Asiago torna alla vittoria con il Bolzano

Asiago-Bolzano 4-3 (3:1)(0:1)(2:0)

Sofferta, attesa ma assolutamente meritata: è finalmente tornata la vittoria per i giallorossi di coach Sacilotto che hanno sconfitto per 4 a 3 un Bolzano mai domo che si è arreso solo al suono della sirena; decisivo, come nella vittoria precedente con il Fassa, il primo parziale chiuso in vantaggio per 3 a 1.
Asiago che scende in pista privo dei giovani Strazzabosco e Matteo Tessari, ritardato ancora il rientro del falco di Gallio mentre Sacilotto conferma Mike D’Alessandro tra i pali dopo la deludente prestazione di martedì contro i vipers. Nelle fila bolzanine assente Leo Insam, Regan Kelly,Florian Hell e Drew Omicioli esordisce invece il terzino John Coleman.
Nei primi minuti si assiste ad una fase di studio tra le due squadre interrotta al 4° dal primo powerplay della partita, a sedersi in panca puniti è il nuovo terzino del Bolzano Coleman. Per l’Asiago si rende pericoloso Leinweber mentre allo scadere della penalità Robinson commette una leggerezza che avrebbe potuto costare cara ma D’Alessandro respinge il tiro di un attaccante biancorosso. Al 7° splendido diagonale in tuffo di Roffo con il disco che fa la barba al palo. A metà tempo però passa a condurre a sorpresa il Bolzano capitalizzando al meglio con Florian Ramoser il powerplay (fuori Robinson). L’Asiago però reagisce subito e al 12.34 raggiunge il pari con Chris Leinweber che, in superiorità numerica, non da scampo dalla blu ad Hell. I giallorossi galvanizzati dal gol crescono d’intensità e stringono il Bolzano nel proprio terzo riuscendo a concretizzare nel finale di tempo: al 17.55 è il canadese Forster a realizzare il 2 a 1 sfruttando una corta respinta di Hell su tiro di Ciresa. Un minuto dopo è invece lo stesso n° 4 a spedire il puck in rete servitogli splendidamente da Roffo.

La seconda frazione si apre con i giallorossi in powerplay ma la superiorità non viene sfruttata a dovere; al 27° splendida azione della seconda linea rossostellata con Surma che assiste Aigars Cipruss che, dopo aver controllato il puck lo spedisce nel sette alla sinistra di Gunther Hell; la rete non scuote la squadra ospite che stenta a trovare adeguate trame di gioco, ma al 30° Mike Omicioli non può proprio fallire il contropiede in tre contro uno causato da un lento cambio dell’Asiago e cosi gli ospiti tornano prepotentemente in partita costringendo la difesa asiaghese a continue liberazioni. Inevitabile il terzo gol ospite che arriva in superiorità numerica con Nemecek che deposita in rete da pochi passi il puck respinto dal goalie di casa.
Il terzo tempo è giocato da ambo le squadre in maniera equilibrata badando sempre a non scoprirsi troppo per evitare contropiedi. L’Asiago però al 44° si trova in doppia superiorità numerica per più di un minuto ma, nonostante una buona circolazione di disco, non riesce ma a rendersi realmente pericoloso eccetto un paio di conclusioni dalla blu. Il Bolzano, scampato il pericolo, prova a farsi vivo dalle parti di D’Alessandro che però si fa sempre trovare pronto respingendo tutti i tentativi degli avanti bolzanini. Al 57° Hell si esibisce in tre ottimi interventi sulle conclusioni di Pittis, Parco e Ciresa. A 50 secondi dal termine coach Mair toglie il portiere per il sesto uomo di movimento in più ma ciò porta solo ai tentativi falliti di siglare la quinta rete ad opera di Ciresa prima e di Pittis poi a fil di sirena.

ASIAGO: D’Alessandro, Lobbia; Ambrosi, Forster, Iannetta, Leinweber, Robinson, Rossi, Testa, Vellar; Benetti, Cipruss, Ciresa, Mosele, Parco, Pittis, Rodeghiero, Roffo, Surma, Tessari N.

BOLZANO: Commisso, Hell; Avancini, Coleman, Bahen, Mair, Nemecek, Ramoser F.; Bouchard, Dorigatti, Faggioni, Lewis, Nelson, Omicioli M., Peruzzo, Ramoser R., Walcher, Zisser.