All Stars Piemonte-Caldaro 6-3

di Francesco Seren Rosso

Sesta partita interna dell’All Stars Piemonte di Maurizio Mansi opposto al Caldaro guidato dal coach canadese Eric Legros che occupa la settima posizione con nove punti all’attivo. Entrambe le squadre si presentano a ranghi completi.
La prima emozione arriva dopo 3’56" quando Unteregger viene penalizzato per due minuti, ma nonostante l’inferiorità numerica sono gli ospiti a passare in vantaggio tredici secondi dopo, quando Virtanen ruba un disco nel terzo difensivo e lancia Finnerty il cui primo tiro è ribattuto da Canei, il quale però non può nulla sulla successiva conclusione. La reazione dei padroni di casa si concretizza con due azioni identiche al quinto minuto con due tiri dalla blu di Sacratini e Lizotte in entrambi i casi ben bloccati da Eddy. Al 7’47" il Caldaro si fa ancora pericoloso con un tiro di Thomaser sul quale Canei ci mette il gambale destro. Al 9’52" altro powerplay per i padroni di casa, ma anche stavolta l’occasione è per il Caldaro, con un breakaway di Belcastro miracolosamente fermato in tuffo da Canei. L’ultima emozione di uno scialbo primo tempo è un gol clamorosamente mancato da Wirth, che da pochi passi a porta spalancata manda malamente alto un perfetto passaggio rasoghiaccio di Finnerty.

Il secondo tempo inizia con due minuti di penalità alla panchina del Gardena (scontati da Valer) per ritardo di gioco in quanto la squadra si è presentata in ritardo in pista, ma i padroni di casa non si rendono pericolosi, ma dopo un tiro di poco alto di Couch al terzo, l’All Stars giunge al pareggio al 5’05" grazie ad Hadzi che riceve da dietro porta il passaggio di Casale e beffa Eddy depositando il disco alla destra del goalie caldarese. Al 6’45" Schweingkofler si siede in panca puniti e l’All Stars Raddoppia ancora grazie ad Hadzi che raccoglie da due passi un rimbalzo lasciato da Eddy su un tiro di Casale. All’11’03", ancora in superiorità, ancora Hadzi sfiora il gol, colpendo il palo destro da pochi metri su passaggio rasoghiaccio di Casale. Al 13’43" si rivede il Caldaro dalle parti di Canei, con un tiro di Unteregger da media distanza. Al 14’19" gli ospiti possono usufruire di un cinque contro tre per le penalità ai danni di Rigoni e Lizotte e gli ospiti sfruttano l’occasione pareggiando i conti con un tiro di Comploi dalla blu. L’All Stars torna comunque a premere ed al 17’03" si vede annullare un gol perchè la porta si è mossa prima che il puck sia finito in porta, ma in finale di tempo, ancora in powerplay, Marchetti da posizione centrale servito da Sacratini insacca dalla blu con Eddy coperto.
Il terzo e conclusivo periodo si apre con gli ospiti in superiorità numerica e dopo 1’26" impattano di nuovo la partita grazie a Wirth che ben servito da Finnerty, dalla destra raccoglie un rebound su un suo stesso tiro finito sul palo. Dopo neppure un minuto, al 2’21" tuttavia i torinesi passano nuovamente in vantaggio con un bel back di Casale dalla destra che si insacca in diagonale sotto il sette dove Eddy non può arrivare. Al 5’30" si fa vedere Trinetti, ma il tiro è ben sventato dal portiere ospite. Un minuto dopo si accende un parapiglia nello slot torinese, a farne le spese è Rainer che viene penalizzato per eccessiva durezza. Ancora pericoloso l’All Stars al decimo e l’undicesimo con una bella azione personale di Caletti sventata in tuffo da Eddy. E’ il preludio al quinto gol realizzato in mischia da Pomponio che è il più lesto ad insaccare un disco vagante sottoporta. Un minuto dopo Virtanen va vicinissimo a riaprire la partita colpendo in pieno la traversa. Nel finale, l’All Stars trova anche il sesto gol con una bella azione combinata: perfetta uscita di Marchetti che serve Salonen, discesa sulla destra e passaggio al centro per l’accorrente Lizotte a rimorchio che in one-timer trafigge Eddy.

Dopo l’incontro abbiamo raccolo le dichiarazioni di Maurizio Mansi e Vezio Sacratini:

Mansi: se giochiamo con la grinta e la velocità non ci batte nessuno. Nel primo periodo abbiamo giocato male e siamo stati fortunati ad averlo concluso solo uno a zero per loro. Nel secondo e nel terzo periodo abbiamo alzato il ritmo e abbiamo giocato meglio sono soddisfatto della linea dei giovani, hanno giocato bene anche se fanno ancora qualche errore di inesperienza. Nelle partite come il derby non occorre motivare i giocatori, il loro stadio sarà pieno e se i giocatori non sono motivati in partite come queste c’è qualche problema allora.

Sacratini: Abbiamo iniziato troppo piano poi nel finale abbiamo giocato il nostro hockey e abbiamo meritato la vittoria.
Sono contento di essere venuto qui, c’è un bell’ambiente, una bella squadra e una bella città. Anche se sono straniero sento il derby perchè so che è importante per la squadra e per i tifosi.
La A2 come livello è forse migliore della EIHL. I portieri sono più forti qua in Italia. In Inghilterra inoltre gli arbitri vogliono un po’ che si imiti il gioco dell’NHL con più offensivismo e meno contatti ma fischiano sempre troppo.

FROMAZIONI:
-All Stars Piemonte
Portieri: Canei, Gabriele (non entrato)
Difensori: Rigoni, Couch, Lizotte, Marchetti, Falco, Famà, Sangaletti
Attaccanti: Pomponio, Sacratini, Caletti, Trinetti, Di Fabio, Ricci, Hadzisujlemanovic, Casale, Salonen, Stefanati
Allenatore: Mansi

-Caldaro
Portieri: Eddy, Bernard (non entrato)
Difensori: Falser, Reinard, Schweigkofler, Virtanen, Comploi
Attaccanti: Wirth, Valer, Finnerty, Lorefice, Felderer, Unteregger, Ambach, Thomaser, Belcastro, Wagstrom
Allenatore: Legros

MARCATORI: 4’09" Finnerty (Virtanen) INF; 5’05" Hadzisujlemanovic (casale, Sacratini), 8’40" Hadzisujlemanovic (Casale, Sacratini) SUP, 15’22" Comploi (Wirth) SUP, Marchetti (Sacratini, Casale) SUP; 1’26" Wirth (Finnerty, Wagstrom), 2’21" Casale (Sacratini), 10’35" Pomponio (Caletti, Marchetti), 17’42" Lizotte (Salonen, Marchetti) SUP