Italia-Ungheria: Il commento

Italia – Ungheria: 4-1 (3-0;1-0;0-1)

Secondo appuntamento per la Nazionale italiana con l’Euro Ice Hockey Challenge di scena, questa volta a Bled in Slovenia. Dopo una fase iniziale di studio, il risultato è sbloccato al 5.01 da Christian Borgatello, in power play, con un tiro centrale dalla blu che non è trattenuto da Tamas Kiss. L’Ungheria prova timidamente ad affacciarsi nel proprio terzo d’attacco al 7.02: a causa di una mancata intesa tra Andrea Carpano ed Armin Helfer, il disco finisce ad Artyom Vaszjunyin che, davanti allo slot tira debolmente senza impensierire il goalie italiano. Al 9.19 Stefano Margoni prova per due volte ad impegnare il portiere avversario che non si lascia trovare impreparato; un minuto più tardi è ancora l’Italia ad essere pericolosa con le azioni di Christian Borgatello prima e Manuel De Toni poi che non hanno buon esito. Il buon momento dell’Italia si concretizza con il raddoppio al 12.17 grazie a Franco Narcisi che, da posizione defilata, insacca il puck alle spalle del goalie ungherese. Al 14.19 la prima vera azione pericolosa dell’Ungheria con Marton Vas che supera la blu, cede il disco a Zsolt Azari che scarica a rete, Andrea Carpano respinge, il disco finisce a Balazs Ladanyi che scaglia un tiro, bloccato dal portiere azzurro. Al 18.13 Christian Borgatello si rende ancora protagonista mettendo a segno il 3-0 con un altro tiro dalla blu, identico alla prima marcatura.

Nella fase iniziale del secondo periodo, l’Ungheria è costantemente protesa in avanti, senza però riuscire a costruire azioni pericolose. All’8.07, da uno scambio Armin Helfer-Luca Rigoni, quest’ultimo annichilisce il portiere avversario realizzando il momentaneo 4-0. La partita diventa noiosa e povera di spunti. Al 13.03 Michele Strazzabosco ci prova con un tiro dalla blu, respinto da Krisztian Budai. Al quattordicesimo minuto, in situazione di superiorità, l’Ungheria si rende pericolosa con due tiri dalla blu con Lajos Tokesi e Gabor Ocskay che vengono annullati dalla difesa azzurra.
Nel terzo drittel al 6.40, in penalty killing, gli ungheresi realizzano il goal della bandiera con Balazs che riceve il disco da Marton Vas e da posizione centrale segna il definitivo 4-1.
MVP della partita Christian Borgatello per l’Italia e Csaba Kovacs per l’Ungheria.

Italia: Andrea Carpano (Adam Russo) – Michele Strazzabosco – Robert Mulick – Armin Helfer – Christian Borgatello – Florian Ramoser – Carlo Lorenzi – Andreas Lutz – Luca Ansoldi – Giorgio De Bettin – Stefano Margoni – Jonathan Pittis – Patrick Iannone – Patrick Bona – Manuel De Toni – Luca Rigoni – Franco Narcisi – Michael Di Stefano – Flavio Faggioni – Stefan Zisser. Coach: Michael Goulet
Ungheria: Krisztian Budai (Tamas Kiss) – Bence Svasznek – Balazs Kangyal – Viktor Szelig – Tamas Lencses – Andras Horvath – Lajos Tokesi – Zsolt Azari – Csaba Janosi – Tamas Gröschl – Roger Holeczy – Csaba Kovacs – Artyom Vaszjuyin – Gabor Ocskay – Krisztian Palkovics – Balasz Ladanyi – Marton Vas – Imre Peterdi – Attila Hoffmann – Daniel Fekete – Gergely Majoross. Coach: Pat Cortina
Arbitro: Vjeran Prezel
Linesmen: Robert Bohinc e Aleš Škofic
Marcatori: 1-0 5.01 Christian Borgatello (Manuel De Toni – Luca Rigoni) pp; 2-0 12.17 Franco Narcisi (Luca Rigoni – Manuel De Toni) pp; 3-0 18.13 Christian Borgatello (4 contro 4); 4-0 28.07 Luca Rigoni (Christian Borgatello – Armin Helfer); 4-1 46.40 Balazs Ladanyi (Marton Vas) sh.