Slovenia-Italia: Il power play sloveno non dà scampo all’Italia

Slovenia – Italia 4-1 (2:0)(2:0)(0:1)

L’ultimo incontro tra Italia e Slovenia si giocò ai Mondiali di Riga lo scorso maggio ed un goal di Michele Strazzabosco condannò gli sloveni alla retocessione in Divisione I. Dopo il passo falso di ieri sera contro l’Ungheria, i padroni di casa sono doppiamente motivati per battere gli azzurri, ai quali, per vincere il torneo basta non perdere con più di due goal di scarto o, al limite, perdere all’overtime per conquistare il punto necessario. A rompere gli indugi è l’Italia che, all’1.53, si rende pericolosa con Patrick Bona, la Slovenia risponde al 3.18 con Dejan Varl con un tiro dalla blu. La partita, sin dalle prime battute è vivace e giocata dalle due formazioni a viso aperto. Al 3.31 Mitja Sotlar è costretto ad uscire dal ghiaccio per un colpo involontario ricevuto da un avversario. Slovenia ancora pericolosa al 5.33 con Marcel Rodman che si trova davanti a Carpano con il disco sulla stecca, ma spara il disco oltre la balaustra. Al 6.06 Manuel De Toni, da posizione decentrata tira, ma il goalie sloveno para con l’aiuto del palo. All’11.24 una discesa di Boris Pretnar si conclude con il tiro parato da Andrea Carpano. Al 12.08 è ancora il goalie azzurro a rendersi protagonista con una doppia parata sui tiri di Gregor Krivic. Al 15.39 il vantaggio dei padroni di casa è merito di Jurij Golicic, in power play, che devia sotto porta un tiro dalla blu di Uros Vidmar. Al 15.47 Michele Strazzabosco si deve accomodare nel penalty box per bastone alto e al 17.26 arriva il raddoppio sloveno con Jaka Avgustincic che dall’altezza del cerchio d’ingaggio ha tutto il tempo di aggiustarsi il puck ed insaccare davanti ad una difesa italiana immobile.

Il periodo centrale inizia con un’altra penalità assegnata a Robert Mulick dopo 30 secondi dall’inizio e all’21.15 Damjan Dervaric realizza il 3-0. L’Italia prova a reagire rendendosi pericolosa al 26.15 con un tiro di Jonathan Pittis che non ha esito; al 27.20 Armin Helfer, in power play tira al temine di un’azione confusa davanti allo slot, ma Andrej Hocevar respinge. La successiva doppia superiorità non è sfruttata al meglio dall’Italia che torna a subire una Slovenia in serata. Al 31.13 Mitja Robar, in situazione di superiorità, subisce un fallo da ultimo uomo, il Capo Arbitro assegna il rigore ai padroni di casa, ma Andrea Carpano respinge il tiro di Marcel Rodman. Si torna a giocare con la Slovenia con l’uomo in più sul ghiaccio e al 31.58 Jaka Avgustincic segna la quarta rete. Al 32.31, Patrick Bona, in contropiede si ritrova a tu per tu con il goalie avversario che induce il giocatore azzurro a tirare alto.
Nell’ultima frazione di gioco la Slovenia lascia l’iniziativa agli azzurri che si rendono pericolosi in diverse occasioni, quelle di maggiore rilievo si registrano al 49.00 grazie ad un tiro ti Michele Strazzabosco al termine di un’azione concertata; al 50.23 Patrick Bona, in posizione centrale, scaglia un tiro che è bloccato dal portiere avversario. Al 58.08 Stefan Zisser realizza il goal della bandiera con un tiro dalla blu che termina alle spalle di Andrej Hocevar.
A fronte del 4-1 finale, la Slovenia si aggiudica il torneo per la migliore differenza reti.
MVP della partita, Jaka Avgustincic per la Slovenia e Flavio Faggioni per l’Italia.

Slovenia: Andrej Hocevar (Gaber Glavic) – Medot Bevk – Mitja Robar – Ales Kranjc – Mitja Sotlar – Dejan Varl – Uros Vidmar – Damjan Dervaric – Domen Lajevec – Gregor Krivic – Ales Remar – David Rodman – Luka Zagar – Boris Pretnar – Jurij Golicic – Gregor Poloncic – Jaka Avgustincic – Marcel Rodman – Anze Terlikar – Egon Muric – Tomo Hafner. Coach: Ted Sator
Italia: Andrea Carpano (Adam Russo) – Christian Borgatello – Michele Strazzabosco – Florian Ramoser – Carlo Lorenzi – Robert Mulick – Andreas Lutz – Armin Helfer – Stefan Zisser – Giorgio De Bettin – Franco Narcisi – Patrick Iannone – Luca Rigoni – Luca Ansoldi – Bryan Belcastro – Jonathan Pittis – Stefano Margoni – Patrick Bona – Flavio Faggioni – Manuel De Toni. Coach: Michel Goulet.
Arbitro: Prezel
Linesmen: Bohinc e Kamšek
Penalità: Slovenia 40 (16/10/14) – Italia 28 (6/8/14)
Tiri: Slovenia 26 (10/11/5) – Italia 33 (9/13/11)
Marcatori: 1-0 15.39 Jurij Golincic (Dejan Varl – Jaka Avgustincic) pp; 2-0 17.26 Jaka Avgustincic pp; 3-0 21.15 Damjan Dervaric (Jaka Avgustincic – Jurij Golincic) pp; 4-0 Jaka Avgustincic (Damjan Dervaric – Jurij Golicic) pp; 4-1 58.08 Stefan Zisser pp