Anticipo 12 giornata: Lugano sconfitto a Zugo

di gio

Zugo-Lugano 4-3 dr (0-1;3-1;0-1;0-0;1-0)

0-1 18:41 Andreas Hänni
1-1 31:39 Björn Christen
2-1 32:19 Livio Fazio
3-1 34:07 Paul Di Pietro
3-2 39:08 Landon Wilson
3-3 56:22 Rickard Wallin

Nell’anticipo della 12. giornata il Lugano conferma la sua sindrome da trasferta perdento per la quinta volta (unico successo esterno nel derby di Ambri). Questa volta i bianconeri si sono complicati la vita loro stessi subendo, e pagando care parecchie penalità che sono costate il sorpasso degli svizzero centrali nel giro di tre minuti nel periodo centrale.
Le due squadre si studiano per quasi tutto il primo periodo che però si conclude con la rete di Hänni che porta in vantaggio gli ospiti. Nel secondo periodo, i padroni di casa entrano più decisi e costringono i bianconeri sulla difensiva. Per fermare gli assalti dello Zugo però il Lugano incorre anche in alcune penalità che lo costringono ad un dispendio supplementare di energie. Due di queste penalità costano ai bianconeri la rete del pareggio e quella del sorpasso nello spazio di soli quaranta secondi. Il Lugano è nel pallone e nemmeno due minuti più tardi incassa anche la terza rete. Fortunatamente per i bianconeri, allo scadere, è Wilson a riaccendere le speranze dei campioni svizzeri accorciando le distanze. Nel terzo periodo la partita si fa nuovamente equilibrata e questa volta è il Lugano ad approfittare di una superiorità numerica per ottenere il pareggio con Wallin a poco più di tre minuti dal termine. Le emozioni si susseguono sia nel finale del tempi regolamentari che nel supplementare la il risultato di parità non si sblocca. Si va dunque ai rigori, esercizio che i bianconeri effettuano per la prima volta in stagione, e che vede uscire vincitori i padroni di casa che si allontanano dalla linea playoffs. Da notare l’ennesimo giallo al termine della serie di rigori con una rete data e poi non data al Lugano, rete che avrebbe prolungato la serie e magari permesso ai bianconeri di incamerare il punto supplementare in palio.

Tags: