Bolzano-Fassa; biancorossi micidiali in powerplay

di Mary Alberghina

Bolzano – Fassa 5-2 (3:0)(1:2)(1:0)

Alla vigilia delle festività natalizie il Bolzano ha sconfitto il Fassa davanti al suo pubblico, che ha avuto, come dono anticipato, la testa – in solitaria – della classifica, grazie anche al contemporaneo pareggio tra Milano e Renon (5:5).
Il Bolzano ha potuto sfruttare tutti i giocatori della rosa, compreso Drew Omicioli, rientrato dall’infortunio. Nel Fassa mancava, invece, il difensore Zandegiacomo. A difesa della gabbia biancoceleste è stato schierato il pusterese Renè Baur, mentre i padroni di casa hanno puntato sul "nostrano" Hell, a scapito del lettone Naumovs. Avvio di partita spumeggiante, con entrambe le compagini che hanno cercato da subito di giocare su buoni ritmi. A passare per primi sono stati i padroni di casa, in powerplay, con un bel tiro di Nemecek deviato da Lewis, con un tocco quasi impercettibile, in fondo al sacco.

Tre minuti più tardi il Bolzano si è trovato nuovamente in superiorità numerica e questa volta è stato il turno di Bouchard trafiggere Baur da posizione angolata con un tiro di polso finito sotto la traversa. A poco meno di tre minuti dalla prima sirena, e sempre in condizione di superiorità numerica, il Bolzano ha calato il "tris" con Drew Omicioli, abile a correggere la prima potente conclusione dalla blu di Insam, schierato ieri in prima linea con Nemecek.
A due minuti dall’avvio della frazione centrale il Bolzano ha calato il "poker", ancora con l’uomo in più, grazie ad un tocco da posizione impossibile di capitan Ramoser. Da questo momento in poi il Bolzano ha fatto registrare un calo di tensione ed il Fassa ne ha approfittato per siglare il gol della bandiera – dalla blu – con il terzino Van Hoof. Nella circostanza Hell, coperto, non ha potuto fare molto.

Per la seconda rete fassana è stato necessario attendere il decimo con un gol in mischia di Deschatelets. Nella terza frazione la compagine di Molin non è riuscita ad accorciare ulteriormente le distanze, nemmeno in powerplay, mentre ai Foxes è stato annullato un gol, apparentemente regolare, a Coleman per fuorigioco. A tre minuti dal termine l’allenatore fassano Lars Molin ha tentato la carta del sesto uomo di movimento, ma a passare è stato ancora il Bolzano con un preciso assist di Bahen per Drew Omicioli, autore di una pregevole doppietta. Ora il prossimo incontro casalingo della capolista è in programma sabato 30 contro il sempre ostico Renon.