L’HC Merano Marsilli soffre ma vince per 4:3 contro il Gherdeina

(com. stampa HC Merano) – Il Gherdeina parte molto determinato e si rende pericoloso per primo, con un tiro di Mike Rice al 3′, che finisce di poco a lato. Il Merano risponde con due tiri di Mike Knight dalla blu ma in entrambe i casi il giovane portiere Florian Grossgasteiger si dimostra all’altezza, respingendo con sicurezza. Al 7′ è, invece, un po’ di fortuna a salvare i ladini, quando un tiro di polso di Vanhanen va a sbattere sul petto di Grossgasteiger, in questo caso sorpreso. I padroni di casa prendo in mano le redini dell’incontro e presiedono l’area gardenese, ma non riescono a rendersi pericolosi. Dall’altra parte, un tiro senza grandi velleità di Markus Niederkofler sfugge alla presa di Adam Russo ed il disco vola pericolosamente oltre la traversa. All’11’57 il capoarbitro fischia la prima penalità della partita ai danni del Merano Marsilli ed il Gherdeina ne approfitta per spostare il baricentro dell’azione in avanti. I tiri di Rice e Shybunka, però, non impensieriscono più di tanto Russo. Al 16′ l’occasione più grossa del primo periodo capita sulla stecca di Leonids Tambijevs che ruba il disco ad un difensore e si fa respingere per ben due volte da posizione favorevole. Il primo powerplay per i padroni di casa arriva al 17’14 e la prima linea, questa sera composta dal trio Ansoldi – Timpone – Stefan Palla ci mette appena 32 secondi per andare in rete. Timpone e Knight triangolano bene e servono al centro per capitan Ansoldi che si fa ribattere il primo tiro da Grossgasteiger ma insacca sulla ribattuta.

Nel secondo periodo il Merano riprende le ostilità con l’uomo in più ma non riesce a capitalizzare la supremazia di gioco e numerica. Kiki Timpone si presenta da solo davanti a Grossgasteiger ma il suo tiro è poco angolato con il portiere che blocca. Poco dopo è Alderucci a sfiorare il palo con un tiro dalla blu. Al 5’07 l’HC Gherdeina usufruisce per 44 secondi di una doppia superiorità ed il ladini colpiscono un rocambolesco palo su mischia furibonda davanti alla porta. In quattro contro cinque al Merano si presenta la grande occasione per raddoppiare con un contropiede di Tambijevs che serve Saul. Il canadese, da posizione defilata, non riesce ad inquadrare lo specchio della porta e l’occasione sfuma. Al 12’03, con il Merano in superiorità, Kiki Timpone subisce una brutta carica in balaustra e se la prende con il capoarbitro Savio che non ravvisa il fallo e gli infligge dieci minuti di penalità per cattiva condotta. Al 12’46 in inferiorità numerica gli ospiti pareggiano. In fase d’impostazione meranese, Shybunka conquista il disco e si presenta da solo davanti a Russo per batterlo tra le gambe. Pochi secondi dopo il portiere del Gherdeina compie un vero e proprio miracolo su Vanhanen ed al 16’22 il duello si ripete con Grossgasteiger che ha la meglio sull’attaccante finlandese. Il Merano Marsilli sprecone e poco concentrato nel secondo periodo non morde più ed il Gherdeina al 17’45 passa meritatamente in vantaggio con un rovescio di Niederkofler che sorprende Adam Russo, nell’occasione non esente da colpe.
Nell’intervallo Bruno Aegerter striglia i suoi ma la squadra in questa serata non c’è con la testa e rischia più volte il tracollo sulle veloci ripartenze dei ladini. Grinevitch al 4′ impegna Russo ed al 7′ Grossgasteiger, sicuramente il migliore dei suoi, devia sopra la traversa un tiro a botta sicura di Pixner. Il ritorno dalla panca puniti di Kiki Timpone si sente ed è proprio lui, assieme al capitano e compagno di linea Ansoldi a dare la carica con grande impegno e grinta. Il pareggio meranese arriva al 10’49 con Massimo Ansoldi. Il suo diagonale a mezz’altezza, questa volta, non lascia scampo al giovane Grossgasteiger. Il Gherdeina non ci sta e si riporta sotto ma subisce la terza rete con Vanhanen, che al 14’06 esplode un colpo di polso sotto la traversa. L’esultanza dei padroni di casa dura solo 18 secondi, il tempo che basta a Tyler Shybunka per insaccare su mischia davanti a Russo. La gara rimane aperta e palpitante con le squadre che cercano il gol della vittoria. Quando il pari, risultato più giusto, si avvicina, è un colpo di genio del migliore in campo per il Merano, Timpone, a spezzare l’equilibrio. Al 17’17 un disco vagante viene raccolto dall’attaccante e scagliato nell’angolino alto con Grossgasteiger sorpreso. Minuti finali interminabili per i padroni di casa, che mantengono l’imbattibilità, ma soffrendo parecchio.

HC Merano Marsilli – HC Gherdeina 4:3 (1:0; 0:2; 3:1)

HC Merano Marsilli: Adam Russo (Martin Rizzi); Christian Alderucci “A”, Steven Gallace, Andreas Huber “A”, Mike Knight, Hannes Oberdörfer, Lorenz Von Pföstl; Massimo Ansoldi “C”, Massimiliano Gallo, Manuel Lo Presti, Thomas Mitterer, Andreas Palla, Stefan Palla, Christian Pixner, Adrian Saul, Leonids Tambijevs, Christian Timpone, Juha-Matti Vanhanen, Thomas Zöschg;
Coach: Bruno Aegerter

HC Gherdeina: Florian Grossgasteiger (Beniamin Saurer); Stefan Glira, Mikeol Moroder, Askan Comploj, Tobias Lilja, Aapo Aro, Manuel Demetz; Mike Rice, Tyler Shybunka, Jason Grinevitch, Benjamin Kostner, Andreas Wanker, Markus Niederkofler, Maycol Lambacher, Werner Delazer, Ivan Demetz, Thomas Verginer;
Coach: Mark Cavallin

Arbitri: Savio (La Forgia – Santi)

Reti: 1. tempo: 1:0 – 17’46 Andoldi (M – Timpone – PP1); 2. tempo: 1:1 – 12’46 Shybunka (G – unassisted – PK1); 1:2 – 17’45 Niederkofler (M – Wanker – EQ); 3. tempo: 2:2 – 10’49 Ansoldi (M – Gallace – EQ); 3:2 – 14’06 Vanhanen (M – Mitterer, Huber – EQ); 3:3 – 14’24 Shybunka (G – I. Demetz); 4:3 – 17’17 Timpone (M – unassisted – EQ);