Termina in parità il derby veneto tra Cortina e Asiago

Cortina – Asiago 3-3 (0-1;1-2;2-0)

Dopo diverso tempo la SG Cortina de Vilmont Champagne torna a giocare davanti al pubblico amico: di fronte l’Asiago, una squadra reduce da alcuni risultati negativi, che ha estremo bisogno di punti.
Squadre al gran completo sul ghiaccio: unica novità tattica la promozione di Francesco Alberti in seconda linea con Corupe e Deschenes a scapito di Narcisi.
Il Cortina inizia forte e va al tiro già dopo 30 secondi con Deschenes. D’Alessandro è pronto anche sulle conclusioni di Ansoldi al 3:05 e di Loya poco più tardi.
L’Asiago non riesce ed impostare una sola azione pericolosa nel corso della prima metà del periodo ed il segno tangibile della frustrazione degli stellati è la scelta di Robinson che all’undicesimo minuto, invece di impostare l’azione, decide di provare la conclusione da centrocampo. Mai sottovalutare, però la squadra di Sacilotto: all’11:13, infatti, Parco recupera un puck nel terzo del Cortina e con un tiro di polso colpisce in pieno l’incrocio dei pali alla sinistra di Maund.

La difficoltà riscontrata dai biancoazzurri nelle ultime giornate a concretizzare il powerplay si palesa anche quest’oggi: al 14:14 Parco viene penalizzato per un gancio e pochi secondi più tardi Robinson compie un’ingenuità liberando il puck direttamente sulle reti di protezione. I padroni di casa possono giocare, così, in 5 contro 3 per quasi due minuti, ma nonostante il gran numero di tiri scagliati verso D’Alessandro il muro asiaghese regge. Quando il primo tempo sembra concludersi a reti inviolate, però, Cipruss trova Topatigh con un disco che taglia tutta l’area: il falco di Gallio non ha difficoltà ad infilare Maund, e gli ospiti vanno al riposo con una rete di vantaggio.
Si torna sul ghiaccio con le linee ampezzane completamente rinnovate: Narcisi viene schierato in linea con Corupe e De Bettin, mentre in prima linea Alsoldi è affiancato da Souza e Deschenes.
Un giro di lancette ed il Cortina accorcia subito le distanze. Corupe sfiora il gol e Souza concretizza un’azione iniziata da Loya. Pochi secondi più tardi è Deschenes che non riesce e ribadire in rete un disco tirato da Souza. Gli uomini di McKay non hanno nemmeno il tempo di assaporare il pareggio che al 3:50, Cipruss insacca al termine di un’azione decisamente confusa con tutti gli uomini sul ghiaccio davanti alla porta di Maund.
Ci prova anche la terza linea ampezzana: un ottimo Francesco Adami scheggia la traversa con un bel tiro in backhand.
Nonostante la formazione di casa si renda spesso pericolosa, la porta di D’Alessandro sembra stregata e la sterilità offensiva degli ampezzani palesatasi negli ultimi incontri la fa da padrone anche in questa serata.
L’Asiago tira meno, crea diversi grattacapi alla difesa biancoazzurra: al 17:04, infatti, i ragazzi di Sacilotto fanno quello che non sono riusciti a fare i giocatori diretti da McKay. Sfruttare un powerplay. Surma trova Parco ed il capitano degli stellati infila per la terza volta Maund.
Conscio di avere ancora 20 minuti per ribaltare la situazione il Cortina cerca di accorciare immediatamente le distanze ancora con Souza, ma lo slap dell’attaccante ampezzano termina sui gambali di D’Alessandro. E’ però Kenny Corupe che con un’ottimo spunto personale parte dall’angolo e , pur subendo fallo e cadendo a terra, riesce a depositare il puck alle spalle dell’estremo difensore asiaghese . La rete da fiducia alla squadra di McKay che cerca di far valere il maggior tasso tecnico. La foga, però, dovuta alla voglia di cercare di portare a casa i due punti va a discapito della lucidità e il Cortina si trova a tirare in porta un gran numero di volte senza impensierire seriamente la retroguardia asiaghese. E’ la caparbietà di Luca Ansoldi al 12:54 a riportare il risultato in parità: il giovane talento meranese riceve da Deschenes ed infila il puck nel sette alle spalle di D’Alessandro. Nonostante qualche altra occasione da una parte e dall’altra e un pericoloso tiro dalla blu di Forster a 30 secondi dalla fine , l’incontro si conclude in parità.
Il Cortina riesce, dunque, nonostante il momento difficile a recuperare una partita che fino all’inizio della terza frazione sembrava persa, mentre l’Asiago col punto conquistato questa sera lascia l’ultima posizione in classifica.
Nel prossimo turno gli ampezzani faranno visita al Pontebba mentre gli stellati se la vedranno con l’Alleghe.