Russian Super League 2006/2007: Il punto della situazione

di Alessandro Seren Rosso

Il quattro gennaio ricomincierà il campionato dopo la pausa per le festività dovute al nuovo anno con una partita interessante: Khimik – Ak Bars. Il cinque gennaio è previsto il match, anch’esso interessante, tra Sibir e Metallurg Magnitogorsk.

In testa alla classifica troviamo sempre l’Ak Bars Kazan, che ha chiuso il 2006 alla grande vincendo ad Omsk contro l’Avangard per 3-5, riconquistando la vetta della classifica, persa in precedenza proprio a favore dei siberiani che si trovano ora nella seconda piazza, 75 punti contro 76. Inoltre l’Avangard salterà i prossimi due turni di campionato a causa della partecipazione alle finali di Continental Cup, previste in Ungheria dal 5 al 7 gennaio.
Al terzo posto il Khimik, reduce della Spengler Cup, più staccato, a 68 punti. Quarta posizione per il Sibir, a quota 66, che precede il Metallurg Magnitogorsk di un punto.
In sesta posizione troviamo quindi l’altalenante Salavat, che dovrebbe trovare un po’ di continuità di prestazioni. Per la squadra bashkira 61 punti in classifica e sei punti di vantaggio sul CSKA, fermo a 55.
Ottavo posto per il sorprendente Neftekhimik, che nei playoff sarà un cliente scomodo per tutti se Vehanen continua a parare così.
Classifica cortissima dal nono al tredicesimo posto: cinque squadre nello spazio di quattro punti. Si tratta di Lada Togliatti (47), Lokomotiv Yaroslavl (47), Severstal Cherepovets (46), HC MVD (45) e SKA San Pietroburgo (43).
Un po’ più staccata in classifica troviamo la Dinamo Mosca, ferma a quota 39, due lunghezze in più del Vityaz, che ha accumulato fin’ora 37 punti.
Nella zona bassa della classifica la lotta per i playoff è sempre interessante, con il Metallurg Novokuznetsk e il Traktor Chelyabinsk a lottare per l’ultimo posto disponibile. Per il momento è avanti il Traktor con 34 punti contro 32.
Chiudono la classifica al solito l’Amur Khabarovsk e il Krylja Sovetov, rispettivamente a quota 27 e 21.

La classifica marcatori vede in testa Aleksei Morozov con ben 52 punti in 34 partite, seguono Kalyuzhny con 44 e Zaripov con 40. Per quanto riguarda i portieri guida Barulin con 92.53%, seguono Scott con il 93.14% e il giovane Varlamov, correntemente impegnato ai mondiali juniores con il 92.56%

Tags: