EIHC: a Francia e Norvegia le tappe di Novembre

di Davide e Carlo Palazzolo:

Ogni tanto nel calendario internazionale spunta fuori qualche tappa dell’Euro Ice Hockey Challenge, circuito che imita il più blasonato Euro Hockey Tour coinvolgendo, nell’approssimazione totale figlia di un mancato riconoscimento ufficiale della IIHF, le squadre di paesi di seconda e fascia. Nel weekend dedicato alle squadre nazionali sono stati allestiti due tornei rientrati sotto l’etichetta EIHC, giocati in Norvegia a Sarpsborg e in Ungheria a Budapest.

La tappa norvegese ha visto prevalere i padroni di casa, per altro l’unica squadra che presentava un roster molto simile a quello "vero", mentre la Danimarca ha schierato in pratica la nazionale B, la Polonia ha usato il torneo per far esordire molti giocatori nuovi e la Bielorussia, teorica favorita, ha presentato addirittura una nazionale di terze scelte, considerando che oltre agli "americani" erano assenti tutti i giocatori dello Yunost capolista che si sta preparando alla Continental Cup, ei giocatori che militano in clubs russi che non hanno dato il permesso. In più il nuovo coach, l’americano Curt Fraser, non ha convocato, per il disappunto dei fans, la nuova stella, il 22enne Aleksandr Zhidkikh del Khimik-SKA, attuale top scorer del campionato.

Così i norvegesi hanno avuto vita relativamente facile, passeggiando contro la Polonia, demolita 9-3, e poi piegando i danesi con una rete di Eirik Skadsdammen (Storhmar)e la Bielorussia nell’ultima giornata, battuta 4-3 all’overtime da una rete di Lars Erik Spets (Brynäs – SVE). Alle spalle dei nordici proprio i bielorussi, vittoriosi 4-0 sui polacchi, ma battuti nella prima giornata dalla Danimarca 2-1, secondi grazie al punticino preso nei supplementari con i norvegesi. Seguono Polonia e Danimanrca con una vittoria e due sconfitte a testa.

I Risultati:

Bielorussia – Danimarca: 1-2
Norvegia – Polonia: 9-3

Polonia – Bielorussia: 0-4
Norvegia – Danimarca: 1-0

Danimarca – Polonia: 1-2
Bielorussia – Norvegia: 3-4

Classifica

Norvegia: 8
Bielorussia: 4
Polonia: 3
Danimarca: 3

Valori più modesti nella Pannon Cup di Budapest che vedeva al via, oltre ai padroni di casa, Francia,Slovenia e Lituania. La scarsa forza dei lituani è nota, e infatti hanno chiuso il torneo all’ultimo posto, sconfitti pesantemente da tutti, mentre una vera figuraccia l’ha fatta la Slovenia, che ha sì presentato un roster senza le stelle, ma che è stata umiliata sia dalla Francia, sconfitta 5-1, che dall’Ungheria, 7-1. Vista l’assenza ingiustificata degli sloveni, il match decisivo è diventato lo scontro diretto dell’ultima giornata tra francesi e ungheresi, giocato davanti a 8.000 spettatori, ad ennesima conferma della grande popolarità che sta attraversando l’hockey in Ungheria. Una partita letteralmente buttata via dai padroni di casa, che vincevano 3-0 e che, nonstante l’appoggio dei tifosi, si sono fatti rimontari da una Francia che non credeva quasi ai propri occhi per come ha raddrizzato la gara, vinta poi a 30 secondi dai penalties con un goal di Julien Desrosiers (Rouen).

I Risultati:

Francia – Lituania: 8-2
Ungheria – Slovenia: 7-1

Slovenia – Francia: 1-5
Lituania – Ungheria: 2-10

Slovenia – Lituania: 5-2
Ungheria – Francia: 3-4

Classifica:

Francia: 8
Ungheria: 7
Slovenia: 3
Lituania: 0