

Penalità: Pontebba 20 minuti, Renon 16 minuti
Tiri in porta: Pontebba 20, Renon 32