H.C. Valpellice: continua l’imbattibilità anche contro il Vipiteno

Per come si era messo (immeritatamente) il risultato,fissato dopo la meta’ dell’incontro sotto di 4 goal a 1 pochi si sarebbero aspettati una reazione tanto forte quanto efficace che, solo grazie ad un Leinonen sontuoso che ha limitato i danni per i biancoblu, ha portato a chiudere il match tra Valpe e Vipiteno sul 5 a 5.
Partita che inizia subito in salita con due penalita’ fischiate contro la Valpe, ed è proprio durante la seconda di queste che il Vipiteno passa in vantaggio con Kucharcik al minuto 8’33.Pareggio Valpe magnifico in controfuga di Andrea Mosele (primo goal in biancorosso per lui) che appena entrato nel terzo offensivo scaglia uno slap shot che fulmina nel sette il portiere avversario.Passa poco piu’ di un minuto ed è il Vipiteno a portarsi nuovamente in vantaggio con Scardoni che approfitta di un disco vagante davanti allo slot per infilare il momentaneo vantaggio con il qualetermina la prima frazione.

Nel secondo tempo la Valpe attacca ma Leinonen si dimostra un vero e proprio muro contro il quale si infrangono i tiri biancorossi (al termine del tempo saranno 20 contro 10) e, tra il 23’41 ed il minuto 29’21 è il Vipiteno a realizzare due reti con Striker e nuovamente Kucharcik e portare cosi’ il parziale sul 4 a 1 per gli aversari.
In tribuna si comincia ormai a temere il tracollo, a pensare al derby di giovedi a Torino ed a considerare l’imbattibilita’ ottenuta di 10 partite come una striscia positiva comunque importante quando, al 37’36, è Babic, in pp, a relizzare quel 4 a 2 che riaccende la partita e quella reazione di orgoglio e forza che entusiasma gli spalti. Non passa nenche un minuto e, disco abilmente recuperato da Pozzi in attacco, triangolazione veloce con Mantovani Laine e tiro al volo di Petrov che fulmina Leinonen per il tripudio del "Giorgio Cotta Morandini".
Si inizia cosi’ il terzo drittel sotto di un goal ma l’impressione e che la Valpe di stasera, sebbene priva di Di Stefano assente per squalifica, abbia una forza ed una fame che potrebbe ottenere l’intera posta. Al 51’13 percussione di Babic seguito intelligentemente da Mosele che, ricevuto il passaggio all’indietro di Marek scaglia al volo un’altro slap che gela Leinonen poco sotto l’incrocio dei pali: 4 a 4! La Valpe continua ad attaccare e, al 54’27 in pp con Petrov passa addirittura in vantaggio, grande in questa occasione il "blocco" di Silva per liberare lo spazio allo "zar". Il Vipiteno non ci sta e, su un disco perso al limite della nostra zona offensiva si innesca il contropiede di Sparber che, a tu per tu con Demetz lo fulmina con un tocco pregevole: 5 a 5. Termina cosi’ l’incontro nel quale la Valpe ha dimostrato che, quando sotto pressione, non teme rivali e puo’ fare veramente male, con un orgoglio ed una determinazione che, nel proseguo della stagione (penso soprattutto ai playoff) saranno determinanti. Con questo pareggio la Valpe raggiunge cosi’ l’undicesimo risultato utile consecutivo.
Valpellice-Vipiteno : 5-5

Vip 8.33 Kachurcik (0-1) – Val 11.22 Mosele (1-1) – Vip 12.31 Scardoni (1-2)
2°Tempo: Vip 3,41 Stricker (1-3) – Vip 9.21 Kachurcik (1-4) – Val 17.36 Babic (2-4) – Val 18.33 Petrov (3-4)
3°Tempo: Val 11.16 Mosele (4-4) – Val 14.27 Petrov (5-4) – Vip 15.57 Sparber (5-5)
Spettatori: 1652

H.C. VALPELLICE BULLDOGS
Il Responsabile Relazioni Esterne
Paolo "FLY" Vola