Il Pontebba si impone all’Odegar

di Davide Trevisan

Asiago-Pontebba 2-4 (0-0)(1-1)(1-3)

Seconda sconfitta consecutiva per l’Asiago che si inchina al Pontebba cedendo nel terzo tempo.
I friulani, che schierano gli ex Armani, Busa, Romano e Dell’Olio, scendono sul ghiaccio privi del portiere Carpano(presente comunque in panchina)e del difensore Rizzo; in casa Asiago invece tutti a disposizione di coach Sacilotto.
I primi minuti sono piuttosto noiosi con le rispettive difese a prevalere sugli attacchi. La prima occasione del match è sulla stecca di Fabio Testa che dalla blu impegna Dell’Olio; poco dopo è ancora Asiago ma Benetti da due passi si mangia l’impossibile. Il Pontebba si fa vedere all’11° con il folletto Gorman ma D’Alessandro è attento; nel finale di tempo Pittis è protagonista con due discese delle sue che però non vanno a segno.

La seconda frazione si apre con due penalità per parte che non danno esito, al 24° invece il rookie Matteo Tessari ruba disco ed esalta Dell’Olio da due passi. Poco dopo è però il Pontebba a passare in vantaggio con il classico gol dell’ex: Nick Romano, appostato davanti allo slot, intercetta e ribadisce in rete la conclusione dalla blu di Periard. L’Asiago ha subito l’occasione per pareggiare usufruendo di una doppia superiorità numerica ma Surma, Pittis, Cipruss e ancora Surma trovano l’opposizione di uno splendido Dell’Olio. Al giro di boa le aquile vanno vicino al raddoppio con De Frenza che impegna D’Alessandro. Quattro minuti dopo arriva il pareggio: in situazione di inferiorità numerica: Pittis ruba disco a metà pista, si invola solitario e dopo una serie di finte infila l’italo-canadese sul primo palo. Nei secondi finali di tempo l’ex-Asiago è bravo a sbrogliare una mischia sottoporta.
Il terzo tempo è forse il più bello e spettacolare. Dopo tre minuto l’Asiago passa in vantaggio in situazione di powerplay (fuori Busa) grazie a Forster che ribadisce in rete un disco uscito dalla mischia nello slot friulano. Qui esce di scena l’Asiago ed emerge il Pontebba. Al 48° Jankovich si esibisce in una splendida discesa dal proprio terzo ma la sua conclusione è preda della pinza di Mike D’Alessandro, poco dopo lo stesso goalie è prodigioso a salvare la propria porta nei due minuti di inferiorità numerica (Robinson in panca puniti). L’ultima fiammata giallorossa è al 52° quando il solito Pittis impegna severamente Dell’Olio. Al 53° il Pontebba perviene al meritato pareggio sfruttando al meglio una situazione di doppia superiorità numerica, è del giovane Lutz la conclusione vincente. L’Asiago non reagisce e al 55° arriva la rete del vantaggio ospite, ancora una volta on doppia superiorità numerica: questa volta è Gorman a beffare la difesa giallorossa da posizione impossibile. I leoni giallorossi giocano confusamente e neanche il timeout di Sacilotto con conseguente sesto uomo in pista al posto del portiere porta ad una reazione, è così Zbontar a chiudere il match realizzando a porta vuota la rete del definitivo 4 a 2.