Il Valpusteria si aggiudica il derby altoatesino

di Ivan

Valpusteria – Renon 5- (0:2)(4:0)(1:2)

Nell’ultima partita casalinga prima della pausa prenatalizia (per impegni della nazionale) il Valpusteria ospita il lanciatissimo Renon. Bellissima cornice di pubblico ( ca. 1800 spettatori) per questo sentito derby altoatesino, con il Valpusteria che cerca la sua prima vittoria contro i “Rittnerbuabm” che nelle altre due gare di questa stagione si è imposto per 1-0 e 2-0.
Il Valpusteria parte subito a mille e mette sotto pressione la retroguardia del Renon che però regge bene, grazie anche ad un Robinson in gran vena. E’ proprio l’estremo del Renon a mettersi in luce parecchie volte sulle conclusioni di Moger, Kelly ed Aquino, specialmente quando al 4° il Valpusteria usufruisce di una doppia superiorità per un minuto. E quando Robinson non può farci più niente Moger becca la traverso su una corta respinta del goalie dell’altopiano. Pian pianino si fa sotto anche il Renon, però gli attacchi sono abbastanza timidi e cosi Ottosson non ha difficoltà ad avere la meglio. Poi al 8° Pichler manda in panca puniti Lennartsson ed il Renon fa vedere un gran bel power-play che riesce a finalizzare ottimamente portandosi in vantaggio grazie a Scelfo che è lesto a buttare il disco in porta dopo una corta respinta di Ottosson su tiro di Tudin. Il Valpusteria è un po’ frastornato e un minuto dopo si trova di nuovo con un uomo di movimento in meno e non passano neanche 30 secondi e Tudin supera per la seconda volta Ottosson con una gran bella combinazione tra Scelfo e Johnson.

Il Valpusteria cerca la reazione, che però non da gli esiti sperati neanche in superiorità, giocata in modo troppo lento e con poco movimento. L’ultimo guizzo del 1° periodo è di Aquino che imbeccato perfettamente da Kelly se ne va da solo verso Robinson però l’avanti pusterese spara il disco sull’incrocio dei pali e cosi il 1° periodo finisco con il Renon in vantaggio per 2-0.
Si passa al periodo centrale ed il Valpusteria aumenta il ritmo nell’intento di accorciare le distanze e fa vedere una reazione veemente. Cosi al 5° Pichler manda fuori Kachur per colpo di bastone e un minuto dopo Kaye per lo stesso fallo. Il Valpusteria si trova in 5 contro 3 ed il primo gol pusterese sembra solo questione di secondi. Poi al 27° Picher becca Robinson quando l’estremo del Renon sposta la porta volontariamente. Il goalie del Renon non la prende bene e protesta vivacemente contro l’arbitro. Robinson è infuriato ma Pichler è inflessibile. Ed è proprio in questi minuti che la partita cambia decisamente volto quanda Kelly con una doppietta porta il Valpusteria sul 2-2 in dieci secondi. Primo gol pusterese dove Kelly è lesto a depositare il disco in porta dopo una corta respinta di Robinson mentre la seconda marcatura è frutto di un assolo spettacolare dove Robinson riesce a respingere la prima conclusione, ma non può fare nulla contro il secondo tentativo.
Il Lungo Rienza è in delirio. Passa appena 1 minuto e si arriva ad una scazzottata incredibile tra Robinson (evidentemente esploso dopo la penalità ed i 2 gol beccati in 10 secondi) ed Oberrauch. I due se li danno di santa raggione e poi interviene Gruber a sostegno di Robinson. Chiaramente Pichler manda sotto la doccia Oberrauch e Robinson e infila 4 minuti di penalità a Gruber. Il Valpusteria assedia la porta e Tudin è costretto ad un’ulteriore fallo ed il Valpusteria si trova in doppia superiorità per un’ altro minuto. E proprio in questa superiorità che Bona riesce a buccare Favre con un tiro non troppo irresistibile. In questo momento in campo c’è solo il Valpusteria che cerca di allungare e trova il doppio vantaggio a 30 secondi dalla sirena con il furetto Bona che supera Favre con una bomba da media distanza.
Si passa al periodo finale ed il Valpusteria cerca di mettere al sicuro il risultato proiettandosi in avanti e dopo 3 minuti trova il 5-2 con Johnson che mette nell’angolino basso ben assistito da Eriksson. La partita sembra chiusa, ma il Renon non demorde e quando a 10 minuti dalla fine trova la terza rete si risveglia l’orgoglio della squadra dell’altopiano ed i lupi gialloneri cominciano a soffrire. I minuti restanti sono un’assedio alla porta pusterese ed in una di queste azioni Pichler infligge un rigore contro il Valpusteria, perché su una mischia furibonda davanti alla gabbia pusterese Mair trattiene il disco volontariamente sotto il suo corpo. Kachur si incarica dell’esecuzione e non lascia scampo ad Ottosson portando il Renon ad una lunghezza dal Valpusteria. Manca un minuto e 23 secondi ed il Renon ci crede e mette in campo il sesto uomo di movimento al posto di Favre nell’intento di trovare un pareggio insperato. Però la difesa del Valpusteria regge bene e cosi ed al suono della sirena tutto lo stadio esplode in festa.

Marcature:

0-1 Scelfo (9:31 = Tudin, Johnson)
0-2 Tudin (11:15 = Johnson, Scelfo)
1-2 Kelly (27:28 = Aquino, Mair)
2-2 Kelly (27:41 = Aquino)
3-2 Bona (33:34 = Mair)
4-2 Bona (39:33 = Lennartsson, Eriksson)
5-2 Johnson(43:19 = Eriksson)
5-3 Kachur (49:38 = Tudin, Dagenais)
5-4 Kachur (58:37 = Rigore)

Penalità: Valpusteria 41 – Renon 63

Tiri in porta: Valpusteria 35 – Renon 35