Il Milano s’ impone con il minimo sforzo

di Mary Alberghina

Bolzano – Milano 4-6 (1:3)(1:1)(2:2)

Delusione ed un pizzico di sconforto per gli oltre mille tifosi bolzanini accorsi al Palaonda per l’ormai classica sfida tra biancorossi e meneghini, con entrambe le compagini reduci da una sconfitta. I padroni di casa hanno dovuto rinunciare all’influenzato Mike Omicioli – assenza rivelatasi ancora più pesante del previsto – all’infortunato Leo Insam e al back-up Thomas Commisso, che non ha risposto alla convocazione di Stefan Mair, costringendo quest’ultimo a convocare il secondo portiere del farm team di A2 Dusan Sidor. L’avvio è stato condizionato da una serie di clamorosi errori difensivi dei Foxes e del portiere Hell in particolare. Il primo gol meneghino è nato da un’incomprensione tra Hell – che non ha trattenuto il disco – e Bouchard, che è rimasto passivamente a guardare. Iannone ha capito tutto ed è stato lesto ad insaccare. Il raddoppio, al 6.34, è stato opera di McCarthy, il cui tiro è stato deviato – probabilmente in modo intenzionale – da un pattino di Christie. I biancorossi hanno accorciato sotto misura con Lewis al 17.55, ma Helfer ha firmato l’1 a 3 25 secondi più tardi sempre con la complicità di Hell.

Nel secondo periodo Nelson, tra i giocatori meno brillanti della serata, ha accorciato le distanze in doppia superiorità numerica, ma al 38’ è arrivata la replica di Evans su un ribaltamento di fronte. Nel terzo tempo il gol, in avvio, di Christie sembrava aver chiuso le ostilità, ma Zisser al 10.25 e Drew Omicioli all’11.13 hanno riaperto, quasi casualmente, la partita fissando il punteggio sul 4 a 5. Il Bolzano ha iniziato a credere al pareggio, ma a mettere la parola fine al match, a sette minuti dal termine, è stato l’ex asiaghese Rigoni. Per il Milano è stata una prestazione sufficiente, mentre il Bolzano non ha ancora una sua identità e necessita di alcuni correttivi. Da segnalare alcuni tafferugli tra le due tifoserie fuori dallo stadio, che hanno reso necessario l’intervento di Polizia e Carabinieri.

Tags: