Valpe – Caldaro 4-2

Nella giornata in cui il Merano capolista ha perso la propria imbattibilità contro l’Appiano, è andata in scena ieri sera al Cotta Morandini ad una bellissima festa di natale.
I soliti quasi mille spettatori hanno prima sofferto e poi goduto della vittoria contro il Caldaro ed infine hanno festeggiato il Natale con panettone, foto ed autografi in compagnia della Società e soprattutto dei giocatori.
Finalmente è stato sfatato il mito del Caldaro "bestia nera" dei valligiani.. vittoria per 4 a 2. ma che fatica!
Nella Valpe versione casalinga debutta Andrea Mosele con il n. 19; torna Moro dopo il leggero infortunio patito durante i Mondiali U20, da Milano arrivano Lunini, Mazzacane e Migliore.
Gli ospiti schierano sulla carta tre linee ma durante la partita, complici anche i numerosi minuti di penalità, giocheranno sempre a due costringendo Ciue Da Rin a centellinare le presenze in pista della terza linea valligiana.

Bel primo tempo di grande equilibrio con Demetz e lo spauracchio Eddy sugli scudi a chiudere tutti i varchi.
L’arbitro Savio distribuisce equamente penalità ma è a metà tempo che il Caldaro passa inaspettatamente in vantaggio con bella combinazione Andergassen – Finnerty, ben finalizzataa sotto misura da Wagstrom.
Valpe stordita, tutti temono l’ennesima beffa dei "lucci" ma il tempo finisce coi biancorossi all’attacco e ciò fa ben sperare.
La ripresa è pirotecnica; comincia il Caldaro a darci una mano quando il nervosissimo capitano Lobis si becca 10 mn per proteste, continua poi l’altro difensore Schweingkofler a farsi cacciare per cattiva condotta.
La Valpe però non riesce a sfruttare i ripetuti powerplay e la porta di Eddy sembra stregata.
Il fortino degli atesini crolla solo al 34.24 grazie ad una strepitosa azione personale di Zar Petrov che deposita docilmente il disco tra i gambali del goalie ospite. Viene data l’assistenza a Lyness ed a Mosele (primo punto biancorosso).
Passano 3 minuti e, sull’ennesima superiorità numerica, è finalmente Babic a provare il tiro ed a trovarlo nella maniera più imparabile su passaggio di Grossi-Di Stefano; 2 a 1 e tutti a a bere il tè.
Il terzo tempo vede nuovamente protagonisti l’arbitro Savio ed i caldarini. è soprattutto Finnerty a diventare grande amico di Marco Viglianco tenendogli a lungo compagnia in panca puniti, specie in occasione di un bel 10 mn per cattiva condotta che gli costerà la squalifica il prossimo turno.
La Valpe dà l’impressione di controllare il match ma non chiude quando potrebbe e puntualmente viene punita dal solito Andergassen, assistito da Comploj, con un disco che sembrava già preda di Demetz e poi termina in rete.
Ingaggio, pronti via ed è Sasha Meneghetti ad immolarsi contro la balaustra per riuscire a fornire, 20 secondi dopo il pareggio, un assist delizioso a Grossi che fredda Eddy!
Ultimi 10 minuti con il cuore in gola fino alla rete, in empty net, di Jussi Laine che scaglia dal proprio terzo di difesa un precisissimo raso ghiaccio che gonfia la rete ed i cuori dei tifosi biancorossi.
Il buon Savio riesce a dare l’assist a Di Stefano ed a Demetz!
Al termine della partita si segnala un leggero malore per Marek Babic, senza tuttavia conseguenze.
In sintesi 2 punti fondamentali per continuare la corsa verso i quartieri alti della zona playoff; vincendo anche le diretti concorrenti Vipiteno, All Stars ed Appiano (complimenti ai ragazzi di Hofer e Schatzy!), nulla varia in classifica.
Ora turno di riposo e poi il 28/12 si ospita il Gherdeina.
Buon natale a tutti.

Valpe – Caldaro 4-2 (0-1) (2-0)(2-1)

Reti
11.34 Wagstrom (Andergassen, Finnerty)
34.24 Petrov (Mosele, Lyness)
37.28 Babic (Di Stefano, Grossi)
50.27 Andergassen (Comploj)
50.47 Grossi (Di Stefano, Meneghetti)
59.47 Laine (Di Stefano, Demetz)

Penalità Valpe 26 mn, Caldaro 91 mn!
Tiri Valpe 31, Caldaro 39

Ufficio Stampa HC Valpellice