Domenica tranquilla

di Davide:
domenica senza sfide particolarmente importanti per la classifica, in cui spicca in pesante 0-7 casalingo subito da un SaiPa, che attraversava un periodo positivo, ad opera degli Espoo Blues che si confermano una squadra dal potenziale di prim’ordine ma di una incostanza cronica. Detto della vittoria quasi obbligatoria del Karpat in casa con il fanalino KalPa e di quella dei campioni dell’HPK che superano in casa 4-1 un sempre più deludente Tappara, il match più significativo era il derby tra Assat e Lukko, giocato quest’anno tra due squadre inchiodate alla coda della classifica, ma capace comunque di fare il tutto esaurito (6.500 spettatori) alla Isomäki di Pori: ne è uscita anche una partita divertente vinta nettamente dagli ospiti, che presentavano in gabbia il nuovo acquisto Jere Myllyniemi, in virtù di un primo periodo chiuso 1-4 che ha scavato il solco decisivo. All’asciutto il solito Toporowski, il man of the match è stato il ceco Josef Straka, nessuna rete ma ben tre assist.

In chiusura riflettori per uno dei grandi vecchi dell’hockey finlandese: il 37enne Mikko Peltola, una carriera spesa in giro per l’Europa ed in patria, tornato dalla Svezia per fare da chioccia ad una squadra tutta da ricostruire: domenica ha segnato le due reti che sono servite per battere l’JYP, regalando uno dei rari momenti felici di una stagione molto tribolata per le "linci"